Gustavo Adolfo di Svezia (1906-1947)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustavo Adolfo di Svezia
Bianca Wallin - Porträtt av Prins Gustaf Adolf, 1939.JPG
Duca di Västerbotten
Stemma
Nome completo Gustaf Adolf Oscar Fredrik Arthur Edmund
Nascita Stoccolma, 22 aprile 1906
Morte Aeroporto di Copenaghen, 26 gennaio 1947
Dinastia Bernadotte
Padre Gustavo VI Adolfo di Svezia
Madre Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha
Consorte Sibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha
Figli Principessa Margherita
Principessa Brigitta
Principessa Desirée
Principessa Cristina
Carlo XVI Gustavo

Gustavo Adolfo di Svezia (nome completo Gustaf Adolf Oscar Frederik Arthur Edmund Bernadotte[1]) (Stoccolma, 22 aprile 1906Copenaghen, 26 gennaio 1947) , duca di Västerbotten, fu principe ereditario del trono svedese[1].

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Gustavo Adolfo era il figlio maggiore di Gustavo VI Adolfo di Svezia (1882-1973) e della sua prima moglie Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha (1882-1920)[1], al tempo della sua nascita principi ereditari della corona di Svezia.
Crebbe nel Palazzo Reale di Stoccolma, con i quattro fratelli minori: Sigvard, Ingrid, Bertil e Carlo Giovanni. Siccome la madre era una principessa britannica, l'inglese fu la lingua madre di Gustavo Adolfo e dei suoi fratelli.
Nel 1920 la principessa Margherita morì. Pare che la perdita della madre fosse la causa del lungo periodo di malattia che colpì Gustavo Adolfo, che lo costrinse ad abbandonare gli studi per un anno.
Nel 1923 il padre si risposò con la principessa Luisa Mountbatten (1889-1965) e la famiglia si trasferì al Palazzo di Ulriksdal, mentre per i periodi estivi si recavano nel Palazzo di Sofiero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gustavo Adolfo studiò nel collegio di Värmland tra il 1918 e il 1924. In seguito ricevette un'educazione di tipo militare, raggiungendo il grado di sottotenente nel reggimento di Livgarde. Alla Scuola Superiore della Guerra ottenne il grado di capitano di cavalleria. Il suo servizio all'interno dell'esercito occupò gran parte della sua vita.
Presso l'università di Uppsala studiò economia politica, diritto e storia, oltre alle lingue francese e tedesco. Continuò poi presso la Scuola Superiore di Economia approfondendo le sue conoscenze dell'economia e delle scienze sociali.

Nell'aprile del 1924, al raggiungimento della maggiore età Gustavo Adolfo assunse per la prima volta il governo in occasione di un viaggio all'estero compiuto dal re Gustavo V.

Egli fu Presidente del Comitato Olimpico Svedese, della Reale Federazione Sportiva Svedese, dell'Associazione Svedese di Caccia e del Club Aereo Svedese. Fu anche membro onorario dellAccademia delle Scienze e dellAccademia delle Scienze Militari.

Il Principe si distinse nell'equitazione, partecipando a numerosi concorsi e facendo parte della squadra svedese in occasione delle Olimpiadi del 1936.
Fu appassionato di musica, in particolare quella classica e amava molto vivere all'aria aperta, dedicandosi al giardinaggio e all'orticultura.

Il Principe e i suoi fratelli compivano regolarmente dei viaggi in Inghilterra, e fu durante una visita a Londra nel 1931 che conobbe la sua futura sposa: la principessa Sibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha (1908-1972), figlia di Carlo Edoardo, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha e della principessa Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, e pronipote della regina Vittoria del Regno Unito.
Il matrimonio si celebrò il 19 ottobre del 1932[1] a Coburgo, con una cerimonia molto fastosa e alla presenza di numerosi membri delle famiglie nobili europee.

Gustavo Adolfo di Svezia e la famiglia

Essi ebbero cinque figli:[1]

Il principe Gustavo Adolfo rimase ucciso in un incidente aereo nel pomeriggio del 26 gennaio 1947 all'aeroporto di Kastrup, in Danimarca. Stava tornando a Stoccolma da una battuta di caccia e da una visita alla regina Giuliana dei Paesi Bassi. Il volo in ritardo della KLM da Amsterdam atterrò a Copenaghen per una fermata di routine prima di ripartire per la Svezia. Poco dopo essere nuovamente decollato, l'aereo, un Douglas DC-3, cadde da un'altitudine di 50 metri e precipitò esplodendo. Rimasero uccise tutte le ventidue persone a bordo, sedici passeggeri e sei membri dell'equipaggio. A bordo vi era anche la cantante e attrice statunitense Grace Moore.
I funerali di Gustavo Adolfo si tennero nella Cattedrale di Stoccolma il 4 febbraio. Il principe è sepolto nel Cimitero Reale della città di Stoccolma.

Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte
Bernadotte coa.svg

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Figli
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Figli
Carlo XVI Gustavo (1946)

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Gustavo Adolfo di Svezia Padre:
Gustavo VI Adolfo di Svezia
Nonno paterno:
Gustavo V di Svezia
Bisnonno paterno:
Oscar II di Svezia
Trisnonno paterno:
Oscar I di Svezia
Trisnonna paterna:
Giuseppina di Leuchtenberg
Bisnonna paterna:
Sofia di Nassau
Trisnonno paterno:
Guglielmo di Nassau
Trisnonna paterna:
Paolina di Württemberg
Nonna paterna:
Vittoria di Baden
Bisnonno paterno:
Federico I di Baden
Trisnonno paterno:
Leopoldo di Baden
Trisnonna paterna:
Sofia Guglielmina di Svezia
Bisnonna paterna:
Luisa di Prussia
Trisnonno paterno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonna paterna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Madre:
Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha
Nonno materno:
Arturo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna materna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Nonna materna:
Luisa Margherita di Prussia
Bisnonno materno:
Federico Carlo di Prussia
Trisnonno materno:
Carlo di Prussia
Trisnonna materna:
Maria di Sassonia-Weimar-Eisenach
Bisnonna materna:
Maria Anna di Anhalt
Trisnonno materno:
Leopoldo IV di Anhalt-Dessau
Trisnonna materna:
Federica di Prussia

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
— 22 aprile 1906
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare
— 22 aprile 1906
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Spada
— 22 aprile 1906
Cavaliere dell'Ordine di Carlo XIII - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Carlo XIII

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 1933
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia del principe Gustavo Adolfo di Svezia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 23 settembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 33088756 LCCN: no2006084226