Oscar II di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oscar II
Oscar II di Svezia
Oscar II di Svezia
Re di Svezia e Norvegia
Stemma
In carica 1872-1907
Predecessore Carlo XV di Svezia
Successore Gustavo V di Svezia
Nome completo Oskar av Bernadotte
Nascita Stoccolma, 21 gennaio 1829
Morte Stoccolma, 8 dicembre 1907
Luogo di sepoltura Chiesa di Riddarholmen, Stoccolma
Dinastia Bernadotte
Padre Oscar I di Svezia
Madre Giuseppina di Leuchtenberg
Consorte Sofia di Nassau
Figli Gustavo, Oscar, Carlo, Eugenio
Firma Autograf, Oscar II, Nordisk familjebok.png

Oscar II (Oscar Fredrik) (Stoccolma, 21 gennaio 1829Stoccolma, 8 dicembre 1907) fu re di Svezia dal 1872 alla sua morte e re di Norvegia dal 1872 al 1905.

Era il terzo figlio del re Oscar I di Svezia e Giuseppina di Leuchtenberg. Da parte di madre, era discendente di Gustavo I di Svezia e di una sorella di Carlo X di Svezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Stoccolma e alla nascita fu creato Duca di Östergötland. Entrò nella Marina Svedese all'età di 11 anni. Studiò all'Università di Uppsala, dove si distinse in matematica. Il 6 giugno 1857, sposò la Principessa Sofia Guglielmina, la figlia più giovane di Guglielmo di Nassau.

Successe al fratello Carlo XV il 18 settembre 1872, e fu incoronato re di Norvegia nella Cattedrale di Nidaros, a Trondheim, il 18 luglio 1873. In quell'occasione adottò il suo motto reale Brödrafolkens väl ("Il benessere dei popoli fratelli"). Mentre il re e la corte reale risiedevano perlopiù in Svezia, Oscar fece lo sforzo di imparare la lingua norvegese, e dall'inizio si rese conto dell'enorme difficoltà nel mantenere uniti i due paesi.

Gli eventi politici che portarono alla separazione pacifica della Norvegia dalla Svezia nel 1905 avrebbero potuto accadere prima, se non fosse stato per la pazienza e il tatto del re. Egli tuttavia negò a chiunque della sua corte di diventare Re di Norvegia, comunque si instaurarono relazioni più amichevoli prima della sua morte, che avvenne a Stoccolma l'8 dicembre 1907.

Oscar II di Svezia in un dipinto ufficiale

Politica[modifica | modifica wikitesto]

La sua acuta intelligenza e la riservatezza riguardo agli affari dinastici che riguardavano invece molti altri sovrani europei, diedero al re un peso considerevole, il che lo rese arbitro in questioni internazionali. Alla richiesta del Regno Unito, della Germania e degli Stati Uniti nel 1889, nominò il capo della giustizia di Samoa, e fu chiamato ad arbitrare in alcune questioni riguardanti sempre Samoa nel 1899.

Nel 1897 gli fu dato il potere di nominare un quinto arbitro, se necessario, nella disputa venezuelana. Si circondò di amicizie in Inghilterra per il suo generoso e schietto supporto alla Gran Bretagna al tempo della Seconda Guerra Boera (1899-1902), espresso in una dichiarazione resa al "Times" del 2 maggio 1900, quando invece il resto del continente era ostile.

Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte
Bernadotte coa.svg

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Figli
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Figli
Carlo XVI Gustavo (1946)

Scienza e arti[modifica | modifica wikitesto]

Oscar stesso si distinse come scrittore e intenditore di musica, e si rivelò un protettore del sapere, facendo molto per incoraggiare lo sviluppo dell'istruzione nei suoi possedimenti. Nel 1858, una collezione dei suoi poemi narrativi e delle liriche, Memoriali della Flotta Svedese, pubblicato in modo anonimo, vinse il secondo premio dell'Accademia Svedese. I suoi Contributi alla Storia Militare della Svezia negli Anni 1711, 1712, 1713, apparvero negli Annali dell'Accademia, e furono stampati separatamente nel 1865.

Le sue opere, che includevano i suoi discorsi, le traduzioni di Herder, di Goethe e di Torquato Tasso, furono raccolte il due volumi nel 1875-76, e in un'edizione più grande apparsa nel 1885-88 in tre volumi. I suoi inni di Pasqua e altri suoi poemi sono molto popolari nei paesi scandinavi. Le sue memorie di Carlo XII di Svezia furono tradotte in inglese nel 1879.

Nel 1881 fondò il primo museo all'aperto, nella sua residenza vicino a Kristiania, ora Oslo. Nel 1885 pubblicò una traduzione di uno dei suoi saggi sulla musica, apparso nel maggio del 1900. Scrisse una quantità considerevole di saggi musicali, accessibili agli studenti di musica.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Re Oscar II si sposò con Sofia di Nassau, figlia del duca Guglielmo di Nassau e della sua seconda moglie Paolina di Württemberg e sorella minore del granduca Adolfo di Lussemburgo.
Essi ebbero quattro figli:

Il primogenito, Oscar Gustavo Adolfo, duca di Värmland, gli successe come Re Gustavo V di Svezia. Il secondo figlio, Oscar, rinunciò ai suoi diritti reali al momento del matrimonio nel 1888 con una ragazza incinta, Miss Ebba Munck; da quel momento assunse il titolo di Principe Bernadotte e dal 1892 fu noto come Conte Wisborg. Gli altri figli del Re erano Carlo, duca di Västergötland, che sposò la Principessa Ingeborg di Danimarca, e il Principe Eugenio, duca di Närke, ben conosciuto artista.

Come Re di Norvegia, fu dopo gli eventi del 1905 succeduto dal pronipote Principe Carlo di Danimarca, nipote del fratello Carlo. Carlo di Danimarca ascese al trono norvegese nel 1905 col nome di Haakon VII.

Harald V di Norvegia, il pronipote di Oscar II (nipote del suo terzo figlio, il Duca di Västergötland), successe nel 1991 al trono di Norvegia, prima retto dall'avo Oscar stesso.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]


Oscar II di Svezia Padre:
Oscar I di Svezia
Nonno paterno:
Carlo Giovanni XIV di Svezia
Bisnonno paterno:
Jean Henri Bernadotte
Trisnonno paterno:
Jean Bernadotte
Trisnonna paterna:
Marie du Pucheu
Bisnonna paterna:
Jeanne de Saint Vincent
Trisnonno paterno:
Jean de Saint Vincent
Trisnonna paterna:
Marie d'Abbadie de Sireix
Nonna paterna:
Désirée Clary
Bisnonno paterno:
François Clary
Trisnonno paterno:
Joseph Clary
Trisnonna paterna:
Françoise Agnes Ammoric
Bisnonna paterna:
Françoise Rose Somis
Trisnonno paterno:
Joseph Ignace Somis
Trisnonna paterna:
Catherine Rose Soucheiron
Madre:
Giuseppina di Leuchtenberg
Nonno materno:
Eugenio di Beauharnais
Bisnonno materno:
Alexandre de Beauharnais
Trisnonno materno:
François V de Beauharnais
Trisnonna materna:
Marie Anne Henriette Françoise Pyvart de Chastulle
Bisnonna materna:
Giuseppina de Tascher de la Pagèrie
Trisnonno materno:
Joseph-Gaspard de Tascher de La Pagerie
Trisnonna materna:
Rose-Claire des Vergers de Sanois
Nonna materna:
Augusta di Baviera
Bisnonno materno:
Massimiliano I di Baviera
Trisnonno materno:
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonna materna:
Maria Francesca del Palatinato-Sulzbach
Bisnonna materna:
Augusta Guglielmina d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Oscar II in barca, incisione di Anders Zorn.
  • Il nome e il ritratto di Oscar II sono stati usati come marchio di fabbrica per le Sardine Re Oscar, e per i biscotti Pepparkakor, nonché per altri prodotti di pasticceria della Göteborgs Kex AB.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
— 21 gennaio 1829
Gran Maestro dell'Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Stella Polare
Gran Maestro dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Spada
Gran Maestro dell'Ordine di Vasa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Vasa
Gran Maestro dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav
Gran Maestro dell'Ordine del Leone di Norvegia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Leone di Norvegia
Gran Maestro dell'Ordine di Carlo XIII - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Carlo XIII

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 1848
Gran Commendatore dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia)
— 1862
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia)
— 1862
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito)
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 45613338 LCCN: n80166882