Sigvard Bernadotte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sigvard Bernadotte
Il principe Sigvard di Svezia davanti ad alcune sue opere in argento
Il principe Sigvard di Svezia davanti ad alcune sue opere in argento
Duca di Uppland
Stemma
In carica 7 giugno 1907 –
8 marzo 1934
Predecessore titolo creato (in precedenza detenuto da Gustavo di Svezia)
Successore titolo vacante
Conte di Wisborg
In carica 2 luglio 1951 –
4 febbraio 2002
Nome completo Sigvard Oscar Fredrik Bernadotte
Nascita Stoccolma, 7 giugno 1907
Morte Stoccolma, 4 febbraio 2002
Dinastia Bernadotte
Padre Gustavo VI Adolfo di Svezia
Madre Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha
Coniugi Erica Maria Patzek
Sonja Christensen Robbert
Marianne Lindberg
Figli Michael Sigvard Bernadotte af Wisborg
Religione Chiesa di Svezia

Sigvard Oscar Federico Bernadotte (Drottningholm, 7 giugno 1907Stoccolma, 4 febbraio 2002) è stato un principe svedese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlio del re Gustavo VI Adolfo di Svezia e della prima moglie Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Duca di Uppland, rinunciò al suo titolo nel 1934 quando sposò una borghese: Erika Patzek. Il matrimonio venne celebrato a Londra l'8 marzo 1934 e finì col divorzio nel 1943. Rinunciando al titolo di principe venne anche tolto dalla linea di successione.

Tentò tuttavia negli anni di riavere almeno il titolo di principe: chiese prima al nipote Carlo XVI Gustavo di Svezia e fece istanza anche alla Corte europea dei diritti dell'uomo. Nel 2004, dopo la sua morte, la corte dichiarò la richiesta inammissibile[1].

Si sposò nuovamente il 26 ottobre 1943, a Copenaghen, con Sonia de Robbert, da cui divorziò nel 1961[2].

Quello stesso anno, a Stoccolma il 30 luglio, contrasse nuovo matrimonio con Marianne Lindberg[2].

Il 2 luglio 1951 da Carlotta di Lussemburgo venne fatto conte Bernadotte di Wisborg.[2]

Ebbe un solo figlio, nato dal secondo matrimonio[2]:

  • Michael Sigvard (Copenaghen, 21 agosto 1944-); nel 1976 ha sposato Christine Vellhöjer da cui ha avuto nel 1980 la figlia Kajsa Michaela Sophia.

Era un noto designer industriale. Tra le sue realizzazioni vanno ricordate alcune opere in argento per Georg Jensen e la carrozzeria di molte macchine da ufficio prodotte dalla Facit.

Dal 1994 al 2002 fu il più anziano discendente della regina Vittoria del Regno Unito. Morì a 94 anni nel 2002, record che gli venne strappato dal fratello Carlo Giovanni.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze svedesi[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
— 7 giugno 1907, revocato nel 1934
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare
— 7 giugno 1907, revocato nel 1934 e riammesso nel 1952
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Spada
— 7 giugno 1907, revocato nel 1934
Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Gustavo V di Svezia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Gustavo V di Svezia
— 1928
Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte
Bernadotte coa.svg

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Carlo XVI Gustavo (1946)
Medaglia commemorativa del novantesimo genetliaco di Gustavo V di Svezia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa del novantesimo genetliaco di Gustavo V di Svezia
— 21 maggio 1948

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 1952
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia (Sassonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia (Sassonia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://cmiskp.echr.coe.int/tkp197/view.asp?item=1&portal=hbkm&action=html&highlight=69688/01&sessionid=10807042&skin=hudoc-en
  2. ^ a b c d Bernadotte

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]