Marta di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marta di Svezia
MärthaNorwayNéeSweden.jpg
Principessa della Corona di Norvegia
Stemma
Nome completo Märtha Sofia Lovisa Dagmar Thyra
Nascita Palazzo del Principe Ereditario, Stoccolma, 28 marzo 1901
Morte Ospedale Universitario Rikshospitalet, Oslo, 5 aprile 1954
Padre Carlo di Svezia
Madre Ingeborg di Danimarca
Consorte Olav V di Norvegia
Figli Ragnhild di Norvegia
Astrid di Norvegia
Harald V di Norvegia
Religione Luteranesimo

Marta di Svezia (in svedese Märtha Sofie Lovisa Dagmar Thyra Bernadotte[1]), nata principessa di Svezia (Stoccolma, 28 marzo 1901Oslo, 5 aprile 1954) fu dal 1929 al 1954 la consorte del principe ereditario Olav di Norvegia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Marta era figlia di Carlo duca di Västergötland[1], fratello del re Gustavo V, e della principessa Ingeborg di Danimarca[1]. I suoi nonni erano il re Oscar II di Svezia e il re Federico VIII di Danimarca.

Marta nacque principessa di Svezia e Norvegia, in quanto, fino al 1905, entrambi i paesi erano uniti sotto lo stesso monarca. Il padre di Marta, Carlo, fu candidato al trono di Norvegia quando questo paese decise di separarsi dalla Svezia. Egli dovette però ritirare la candidatura a causa dell'opposizione paterna alla nascita della nuova nazione.

Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte
Bernadotte coa.svg

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Carlo XVI Gustavo (1946)

Dopo un fidanzamento segreto, in seguito ufficializzato, Marta sposò il 21 marzo del 1929[1], a Oslo, il cugino Olav di Norvegia, figlio del re Haakon VII di Norvegia, fratello di sua madre Ingeborg, e della regina Maud, nata principessa del Galles e figlia del re Edoardo VII del Regno Unito.

Marta divenne rapidamente popolare in Norvegia, grazie ai suoi modi estroversi.
Durante la seconda guerra mondiale visse con i suoi figli a Washington, dove il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt offrì loro ospitalità. Durante questi anni lavorò per la Croce Rossa e difese la causa norvegese sia nei confronti dell'opinione pubblica che nei confronti del Governo statunitense.

Dopo una lunga battaglia contro il cancro, Marta morì a Oslo il 5 aprile del 1954. Olav divenne re nel 1957, con il nome di Olav V di Norvegia.

La sua attività filantropica fu realizzata attraverso la Fondazione Principessa Ereditaria Marta (Kronprinsesse Marta minnefond), istituita il 1º aprile 1929.

La Costa della principessa Marta, un'area di 970.000 km2 della regione antartica, fu chiamata così in suo onore.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Marta e Olav ebbero tre figli:[1]

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Marta di Svezia Padre:
Carlo di Svezia
Nonno paterno:
Oscar II di Svezia
Bisnonno paterno:
Oscar I di Svezia
Trisnonno paterno:
Carlo Giovanni XIV di Svezia
Trisnonna paterna:
Désirée Clary
Bisnonna paterna:
Giuseppina di Leuchtenberg
Trisnonno paterno:
Eugenio di Beauharnais
Trisnonna paterna:
Augusta di Baviera
Nonna paterna:
Sofia di Nassau
Bisnonno paterno:
Guglielmo di Nassau
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Nassau-Weilburg
Trisnonna paterna:
Luisa Isabella di Kirchberg
Bisnonna paterna:
Paolina di Württemberg
Trisnonno paterno:
Paolo Federico di Württemberg
Trisnonna paterna:
Carlotta di Sassonia-Hildburghausen
Madre:
Ingeborg di Danimarca
Nonno materno:
Federico VIII di Danimarca
Bisnonno materno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonna materna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Bisnonna materna:
Luisa d'Assia-Kassel
Trisnonno materno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonna materna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Nonna materna:
Luisa di Svezia
Bisnonno materno:
Carlo XV di Svezia
Trisnonno materno:
Oscar I di Svezia
Trisnonna materna:
Giuseppina di Leuchtenberg
Bisnonna materna:
Luisa dei Paesi Bassi
Trisnonno materno:
Federico d'Orange-Nassau
Trisnonna materna:
Luisa di Prussia

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze norvegesi[modifica | modifica sorgente]

Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav
— [2]
Dama dell'Ordine Famigliare Reale del Re Haakon VII - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine Famigliare Reale del Re Haakon VII
Medaglia del giubileo d'argento di Haakon VII - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Haakon VII
— 18 novembre 1930

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia della principessa Marta di Svezia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 17 settembre 2009.
  2. ^ Principessa Ereditaria Marta di Norvegia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]