Maud del Galles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Maud di Sassonia-Coburgo-Gotha)
Maud
La regina Maud in fotografia del 1900
La regina Maud in fotografia del 1900
Regina consorte di Norvegia
Stemma
In carica 18 novembre 1905 – 20 novembre 1938
Incoronazione 22 giugno 1906
Predecessore Sofia di Nassau
Successore Sonja di Norvegia
Nome completo Maud Charlotte Mary Victoria
Trattamento Maestà
Altri titoli S.M. La Regina di Norvegia

S.A.R. Principessa Maud di Danimarca
S.A.R. Principessa Maud del Galles

Nascita Marlborough House, 26 novembre 1869
Morte Londra, 20 novembre 1938
Luogo di sepoltura Fortezza di Akershus, Oslo
Casa reale Sassonia-Coburgo-Gotha
Padre Edoardo VII del Regno Unito
Madre Alessandra di Danimarca
Consorte di Haakon VII di Norvegia
Figli Olav V di Norvegia

Maud del Galles, in inglese Maud Charlotte Mary Victoria of Wales (Londra, 26 novembre 1869Londra, 20 novembre 1938), fu regina di Norvegia dal 1906 al 1938 come consorte di Haakon VII di Norvegia (1872-1957).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famiglia d'origine[modifica | modifica sorgente]

Maud nacque Principessa del Galles, fu l'ultima figlia di Edoardo VII del Regno Unito (1841-1910) e della sua consorte Alessandra di Danimarca (1844-1925), al momento della sua nascita Principi ereditari del Regno Unito. I suoi nonni paterni furono la regina Vittoria del Regno Unito (1819-1901) e il marito Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha (1819-1861), quelli materni il re Cristiano IX di Danimarca (1818-1906) consorte di Luisa d'Assia-Kassel (1817-1898), erede della corona di Danimarca.

Durante la sua infanzia Maud partecipò a quasi tutte le visite che i genitori facevano annualmente in Danimarca, terra natale della principessa Alessandra, ed anche ai viaggi in nave che la madre e le sorelle maggiori, Vittoria e Luisa, fecero lungo le coste della Norvegia e nel Mare Mediterraneo.
Nel 1887 lei e le sorelle furono insignite dalla regina Vittoria dell'Onorificenza dell'Ordine Imperiale della Corona delle Indie. In seguito essa ricevette anche l'onorificenza del Reale Ordine di Vittoria e Alberto e quella della Grande Croce dell'Ordine di San Giovanni dell'Ospedale di Gerusalemme.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Per Maud si avviarono delle trattative di matrimonio con Casa Savoia, che voleva trovare una moglie per Vittorio Emanuele, principe di Napoli; le trattative non giunsero a buon termine a causa di un dissidio circa la religione dei due sposi. Per divenire regina d'Italia, Maud avrebbe dovuto rinunciare alla fede protestante: l'Italia premeva affinché l'abiura avvenisse prima delle nozze, mentre l'Inghilterra era per il dopo. Nonostante Papa Leone XIII fosse anch'esso per il dopo, la regina Margherita insisteva per il prima; Benedetto Brin, ministro degli Esteri, affermava che la Regina non desiderava veder offuscata la sua celebrata bellezza dall'arrivo di una giovane e incantevole nuora.[1]

Maud con il marito e il figlio

Il 22 luglio del 1896 Maud sposò, nella cappella privata del Palazzo di Buckingham, il principe Carlo di Danimarca, figlio secondogenito del futuro Re di Danimarca Federico VIII (1843-1912) e della principessa Luisa di Svezia (1851-1926).
Il padre di Maud, Edoardo, regalò agli sposi, in occasione del matrimonio, la tenuta di Appleton House, che servì da residenza per le frequenti visite che la coppia fece nel Regno Unito. Fu proprio in Appleton House che nacque il loro unico figlio:

Il principe Carlo prestava servizio presso le forze navali danesi e la sua famiglia visse prevalentemente in Danimarca fino al 1905. Nel luglio di quell'anno il parlamento norvegese dissolse l'unione che univa la Norvegia alla Svezia ed offrì la nuova corona a Carlo di Danimarca. Nel novembre dello stesso anno in Norvegia un plebiscito si concluse a favore della monarchia, ed il Principe accettò l'offerta di diventare re. Assunse il nome di Haakon VII, mentre il figlio Alessandro venne chiamato Olav, futuro re Olav V.

Haakon e Maud furono incoronati nella cattedrale di Trondheim il 22 giugno del 1906.

Come regina di Norvegia Maud promosse numerose attività di beneficenza, in favore soprattutto dell'infanzia e per la protezione degli animali.
Imparò a praticare lo sci, sport molto popolare nella sua nuova patria.
Nella residenza reale di Kongsseteren, nella città di Oslo, si dedicò alla cura di un giardino all'inglese.
Incoraggiò musicisti ed artisiti e divenne famosa per il suo lussuoso ed elegante guardaroba, esposto al Victoria and Albert Museum nel 2005.

L'ultima sua apparizione pubblica fu in Gran Bretagna, nel 1937 in occasione dell'incoronazione del nipote Giorgio VI del Regno Unito.

La regina Maud morì a Londra il 20 novembre del 1938 a causa di una crisi cardiaca, tre giorni dopo avere subito un intervento chirurgico. La salma fu riportata in Norvegia dalla corazzata britannica HMS Royal Oak e sepolta nel mausoleo reale del Castello di Akershus.

In suo onore furono nominati la Terra della regina Maud e i Monti della regina Maud nella regione Antartica e anche il Golfo della regina Maud in Nunavut, Canada.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma personale della principessa Maud fino al 1905.

Onorificenze norvegesi[modifica | modifica sorgente]

Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav
Medaglia dell'Incoronazione di Haakon VII - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Incoronazione di Haakon VII
— 22 luglio 1906

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Dama dell'Ordine della Corona d'India - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine della Corona d'India
— 1887
Dama di Gran Croce del Venerabile Ordine di San Giovanni - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce del Venerabile Ordine di San Giovanni
Membro della Royal Red Cross - nastrino per uniforme ordinaria Membro della Royal Red Cross
Dama di I classe dell'Ordine Reale di Vittoria ed Alberto - nastrino per uniforme ordinaria Dama di I classe dell'Ordine Reale di Vittoria ed Alberto
Dama dell'Ordine familiare di Edoardo VII - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine familiare di Edoardo VII
Dama dell'Ordine Famigliare Reale di Re Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine Famigliare Reale di Re Giorgio VI

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Maud di Sassonia-Coburgo-Gotha Padre:
Edoardo VII del Regno Unito
Nonno paterno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno paterno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno paterno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna paterna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Bisnonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno paterno:
Augusto di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Meclemburgo-Schwerin
Nonna paterna:
Vittoria del Regno Unito
Bisnonno paterno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonno paterno:
Giorgio III del Regno Unito
Trisnonna paterna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno paterno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna paterna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Madre:
Alessandra di Danimarca
Nonno materno:
Cristiano IX di Danimarca
Bisnonno materno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonno materno:
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
Trisnonna materna:
Federica di Schlieben
Bisnonna materna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Trisnonno materno:
Carlo d'Assia-Kassel
Trisnonna materna:
Luisa di Danimarca
Nonna materna:
Luisa d'Assia-Kassel
Bisnonno materno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonno materno:
Federico d'Assia-Kassel
Trisnonna materna:
Carolina di Nassau-Usingen
Bisnonna materna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Trisnonno materno:
Federico di Danimarca
Trisnonna materna:
Sofia Federica di Meclemburgo-Schwerin

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Antonio Spinosa, Vittorio Emanuele III. L'astuzia di un re, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1990, pp. 46-47

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]