Bernhard van Lippe-Biesterfeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bernardo dei Paesi Bassi
Il principe Bernhard van Lippe-Biesterfeld nel 1976
Il principe Bernhard van Lippe-Biesterfeld nel 1976
Principe consorte dei Paesi Bassi
Stemma
In carica 4 settembre 1948 - 30 aprile 1980
Predecessore Enrico di Meclemburgo-Schwerin
Successore Claus von Amsberg
Nome completo Bernhard Leopold Friedrich Eberhard Julius Kurt Karl Gottfried Peter di Lippe-Biesterfeld
Nascita Jena, 29 giugno 1911
Morte Utrecht, 1º dicembre 2004 (93 anni)
Luogo di sepoltura Nieuwe Kerk, Delft
Casa reale Lippe-Biesterfeld
Padre Bernardo di Lippe-Biesterfeld
Madre Armgard von Sierstorpff-Cramm
Consorte di Giuliana dei Paesi Bassi
Figli Beatrice Guglielmina Armgard
Irene Emma Elisabetta
Margherita Francesca
Maria Cristina

Bernhard van Lippe-Biesterfeld (Jena, 29 giugno 1911Utrecht, 1º dicembre 2004) alla nascita conte Bernhard Leopold Friedrich Eberhard Julius Kurt Karl Gottfried Peter di Lippe-Biesterfeld, in seguito elevato a principe dal sovrano di Lippe, dal 1937 principe dei Paesi Bassi, è stato il consorte della regina Giuliana dei Paesi Bassi ed il padre della regina Beatrice dei Paesi Bassi. Dal 1937 al 1980 Il principe era ufficialmente conosciuto come "sua altezza reale il principe dei Paesi Bassi". Il suo soprannome informale era Benno.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il principe Bernardo nel 1944, dopo la liberazione di Eindhoven.

Apparteneva alla famiglia sovrana tedesca dei Lippe-Biesterfeld ed era figlio dei principi Bernardo di Lippe (1872-1934) ed Armgard von Sierstorpff-Cramm (1883-1971). Il suo unico fratello, Aschwin van Lippe (1914-1988) sposò la principessa Simone Arnoux (1915-2001).

È stato principe consorte dei Paesi Bassi, presidente del Worldwide Fund for Nature (WWF) dalla fondazione nel 1961 fino al 1971, e fu affiliato al NSDAP[1] meglio conosciuto come Partito Nazista con tessera No. 2583009 del 1 maggio 1933 fino al termine della sua carriera universitaria.

Partecipò alla resistenza anti-tedesca e poi alla liberazione di Amsterdam. Nel dopoguerra assunse importanti posizioni nell'industria petrolifera, in particolare con la Royal Dutch Petroleum (Shell Oil) e nella Société Générale de Belgique.

Fu presidente del Gruppo Bilderberg fino a quando nel 1976 diede le dimissioni per lo scandalo di una tangente da 1,1 milioni di dollari dalla Lockheed Corporation per la vendita di aerei caccia all'aviazione olandese. Il primo ministro dei Paesi Bassi ordinò una inchiesta sul fatto, mentre il principe Bernardo si rifiutò di rispondere alle domande dei giornalisti affermando: "Sono al di sopra di queste cose".

Il 26 agosto 1976 un rapporto sulle sue attività, censurato e dai toni moderati, venne rilasciato pubblicamente e il principe fu costretto a dimettersi dalle sue posizioni militari (tenente ammiraglio, generale e ispettore generale delle forze armate). Lasciò anche i suoi incarichi nei consigli di amministrazione di molte imprese, enti benefici, del World Wild Life Fund e di altre istituzioni e accettò inoltre di non indossare più le sue amate uniformi. In cambio gli Stati Generali dei Paesi Bassi accettarono che non ci fosse nessun processo penale. Il governo aveva manipolato il rapporto sulla condotta del principe ed aveva rimosso i casi recenti di corruzione., mentre i casi che vennero resi pubblici erano andati in prescrizione e non erano più perseguibili.[2]

Secondo rivelazioni della rivista Newsweek del 5 aprile 1976, le attività di spionaggio di van Lippe a favore delle unità speciali delle Schutzstaffel nella industria chimica IG Farben sono documentate dalle testimonianze del processo di Norimberga.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

La principessa Giuliana ed il principe Bernardo il giorno del loro matrimonio, nel settembre 1936.

Bernardo conobbe la principessa Giuliana ai Giochi olimpici del 1936 ed il successivo fidanzamento venne sostenuto dalla regina Guglielmina dei Paesi Bassi. Il principe Bernardo era un giovane uomo d'affari con uno stile di vita vivace. La principessa Giuliana si innamorò profondamente del fidanzato, un amore che sarebbe durato una vita, nonostante alcuni attriti durante la guerra a causa delle molte e note relazioni extraconiugali e figli illegittimi del principe.[senza fonte] Grazie ad un documento legale che stabiliva esattamente cosa il principe tedesco poteva e non poteva fare, e la quantità di denaro che poteva aspettarsi dall'unica erede della famiglia reale olandese, la regina Guglielmina ufficializzò il fidanzamento della coppia, che venne annunciato l'8 settembre 1936.

L'annuncio del matrimonio divise una nazione che non si fidava della Germania di Adolf Hitler. Prima delle nozze, il 24 novembre 1936, il principe Bernardo ottenne la cittadinanza olandese e cambiò la pronuncia del suo nome da tedesca a olandese. La coppia si sposò a L'Aia il 7 gennaio 1937, la stessa data in cui i nonni di Giuliana, re Guglielmo III e regina Emma, si erano sposati cinquantotto anni prima. La cerimonia civile si svolse nel municipio dell'Aia e il matrimonio venne benedetto nella chiesa di San Giacomo (St. Jacobskerk), sempre all'Aia. La giovane coppia prese residenza al palazzo Soestdijk, a Baarn.

Bernardo e Giuliana ebbero quattro figlie:

Statua della regina Giuliana dei Paesi Bassi e del Principe Bernardo nei giardini del Palazzo Soestdijk[3].

Durante la seconda guerra mondiale e l'occupazione tedesca dei Paesi Bassi, il principe e la principessa decisero di lasciare il paese con le due figlie per il Regno Unito. Giuliana vi rimase per un mese prima di portare le figlie a Ottawa, capitale del Canada, dove visse a Stornoway House nel sobborgo di Rockcliffe Park.

Palazzo Soestdijk, dove la regina Giuliana e il principe Bernardo hanno vissuto per oltre sei decenni.

Alcuni considerarono un atto di codardia del governo e dell'intera famiglia reale scappare dal paese e lasciare il popolo olandese sotto l'occupazione nazista. Nella primavera del 1946 la principessa Giuliana e il principe Bernardo visitarono le nazioni che avevano aiutato i Paesi Bassi durante l'occupazione.

Quando nacque la sua terza figlia, Margherita, il parlamento del Canada approvò una legge speciale che dichiarava le stanze della principessa Giuliana all'ospedale civile di Ottawa come extraterritoriali, così che la neonata avrebbe avuto esclusivamente la nazionalità olandese. Se non fosse stato preso questo accorgimento, la principessa Margherita non avrebbe potuto essere nella linea di successione al trono olandese. Il governo canadese fece sventolare il tricolore olandese sulla Torre della Pace del Parlamento, mentre le campane suonarono musica olandese alla notizia della nascita della principessa Margherita. Il principe Bernardo, che era rimasto a Londra con la regina Guglielmina e i membri del governo olandese in esilio, fu in grado di visitare la famiglia in Canada e di essere presente alla nascita della figlia.

Nel 1963 Bernardo e Giuliana affrontarono una crisi con la parte protestante della popolazione, quando la loro figlia Irene si convertì segretamente al cattolicesimo e, senza l'approvazione del governo, il 29 aprile 1964 sposò il principe Carlos Hugo di Borbone, duca di Parma e pretendente al trono spagnolo, nonché esponente di spicco del partito carlista spagnolo. Una nuova crisi conseguente ad un matrimonio si verificò con l'annuncio nel luglio 1965 del fidanzamento della principessa Beatrice, erede al trono, con un diplomatico tedesco, Claus von Amsberg, che era stato un membro della Gioventù Hitleriana e della Wehrmacht nazista. Molti cittadini olandesi infuriati dimostrarono nelle strade, e tennero comizi e manifestazioni contro la relazione "traditrice".

Dalla metà degli anni 1990, Giuliana soffrì per il progressivo avanzare della senilità (attribuita da molti alla malattia di Alzheimer, anche se ciò venne negato dalla famiglia reale) e non fece più apparizioni in pubblico. Su ordine dei medici della famiglia reale, Giuliana venne assistita 24 ore su 24 da due infermiere. Il principe Bernardo ammise pubblicamente in un'intervista televisiva del 2001, che Giuliana non era più in grado di riconoscere i suoi familiari.

Giuliana morì otto mesi prima di Bernardo, il 20 marzo 2004 a 94 anni d'età, nel Palazzo Soestdijk a Baarn, per complicazioni dovute a una polmonite.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Stendardo di Bernardo di Lippe-Biesterfeld

Standard of Bernhard of Lippe-Biesterfeld as Royal consort of the Netherlands.png


Onorificenze olandesi[modifica | modifica sorgente]

Gran maestro dell'Ordine dell'Arca d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dell'Arca d'oro
Gran maestro e cavaliere dell'Ordine di San Giovanni del baliaggio dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e cavaliere dell'Ordine di San Giovanni del baliaggio dei Paesi Bassi
Commendatore dell'Ordine Militare di Guglielmo - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Militare di Guglielmo
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
Cavaliere dell'Ordine del Leone d'oro di Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone d'oro di Nassau
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Casata d'Orange - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Casata d'Orange
Vliegerkruis (Croce di aviatore) - nastrino per uniforme ordinaria Vliegerkruis (Croce di aviatore)
— 1941
Medaglia del matrimonio del 1937 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del matrimonio del 1937
— 7 gennaio 1937
Medaglia dell'Investitura della regina Giuliana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Investitura della regina Giuliana
— 4 settembre 1948
Medaglia del matrimonio del 1966 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del matrimonio del 1966
— 10 marzo 1966
Medaglia dell'Investitura della regina Beatrice - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Investitura della regina Beatrice
— 30 aprile 1980
Medaglia del matrimonio del 2002 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del matrimonio del 2002
— 2 febbraio 2002

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grande stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca (Austria)
— 1961
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina)
Gran cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Croix de guerre 1939-1945 con palma (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945 con palma (Belgio)
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Stella dei Karađorđević (Casa di Karađorđević) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Stella dei Karađorđević (Casa di Karađorđević)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del valore (Camerun) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del valore (Camerun)
Collare dell'Ordine al merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al merito (Cile)
Croce di guerra cecoslovacca (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra cecoslovacca (Cecoslovacchia)
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Boyacá (Colombia)
Cavaliere di Gran croce con stella d'oro dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce con stella d'oro dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo (Colombia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale della Costa d'Avorio (Costa d'Avorio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale della Costa d'Avorio (Costa d'Avorio)
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 1946
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine nazionale al merito (Ecuador) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine nazionale al merito (Ecuador)
Cavaliere di I classe dell'Ordine di Abdon Calderón (Ecuador) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di Abdon Calderón (Ecuador)
Commendatore di gran croce dell'Ordine della Rosa bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di gran croce dell'Ordine della Rosa bianca (Finlandia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Commendatore dell'Ordine delle Palme Accademiche (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine delle Palme Accademiche (Francia)
Croix de guerre 1939-1945 con palma (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945 con palma (Francia)
Medaglia dell'aeronautica (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'aeronautica (Francia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Sigillo di Salomone (impero d'Etiopia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Sigillo di Salomone (impero d'Etiopia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della regina di Saba (Impero d'Etiopia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della regina di Saba (Impero d'Etiopia)
Gran cordone dell'Ordine dei Pahlavi (Impero d'Iran) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine dei Pahlavi (Impero d'Iran)
Medaglia commemorativa per il 2500º anniversario dell'impero persiano (Impero d'Iran) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il 2500º anniversario dell'impero persiano (Impero d'Iran)
— 14 ottobre 1971[4][5]
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stella di Mahaputera (Indonesia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stella di Mahaputera (Indonesia)
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia)
— 23 ottobre 1973[6]
Cavaliere di gran stella dell'Ordine della Grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran stella dell'Ordine della Grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia)
Gran Cordone dell'Ordine dei Pionieri della Liberia (Liberia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine dei Pionieri della Liberia (Liberia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Stella d'Africa (Liberia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Stella d'Africa (Liberia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Corona di quercia (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Corona di quercia (Lussemburgo)
Croce di guerra lussemburghese (1939-1945) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra lussemburghese (1939-1945)
Collare dell'Ordine dell'Aquila azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine dell'Aquila azteca (Messico)
Membro dell'Ordine di Ojaswi Rajanya (Nepal) - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine di Ojaswi Rajanya (Nepal)
Cavaliere di Gran croce con stella d'argento dell'Ordine di Ruben Dario (Nicaragua) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce con stella d'argento dell'Ordine di Ruben Dario (Nicaragua)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
Collare dell'Ordine nazionale al merito (Paraguay) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine nazionale al merito (Paraguay)
Cavaliere di Gran croce con diamanti dell'Ordine del Sole del Perù (Perù) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce con diamanti dell'Ordine del Sole del Perù (Perù)
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al Merito per Servizio Distinto (Perù) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al Merito per Servizio Distinto (Perù)
Croce di guerra greca del 1940 di III classe (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra greca del 1940 di III classe (Regno di Grecia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale vittoriano (Regno Unito)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine dell'Impero britannico (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine dell'Impero britannico (Regno Unito)
Balivo di gran croce del Venerabile ordine di San Giovanni (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Balivo di gran croce del Venerabile ordine di San Giovanni (Regno Unito)
Medaglia dell'incoronazione di Giorgio VI (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione di Giorgio VI (Regno Unito)
— 1937
Medaglia dell'incoronazione di Elisabetta II (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione di Elisabetta II (Regno Unito)
— 2 giugno 1953
France and Germany Star (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria France and Germany Star (Regno Unito)
Defence Medal (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Defence Medal (Regno Unito)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Juan Pablo Duarte (Repubblica Dominicana) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Juan Pablo Duarte (Repubblica Dominicana)
Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 24 novembre 1969
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del 23 Agosto (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del 23 Agosto (Romania)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone (Senegal) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone (Senegal)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine piano (Santa Sede)
Balì gran croce di onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì gran croce di onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 15 marzo 1980[7]
Gran cordone dell'Ordine onorario della Stella gialla (Suriname) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine onorario della Stella gialla (Suriname)
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
Cavaliere di I classe dell'Ordine delle Nubi propizie (Taiwan) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine delle Nubi propizie (Taiwan)
Cavaliere dell'Ordine della Casata reale di Chakri (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Casata reale di Chakri (Thailandia)
Gran cordone dell'Ordine dell'Indipendenza (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine dell'Indipendenza (Tunisia)
Commendatore capo della Legion of Merit (USA) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore capo della Legion of Merit (USA)
Bronze Star Medal (USA) - nastrino per uniforme ordinaria Bronze Star Medal (USA)
World War II Victory Medal (USA) - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal (USA)
Gran cordone dell'Ordine del Liberatore (Venezuela) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine del Liberatore (Venezuela)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Bruno Waterfield, Dutch Prince Bernhard 'was member of Nazi party' in The Telegraph, 15 agosto 2011. URL consultato il 13 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Obituary: Prince Bernhard of the Netherlands in BBC News, 2 dicembre 2004. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  3. ^ Video footage of Queen Beatrix revealing the statue in the Palace garden on 19 May 2009.
  4. ^ Badraie
  5. ^ Badraie
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  7. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del WWF Successore WWF.jpg
- 1962 - 1976 John Hugo Loudon

Controllo di autorità VIAF: 97673056 LCCN: n80008828