Portale:Seconda guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale StoriaPortale GuerraProgetto StoriaProgetto GuerraSottoprogetto Storia contemporanea
P2GM.jpg
Oggi, 18 settembre, accadde…

1944 · Contrattacco delle forze corazzate tedesche in Lorena; dopo alcuni giorni di duri scontri, le unità meccanizzate americane respingono l'assalto nemico
Leggi la voce: Battaglia di Arracourt

La seconda guerra mondiale da navigare[modifica | modifica sorgente]

Teatro bellico[modifica | modifica sorgente]

Fronte occidentale · Fronte orientale · Nord Africa · Mediterraneo · Africa subsahariana e Medio Oriente · Asia e Pacifico · Atlantico

da guerra mondiale|Battaglie ed operazioni]] · Conferenze · Comandanti

Nazioni coinvolte (Personaggi)[modifica | modifica sorgente]

Alleati (Leader)[modifica | modifica sorgente]

Etiopia · Cina · Cecoslovacchia · Polonia · Regno Unito · India · Francia · Australia · Nuova Zelanda · Sudafrica · Canada · Norvegia · Belgio · Paesi Bassi · Grecia · Jugoslavia · Unione Sovietica · Stati Uniti · Filippine · Messico · Brasile

Asse e allineati (Leader)[modifica | modifica sorgente]

Bulgaria · Croazia · Finlandia · Germania · Ungheria · Iraq · Italia · Repubblica Sociale Italiana · Giappone · Manchukuo · Romania · Slovacchia · Thailandia · Francia di Vichy

Resistenza[modifica | modifica sorgente]

Albania  · Austria · Stati baltici · Belgio · Bielorussia · Boemia e Moravia · Corea · Danimarca · Resistenza ebraica · Estonia · Etiopia · Filippine · Francia · Grecia · Germania · Hong Kong · Italia · Jugoslavia · Lettonia · Lussemburgo · Norvegia · Paesi Bassi · Polonia · Slovacchia · Thailandia · Unione Sovietica · Ucraina occidentale · Vietnam

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Preludio[modifica | modifica sorgente]

Cause · Incidente di Ual Ual · Eventi in Asia · Eventi in Europa

Eventi pre-conflitto[modifica | modifica sorgente]

Anschluss · Occupazione dei Sudeti · Conferenza di Monaco · Occupazione dell'Albania · Patto Molotov-Ribbentrop

1939[modifica | modifica sorgente]

Invasione della Polonia · Strana guerra · Guerra d'inverno · Battaglia dell'Atlantico · Offensiva d'inverno in Cina

1940[modifica | modifica sorgente]

Danimarca e Norvegia · Invasione tedesca dei Paesi Bassi · Fall Gelb · Battaglia di Sedan · Battaglia della Mosa  · Battaglia di Dunkerque  · Campagna di Francia  · Battaglia d'Inghilterra · Libia e Egitto · Occupazione del Somaliland · Occupazione sovietica delle Repubbliche Baltiche · Bessarabia e Bukovina Settentrionale · Invasione dell'Indocina francese · Invasione della Grecia · Operazione Compass

1941[modifica | modifica sorgente]

Campagna dell'Africa Orientale Italiana · Invasione della Jugoslavia · Fronte Jugoslavo · Invasione della Grecia · Battaglia di Creta · Invasione dell'Unione Sovietica (Operazione Barbarossa) · Guerra di continuazione · Teatro del Medio Oriente · Battaglia di Kiev · Assedio di Leningrado · Battaglia di Mosca · Assedio di Sebastopoli · Attacco di Pearl Harbor · Battaglia di Hong Kong · Campagna delle Filippine (1941-42) · Campagna di Malesia · Campagna delle Indie Olandesi

1942[modifica | modifica sorgente]

Invasione giapponese della Birmania · Battaglia di Singapore  · Battaglia di Changsha · Battaglia del mar dei Coralli · Battaglia di al Gazala · Battaglia delle Midway · Battaglia di Crimea · Seconda battaglia di Char'kov · Operazione Blu · Battaglia di Stalingrado · Raid su Dieppe · Seconda battaglia di El Alamein · Operazione Torch · Campagna di Guadalcanal · Operazione Urano · Operazione Tempesta Invernale · Operazione Piccolo Saturno

1943[modifica | modifica sorgente]

Operazione Anello  · Battaglia del passo di Kasserine  · Fine in Africa · Offensiva Ostrogorzk-Rossoš · Offensiva Voronež-Kastornoe  · Operazione Stella · Terza battaglia di Char'kov · Battaglia di Kursk · Quarta battaglia di Char'kov · Operazione Kutuzov · Battaglia di Smolensk · Isole Salomone · Invasione della Sicilia · Offensiva del basso Dniepr · Offensiva di Kiev · Controffensiva di Žitomir  · Invasione Alleata dell'Italia · Operazione Achse  · Isole Gilbert e Marshall · Battaglia di Changde

1944[modifica | modifica sorgente]

Offensiva di Žitomir-Berdicev  · Cassino e Anzio · Narva · Battaglia di Korsun' · Offensiva Uman-Botoşani · Battaglia di Kam'janec'-Podil's'kyj · Battaglia di Crimea · Operazione Tempest · Operazione Ichi-Go · Sbarco in Normandia · Campagna delle isole Marianne e Palau · Operazione Bagration · Offensiva Lvov-Sandomierz · Rivolta di Varsavia · Offensiva Iași-Chișinău · Offensiva di Belgrado · Offensiva di Petsamo-Kirkenes · Liberazione di Parigi · Linea Gotica · Operazione Market Garden · Operazione Crossbow · Operazione Pointblank · Offensiva del Baltico  · Guerra di Lapponia · Battaglia di Debrecen · Battaglia di Budapest · Battaglia del Golfo di Leyte · Offensiva delle Ardenne · Teatro del sud-est asiatico

1945[modifica | modifica sorgente]

Operazione Vistola-Oder · Offensiva della Prussia orientale  · Operazione Frühlingserwachen · Battaglia di Iwo Jima · Battaglia di Okinawa · Offensiva finale in Italia · Battaglia di Vienna · Battaglia di Berlino · Offensiva di Praga · Assedio di Budapest · Battaglia dell'Hunan occidentale · Resa della Germania · Invasione sovietica della Manciuria · Liberazione delle Filippine · Campagna del Borneo · Bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki · Resa del Giappone

Conflitti contemporanei[modifica | modifica sorgente]

Guerra civile cinese · Guerra d'inverno · Guerra di frontiera russo-giapponese · Guerra Franco-Thailandese · Guerra Ecuadoriano–Peruviana · Ili Rebellion

Tematiche[modifica | modifica sorgente]

Tematiche generali[modifica | modifica sorgente]

Attacchi sul Nord America · Blitzkrieg · Comparazione tra gradi militari · Crittografia · Fronte interno · Decorazioni militari · Armi ed armamenti · Produzione militare · Saccheggi nazisti · Tecnologia · Guerra totale · Secondo fronte · Progetto Manhattan · Bombardamento strategico · Carestia del Bengala del 1943

Conseguenze della guerra[modifica | modifica sorgente]

Effetti · Modifiche territoriali · Espulsione dei Tedeschi · Operazione Paperclip · Occupazione della Germania · Piano Morgenthau · Modifiche territoriali · Occupazione sovietica della Romania, della Polonia, dell'Ungheria e degli Stati baltici · Occupazione del Giappone · Guerra d'Indocina · Guerra d'indipendenza indonesiana · Guerra fredda · Decolonizzazione · Cultura contemporanea

Crimini di guerra[modifica | modifica sorgente]

Crimini di guerra alleati · Crimini di guerra tedeschi · Crimini di guerra italiani · Crimini di guerra giapponesi · Crimini di guerra sovietici · Crimini di guerra statunitensi · Persecuzioni etniche in Jugoslavia durante la Seconda guerra mondiale · Olocausto

Stupri di guerra[modifica | modifica sorgente]

Stupri durante l'occupazione del Giappone · Comfort women · Stupro di Nanchino · Stupri durante l'occupazione della Germania

Prigionieri[modifica | modifica sorgente]

Prigionieri di guerra italiani nell'Unione Sovietica · Prigionieri di guerra giapponesi nell'Unione Sovietica · Prigionieri di guerra giapponesi nella seconda guerra mondiale · Prigionieri di guerra tedeschi nell'Unione Sovietica

Per approfondire[modifica | modifica sorgente]

Categorie · Portale

 Wiktionary ·  Wikibooks ·  Wikiquotes ·  Wikisource ·  Commons ·  Wikinews
JStalin Secretary general CCCP 1942.jpg
Iosif Vissarionovič Džugašvili - in russo: Иосиф Виссарионович Джугашвили; in georgiano იოსებ ბესარიონის ძე ჯუღაშვილი, Ioseb Besarionis Dze Jughašvili - (Gori, 21 dicembre 1878Mosca, 5 marzo 1953) fu un rivoluzionario e politico sovietico bolscevico conosciuto come Stalin (rus. Сталин, "d'acciaio"), Segretario Generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica e leader di tale Paese dal 1924 al 1953.
Accanto a Lenin, Trockij e altri, fu uno dei principali artefici del primo Stato socialista del mondo, l'Unione Sovietica. Sotto il suo governo l'URSS venne trasformata da Paese prevalentemente agricolo in un Paese industrializzato, nonostante le numerose carestie che provocarono milioni di morti. Isolata politicamente dal resto del mondo agli inizi della ascesa al potere di Stalin, alla sua morte l'Unione Sovietica era una delle due superpotenze mondiali, dotata di armi nucleari e leader dell'alleanza dei paesi socialisti dell'Europa orientale. Stalin fu anche un teorico del marxismo; la versione del marxismo-leninismo realizzatasi in via di fatto nei trent'anni del suo governo è nota come stalinismo con caratteristiche in parte marcatamente divergenti rispetto alla formulazione leninista del marxismo...
Bundesarchiv Bild 101I-265-0040A-22A, Russland, Panzer IV und Panzer II.jpg
Nella storia militare la guerra lampo, indicata anche con il termine tedesco originale Blitzkrieg, descrive una tattica militare usata dall'esercito tedesco all'inizio della seconda guerra mondiale nella quale movimenti ampi e rapidi di truppe meccanizzate non lasciavano all'avversario il tempo di organizzare una difesa stabile. La filosofia del Blitzkrieg era basata sull'uso massiccio dei carri armati, i cui primi esemplari erano già comparsi durante la prima guerra mondiale ma le cui possibilità strategiche non erano ancora state comprese interamente. Nel 2003, con la Seconda guerra del Golfo, vennero introdotti termini come "predominio rapido" e "Shock and awe" per indicare la versione moderna del Blitzkrieg.
Il Blitzkrieg era uno stile di combattimento veloce e aperto, che si affidava pesantemente alle nuove tecnologie. Nella prima fase, l'aviazione veniva usata come artiglieria a lungo raggio, per distruggere i capisaldi nemici, attaccare le concentrazioni di truppe e seminare il panico. Successivamente le forze combinate di carri armati e fanteria motorizzata, coordinate via radio, distruggevano gli obiettivi tattici prima di muoversi in profondità nel territorio nemico. Una differenza fondamentale con i precedenti modelli tattici era la devoluzione del comando. Sul campo i giovani ufficiali erano incoraggiati a usare la propria iniziativa, piuttosto che affidarsi a una struttura di comando centralizzata...
Schieramenti WWII.png
La seconda guerra mondiale è il conflitto che tra il 1939 e il 1945 ha visto confrontarsi da un lato le potenze dell'Asse e dall'altro i paesi Alleati. Viene definito «mondiale» in quanto, così come già accaduto per la Grande Guerra, vi parteciparono nazioni di tutti i continenti e le operazioni belliche interessarono gran parte del pianeta.

Ebbe inizio il 1º settembre 1939 con l'invasione della Polonia da parte della Germania; terminò, nel teatro europeo, l'8 maggio 1945 con la resa tedesca e, nel teatro asiatico, il successivo 2 settembre con la resa dell'Impero giapponese a seguito dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki.

È considerato il più grande conflitto armato della storia, e costò all'umanità sei anni di sofferenze, distruzioni e massacri per un totale di 55 milioni di morti. Le popolazioni civili si trovarono infatti direttamente coinvolte nel conflitto a causa dell'utilizzo di armi sempre più potenti e distruttive, spesso deliberatamente indirizzate contro obbiettivi non militari. Nel corso della guerra si consumò anche la tragedia dell'Olocausto perpetrata dai nazisti nei confronti del popolo ebraico.

Al termine del conflitto si instaurò un nuovo ordine mondiale, fondato sulla contrapposizione, nota come "guerra fredda", tra Stati Uniti d'America ed Unione Sovietica, mentre l'Europa, ridotta ad un cumulo di macerie, perse definitivamente la propria egemonia sul pianeta.
El Alamein 1942 - British infantry.jpg
La seconda battaglia di El Alamein si svolse tra il 23 ottobre e il 3 novembre 1942, durante la seconda guerra mondiale. A seguito della prima battaglia di El Alamein, che aveva bloccato l'avanzata delle forze dell'Asse comandate dal generale Erwin Rommel, il generale britannico Bernard Montgomery prese il comando dell'Ottava Armata britannica, fino ad allora comandata dal generale Neil Ritchie e, dopo il suo esonero, direttamente dal comandante in capo dello scacchiere Medio Oriente generale Claude Auchinleck, nell'agosto 1942. Il successo britannico in questa battaglia segnò il punto di svolta nella Campagna del Nord Africa, che si concluderà nel maggio 1943 con la resa delle forze dell'Asse in Tunisia.
Defendants in the dock at the Nuremberg Trials.jpg
Processo di Norimberga è il nome comunemente usato per due distinti gruppi di processi ai nazisti coinvolti nella seconda guerra mondiale e nella Shoah. I processi si tennero nella città tedesca di Norimberga (Nürnberg) dal 20 novembre 1945 al 1º ottobre 1946 nel Palazzo di Giustizia di Norimberga (l'unica corte tedesca abbastanza grande da poter contenere l'evento e che non fosse stata distrutta dai bombardamenti alleati). Il primo e più famoso di questi processi fu il Processo dei principali criminali di guerra davanti al Tribunale militare internazionale (IMT), che giudicò ventiquattro dei più importanti capi nazisti catturati (o ancora ritenuti in vita). Il secondo gruppo di processi fu per criminali di guerra inferiori, tenuto sotto la Legge numero 10 del Consiglio di Controllo dal Tribunale militare di Norimberga (NMT), e comprese anche il famoso Processo ai dottori. Questa voce tratta principalmente i processi del primo gruppo. Per i processi del secondo gruppo vedi la voce Processi secondari di Norimberga.
Battle of Midway.jpg
La battaglia delle Midway fu combattuta tra il 4 e il 6 giugno 1942, durante la seconda guerra mondiale: la Marina degli Stati Uniti respinse l'attacco della Marina Imperiale Giapponese di fronte alle Isole Midway, affondando quattro grandi portaerei di squadra nemiche e segnando così un punto di svolta nella guerra del Pacifico, con l'arresto dell'avanzata nipponica; con la successiva campagna di Guadalcanal sarebbe iniziata la controffensiva alleata e la lenta ritirata nipponica. Combattuta solo un mese dopo la battaglia del Mar dei Coralli, Midway fu la seconda battaglia navale della storia combattuta quasi completamente solo dalle forze aeree imbarcate sulle portaerei avversarie, senza contatto visivo tra le flotte contrapposte e senza scontri a fuoco tra navi di linea. Abilità, coraggio e fortuna, giocarono tutte un ruolo importante nella battaglia...
SpitfireIX 2 611Sqn Biggin Hill 1943.jpg
Il Supermarine Spitfire fu un caccia monoposto monomotore ad ala bassa prodotto dall'azienda britannica Supermarine Aviation Works negli anni trenta e quaranta. Impiegato in Europa, Nord Africa, Australia e Asia, divenne uno degli aerei simbolo della seconda guerra mondiale soprattutto per la sua tenace e quasi impossibile resistenza britannica all'aggressore tedesco...
Nagasakibomb.jpg
I bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki in Giappone furono due attacchi nucleari operati sul finire della Seconda guerra mondiale. Il mattino del 6 agosto 1945 alle 8.15, l'Aeronautica militare statunitense lanciò la bomba atomica "Little Boy" sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell'ordigno "Fat Man" su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100.000 a 200.000, quasi esclusivamente civili. Per la gravità dei danni diretti ed indiretti causati dagli ordigni, e per il fatto che si è trattato del primo e unico utilizzo in guerra di tali armi, i due attacchi atomici vengono considerati fra gli episodi bellici più significativi dell'intera storia dell'umanità...
Reichstag after the allied bombing of Berlin.jpg
La battaglia di Berlino fu la battaglia finale del teatro europeo della seconda guerra mondiale. Fu un massiccio attacco sovietico da est. La battaglia durò dal 16 aprile al 2 maggio 1945. Il 30 aprile Adolf Hitler, vista persa la guerra, si suicidò e la Germania si arrese l'8 maggio, 6 giorni dopo la fine della battaglia.
Bundesarchiv Bild 146-2006-0122, Hans-Joachim Marseille.jpg
Hans-Joachim "Jochen" Marseille (Berlino, 13 dicembre 1919Sidi Abd el Rahman, 30 settembre 1942) soprannominato "La Stella d'Africa" (in tedesco: Der Stern Von Africa) è stato un aviatore tedesco tra i maggiori assi della Luftwaffe durante la seconda guerra mondiale. A questo pilota vennero accreditate 158 vittorie aeree ottenute, per la maggior parte, durante la campagna del Nord Africa.
Portale:GuerraGuerra
Portale:FascismoFascismo
Portale:NazismoNazismo
Portale:ComunismoComunismo
Portale:Grande GuerraGrande Guerra
Portale:Guerra freddaGuerra fredda
Guerra Fascismo Nazismo Comunismo Grande Guerra Guerra fredda