Malattia di Alzheimer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Malattia di Alzheimer
Alzheimer's disease brain comparison.jpg
Confronto tra un cervello sano (a sinistra) e un cervello di una persona affetta da Malattia di Alzheimer (a destra)
Sede colpita Sistema nervoso centrale
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 331.0, 290.1
ICD-10 (EN) G30, F00
Eponimi
Alois Alzheimer

La malattia di Alzheimer, detta anche morbo di Alzheimer[1], demenza presenile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza degenerativa invalidante con esordio prevalentemente in età presenile (oltre i 65 anni, ma può manifestarsi anche in epoca precedente)[2].

Caratteristiche generali[modifica | modifica sorgente]

La patologia è stata descritta per la prima volta nel 1906, dallo psichiatra e neuropatologo tedesco Alois Alzheimer.[3] Nel 2006 vi erano 26,6 milioni di malati in tutto il mondo, e si stima che ne sarà affetta 1 persona su 85 a livello mondiale entro il 2050.[4]

La sua ampia e crescente diffusione nella popolazione, la limitata e comunque non risolutiva efficacia delle terapie disponibili, e le enormi risorse necessarie per la sua gestione (sociali, emotive, organizzative ed economiche), che ricadono in gran parte sui familiari dei malati, la rendono una delle patologie a più grave impatto sociale del mondo.[5][6]

Anche se il decorso clinico della malattia di Alzheimer è in parte specifico per ogni individuo, la patologia causa diversi sintomi comuni alla maggior parte dei pazienti.[7] I primi sintomi osservabili sono spesso erroneamente considerati problematiche "legate all'età", o manifestazioni di stress.[8] Nelle prime fasi, il sintomo più comune è l'incapacità di acquisire nuovi ricordi e la difficoltà nel ricordare eventi osservati recentemente. Quando si ipotizza la presenza di una possibile malattia di Alzheimer, la diagnosi viene di solito confermata tramite specifiche valutazioni comportamentali e test cognitivi, spesso seguiti dall'imaging a risonanza magnetica[9]

Con l'avanzare della malattia, il quadro clinico può prevedere confusione, irritabilità e aggressività, sbalzi di umore, difficoltà nel linguaggio, perdita della memoria a lungo termine e progressive disfunzioni sensoriali.[8][10]

La causa e la progressione della malattia di Alzheimer non sono ancora ben compresi. La ricerca indica che la malattia è associata a placche amiloidi e ammassi neurofibrillari nel cervello.[11] Attualmente i trattamenti terapeutici utilizzati offrono piccoli benefici sintomatici, e possono parzialmente rallentare il decorso della patologia; anche se sono stati condotti oltre 500 studi clinici per l'identificazione di un possibile trattamento per l'Alzheimer, non sono ancora stati identificati trattamenti che ne arrestino o invertano il decorso.[12] A livello preventivo, sono state proposte diverse modificazioni degli stili di vita personali come potenziali fattori protettivi nei confronti della patologia, ma non vi sono adeguate prove di una correlazione certa tra queste raccomandazioni e la riduzione effettiva della degenerazione. Stimolazione mentale, esercizio fisico e una dieta equilibrata sono state proposte sia come modalità di possibile prevenzione, sia come modalità complementari di gestione della malattia.[13]

Poiché per la malattia di Alzheimer non sono attualmente disponibili terapie risolutive e il suo decorso è progressivo, la gestione dei bisogni dei pazienti diviene essenziale. Spesso è il coniuge o un parente stretto a prendersi in carico il malato (caregiver)[14], compito che comporta notevoli difficoltà e oneri. Chi si occupa del paziente può sperimentare pesanti carichi personali, che possono coinvolgere aspetti sociali, psicologici, fisici ed economici.[15][16][17]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La signora Auguste Deter (1850-1906), paziente del dottor Alois Alzheimer, il primo caso documentato della malattia.

Nel 1901, il dottor Alois Alzheimer, uno psichiatra tedesco, interrogò una sua paziente, la signora Auguste D., di 51 anni. Le mostrò parecchi oggetti e successivamente le domandò che cosa le era stato indicato. Lei non poteva però ricordare. Inizialmente registrò il suo comportamento come "disordine da amnesia di scrittura", ma la signora Auguste D. fu la prima paziente a cui venne diagnosticata quella che in seguito sarebbe stata conosciuta come malattia di Alzheimer.

Alois Alzheimer affidò successivamente all'italiano Gaetano Perusini, un giovane e brillante neurologo, il compito di raccogliere informazioni e dati su casi analoghi. Perusini descrisse altri casi, approfondendone gli aspetti clinico-patologici corredandoli di abili disegni a mano.

Tali osservazioni e disegni vennero pubblicati da Alzheimer su un lavoro comparso nel 1910 sulla rivista Histologische und histopathologische Arbeiten uber die Grosshirnrinde, ma senza il nome di Perusini.[senza fonte]

Negli anni successivi vennero registrati in letteratura scientifica undici altri casi simili; nel 1910 la patologia venne inserita per la prima volta dal grande psichiatra tedesco Emil Kraepelin nel suo classico Manuale di Psichiatria, venendo da lui definita come "Malattia di Alzheimer", o "Demenza Presenile". Il termine, inizialmente utilizzato solo per le rare forme "early-onset" (ovvero, con esordio clinico prima dei 65 anni), dopo il 1977 è stato ufficialmente esteso a tutte le forme di Alzheimer[3][18][19].

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Incidenza nelle persone sopra i 65 anni
Età Nuovi casi per migliaia
di persone all'anno
65–69  3
70–74  6
75–79  9
80–84 23
85–89 40
90–     69

La malattia di Alzheimer è definibile come un processo degenerativo che pregiudica progressivamente le cellule cerebrali, rendendo a poco a poco l'individuo che ne è affetto incapace di una vita normale e provocandone alla fine la morte. In Italia ne soffrono circa 492.000 persone[20], e 26,6 milioni nel mondo secondo uno studio[21] della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, USA, con una netta prevalenza di donne (presumibilmente per via della maggior vita media delle donne rispetto agli uomini[22]).

Definita anche "demenza di Alzheimer", viene appunto catalogata tra le demenze, essendo un deterioramento cognitivo cronico progressivo. Tra tutte le demenze quella di Alzheimer è la più comune, rappresentando, a seconda della casistica, l'80-85% di tutti i casi di demenza.

A livello epidemiologico, tranne che in rare forme genetiche familiari "early-onset" (cioè con esordio giovanile), il fattore maggiormente correlato all'incidenza della patologia è l'età. Molto rara sotto i 65 anni, la sua incidenza aumenta progressivamente con l'aumentare dell'età, per raggiungere una diffusione significativa nella popolazione oltre gli 85 anni.

Da rilevazioni europee, nella popolazione generale l'incidenza (cioè il numero di nuovi casi all'anno) è di 2,5 casi ogni 1.000 persone per la fascia di età tra i 65 e i 69 anni; sale a 9 casi su 1.000 persone tra i 75 e i 79 anni, e a 40,2 casi su 1.000 persone tra gli 85 e gli 89 anni[23].

Costi economico-sociali[modifica | modifica sorgente]

La crescente incidenza di questa patologia nella popolazione generale in tutto il mondo è accompagnata da una crescita equivalente del suo enorme costo economico e sociale: allo Stato, secondo Lancet, il costo economico per la cura dei pazienti affetti da demenza a livello mondiale è di circa 600 miliardi di dollari all'anno[24], con un trend di crescita che lo porterà nel 2030 ad aumentare dell'85% (e con un carico crescente anche per i Paesi in via di sviluppo), facendolo divenire uno degli oneri con maggior impatto economico per i sistemi sanitari nazionali e le comunità sociali dell'intero pianeta[25].

Nonostante questo, la ricerca scientifica e clinica sulla demenza è ancora gravemente sottofinanziata: in Inghilterra, ad esempio, si calcola che il costo economico complessivo della cura dei pazienti affetti da demenza superi quello per i tumori e per le malattie cardiovascolari messe insieme, ma la ricerca sulle demenze riceve solo un dodicesimo dei finanziamenti di quella per i tumori[25].

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

Immagine istopatologica di placche senili nella corteccia cerebrale di una persona affetta da Malattia di Alzheimer.

La malattia è dovuta a una diffusa distruzione di neuroni, principalmente attribuita alla beta-amiloide, una proteina che, depositandosi tra i neuroni, agisce come una sorta di collante, inglobando placche e grovigli "neurofibrillari". La malattia è accompagnata da una forte diminuzione di acetilcolina nel cervello (si tratta di un neurotrasmettitore, ovvero di una molecola fondamentale per la comunicazione tra neuroni, e dunque per la memoria e ogni altra facoltà intellettiva). La conseguenza di queste modificazioni cerebrali è l'impossibilità per il neurone di trasmettere gli impulsi nervosi, e quindi la morte dello stesso, con conseguente atrofia progressiva del cervello nel suo complesso.

A livello neurologico macroscopico, la malattia è caratterizzata da una diminuzione nel peso e nel volume del cervello, dovuta ad atrofia corticale, visibile anche in un allargamento dei solchi e corrispondente appiattimento delle circonvoluzioni.

A livello microscopico e cellulare, sono riscontrabili depauperamento neuronale, placche senili (dette anche placche amiloidi), ammassi neurofibrillari, angiopatia congofila (amiloidea).

Dall'analisi post-mortem di tessuti cerebrali di pazienti affetti da Alzheimer (solo in tale momento si può confermare la diagnosi clinica da un punto di vista anatomo-patologico), si è potuto riscontrare un accumulo extracellulare di una proteina, chiamata Beta-amiloide.

La APP (Amyloid precursor protein, Proteina Progenitrice dell'Amiloide) che viene prodotta è degradata durante il processo di trasporto sulla superficie cellulare (processo di degradazione della APP) e vede coinvolti tre enzimi che operano tagli proteolitici: la α-secretasi e la β-secretasi in un primo momento e successivamente la γ-secretasi. Attraverso due tagli successivi operati prima dall'α-secretasi e poi dall'γ-secretasi, viene prodotto un peptide innocuo chiamato p3. La β-secretasi opera un taglio differente che, in seguito al successivo taglio da parte della γ-secretasi, porta alla produzione (pathway amiloidogenico) di due peptidi di 40 e 42 aminoacidi, chiamati beta-amiloide (Aβ 1-40 e Aβ 1-42): il secondo (Aβ 1-42) è considerato il più tossico a livello neuronale. Nei soggetti sani il processo di degradazione della APP sembra essere operato principalmente dalla α-secretasi. Per motivi non totalmente chiariti, nei soggetti malati l'enzima che interviene sull'APP non è l'α-secretasi ma la β-secretasi, con una larga produzione di proteina beta-amiloide.

Tale β-amiloide non presenta le caratteristiche biologiche della forma naturale, ma ha addirittura un effetto tossico sul neurone; ciò è già di per sé un aspetto atipico per una patologia amiloide, nelle quali generalmente il danno è mediato da aspetti citolesivi, compressivi e trofici dati dal deposito fibrillare stesso (il frammento amiloide è generalmente inerte da un punto di vista funzionale fisiopatologico).

Alla morte del neurone (dovuta, nelle prime fasi, all'effetto tossico sopracitato)i frammenti amiloidi vengono liberati nello spazio extracellulare tendendo a depositarsi in aggregati fibrillari insolubili via via sempre più grandi, andando a formare le cosiddette placche amiloidi, rilevabili all'istologico. Tali placche neuronali innescano un processo reattivo infiammatorio mediata da astrociti e microglia, attivando una risposta immunitaria richiamando macrofagi e neutrofili, i quali produrranno citochine, interleuchine e TNF-alfa che danneggiano irreversibilmente i neuroni.

Ulteriori studi mettono in evidenza che nei malati di Alzheimer interviene un ulteriore meccanismo patologico: all'interno dei neuroni una Proteina Tau, fosforilata in maniera anomala, si accumula nei cosiddetti "aggregati neurofibrillari" (o ammassi neurofibrillari).

Particolarmente colpiti da questo processo patologico sono i neuroni colinergici, specialmente quelli delle aree corticali, sottocorticali e, tra queste ultime, le aree ippocampali.

In particolare, l'ippocampo è una struttura encefalica che svolge un ruolo fondamentale nell'apprendimento e nei processi di memorizzazione; perciò la distruzione dei neuroni di queste zone è ritenuta essere la causa principale della perdita di memoria dei malati.

Clinica[modifica | modifica sorgente]

Fasi della malattia di Alzheimer[26]
Effetti dell'invecchiamento sulla memoria, ma senza malattia di Alzheimer Primi stadi
Dimenticanze occasionali Collocare occasionalmente oggetti nel posto sbagliato Perdita di memoria a breve termine Dimenticare fatti che sono accaduti vuoti di memoria
Distrazioni Dimenticare appuntamenti Lievi cambiamenti osservati dai propri cari Lieve confusione in situazioni al di fuori della vita famigliare
Stadio intermedio Stadio avanzato
Profonda difficoltà a ricordare informazioni acquisite recentemente Profonda confusione in molte circostanze Difficoltà di parola Iniziare più volte la stessa conversazione
Maggior aggressività o passività Qualche perdita di autoconsapevolezza Debilitanti deficit cognitivi Atteggiamento più violento, più ansioso o più paranoico

Il decorso della malattia può essere diverso, nei tempi e nelle modalità sintomatologiche, per ogni singolo paziente; esistono comunque una serie di sintomi comuni, che si trovano frequentemente associati nelle varie fasi con cui, clinicamente, si suddivide per convenzione il decorso della malattia. A una prima fase lieve, fa seguito la fase intermedia, e quindi la fase avanzata/severa; il tempo di permanenza in ciascuna di queste fasi è variabile da soggetto a soggetto, e può in certi casi durare anche diversi anni.

La malattia viene spesso anticipata dal cosiddetto mild cognitive impairment (MCI), un leggero calo di prestazioni in diverse funzioni cognitive in particolare legate alla memoria, all'orientamento o alle capacità verbali. Tale calo cognitivo, che è comunque frequente nella popolazione anziana, non è necessariamente indicativo di demenza incipiente, può in alcuni casi essere seguito dall'avvio delle fasi iniziali dell'Alzheimer.

La malattia inizialmente si manifesta spesso come demenza caratterizzata da amnesia progressiva e altri deficit cognitivi. Il deficit di memoria è prima circoscritto a sporadici episodi nella vita quotidiana, ovvero disturbi di quella che viene chiamata on-going memory (ricordarsi cosa si è mangiato a pranzo, cosa si è fatto durante il giorno) e della memoria prospettica (che riguarda l'organizzazione del futuro prossimo, come ricordarsi di andare a un appuntamento); poi man mano il deficit aumenta e la perdita della memoria arriva a colpire anche la memoria episodica retrograda (riguardante fatti della propria vita o eventi pubblici del passato) e la memoria semantica (le conoscenze acquisite), mentre la memoria procedurale (che riguarda l'esecuzione automatica di azioni) viene relativamente risparmiata fino alle fasi intermedio-avanzate della malattia.

A partire dalle fasi lievi e intermedie possono poi manifestarsi crescenti difficoltà di produzione del linguaggio, con incapacità nella definizione di nomi di persone od oggetti, e frustranti tentativi di "trovare le parole", seguiti poi nelle fasi più avanzate da disorganizzazione nella produzione di frasi e uso sovente scorretto del linguaggio (confusione sui significati delle parole, ecc.). Sempre nelle fasi lievi-intermedie, la pianificazione e gestione di compiti complessi (gestione di documenti, attività lavorative di concetto, gestione del denaro, guida dell'automobile, cucinare, ecc.) cominciano a diventare progressivamente più impegnative e difficili, fino a richiedere assistenza continuativa o divenire impossibili.

Nelle fasi intermedie e avanzate, inoltre, possono manifestarsi problematiche comportamentali (vagabondaggio, coazione a ripetere movimenti o azioni, reazioni comportamentali incoerenti) o psichiatriche (confusione, ansia, depressione, e occasionalmente deliri e allucinazioni). Il disorientamento nello spazio, nel tempo o nella persona (ovvero la mancata o confusa consapevolezza di dove si è situati nel tempo, nei luoghi e/o nelle identità personali, proprie o di altri - comprese le difficoltà di riconoscimento degli altri significativi) è sintomo frequente a partire dalle fasi intermedie-avanzate. In tali fasi si aggiungono difficoltà progressive anche nella cura della persona (lavarsi, vestirsi, assumere farmaci, ecc.).

Ai deficit cognitivi e comportamentali, nelle fasi più avanzate si aggiungono infine complicanze mediche internistiche, che portano a una compromissione progressiva della salute. Una persona colpita dalla malattia può vivere anche una decina di anni dopo la diagnosi clinica di malattia conclamata.

Come sottolineato, col progredire della malattia le persone non solo presentano deficit di memoria, ma risultano deficitarie nelle funzioni strumentali mediate dalla corteccia associativa, e possono pertanto presentare afasia e aprassia, fino a presentare disturbi neurologici e poi internistici; pertanto i pazienti, nelle fasi intermedie e avanzate, necessitano di continua assistenza personale (solitamente erogata da familiari e badanti, i cosiddetti caregiver, che sono a loro volta sottoposti ai forti stress tipici di chi assiste i malati di Alzheimer).

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Immagine PET del cervello di una persona con malattia di Alzheimer che mostra la perdita di funzione del lobo temporale.

La malattia di Alzheimer è di solito diagnosticata clinicamente dalla storia del paziente, da osservazioni cliniche, dalla presenza di particolari caratteristiche neurologiche e neuropsicologiche e per l'assenza di condizioni alternative.[27][28]

Sistemi avanzati di imaging biomedico, come la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (MRI), la tomografia a emissione di fotone singolo (SPECT) o la tomografia ad emissione di positroni (PET) possono essere utilizzate per aiutare a escludere altre patologie cerebrali o altri tipi di demenza.[29] Inoltre, si possono prevedere il passaggio da fasi prodromiche (decadimento cognitivo lieve) alla malattia di Alzheimer.[29][30]

Gli assessment neuropsicologici e cognitivi, inclusi i test di memoria ed esecutivi, possono ulteriormente caratterizzare lo stato della malattia.[8] Diverse organizzazioni mediche hanno creato i criteri diagnostici per facilitare e standardizzare il processo diagnostico. La diagnosi clinica viene confermata a livello patologico solo con l'analisi istologica del cervello post-mortem.[31]

Criteri diagnostici[modifica | modifica sorgente]

Lo statunitense National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINCDS) e l'Associazione dei Malati di Alzheimer ha istituito il criterio diagnostico NINCDS-ADRDA nel 1984, in seguito aggiornato nel 2007.[32] Questo criterio richiede che la presenza di deficit cognitivi e una sospetta sindrome di demenza debbano essere confermati da test neuropsicologici per porre la diagnosi clinica di Alzheimer. Una conferma istopatologica, tra cui un esame al microscopio del tessuto cerebrale (eseguibile solo post-mortem) è necessaria per una conferma della diagnosi definitiva a posteriori.[33]

Sono otto gli ambiti funzionali cognitivi più comunemente compromessi: memoria, linguaggio, abilità percettiva, attenzione, abilità costruttiva, orientamento, risoluzione dei problemi e capacità funzionali. Questi ambiti cognitivi sono equivalenti ai criteri della NINCDS ADRDA, come elencati nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) pubblicato dalla American Psychiatric Association.[34][35]

Tecniche diagnostiche[modifica | modifica sorgente]

Alcuni test di screening neuropsicologico possono essere utili nella diagnosi di Alzheimer

Diversi test di screening neuropsicologico vengono utilizzati per la diagnostica nei casi di Alzheimer. I test valutano diverse funzioni e competenze cognitive, come il saper copiare disegni simili a quelli mostrati nella foto, ricordare parole, leggere e sottrarre numeri in serie.

Test neuropsicologici come il Mini Mental State Examination (MMSE), sono ampiamente utilizzati per valutare i disturbi cognitivi che vengono considerati per la formulazione della diagnosi. Una batteria di test più completa è necessaria per garantire la massima affidabilità dei risultati, in particolare nelle prime fasi della malattia.[36][37] L'esame neurologico nelle prime fasi della malattia solitamente presenta risultati normali, fatta eccezione per evidenti deficit cognitivi che non differiscono però da quello derivanti da altre malattie di tipo demenziale.

Ulteriori esami neurologici sono cruciali nella diagnosi differenziale di Alzheimer dalle altre malattie. Colloqui con gli altri membri della famiglia sono inoltre utilizzate nella valutazione funzionale della malattia. I caregiver possono, infatti, fornire importanti informazioni sulla capacità di vita quotidiana, così come la diminuzione, nel tempo, della funzione mentale della persona.[30]

Il punto di vista di chi assiste il malato è particolarmente importante, dato che una persona con Alzheimer è spesso inconsapevole del suo deficit.[38]

A volte le famiglie hanno difficoltà nella rilevazione esatta dei primi sintomi di demenza nelle sue fasi iniziali, e per questo non riescono sempre a comunicare informazioni accurate al medico.[39]

Un altro indicatore oggettivo delle prime fasi della malattia è l'analisi del liquido cerebrospinale per la ricerca di beta-amiloide o di proteine tau.[40] La ricerca di queste proteine è in grado di prevedere l'insorgenza della malattia di Alzheimer con una sensibilità compresa tra il 94% e il 100%. Quando è utilizzata in combinazione con le tecniche di neuroimaging esistenti, i medici sono grado di identificare i pazienti che stanno già sviluppando la malattia.[41] Gli esami del liquido cerebrospinale sono disponibili più facilmente, a differenza delle tecnologie di neuroimaging più moderne.[42]

Altri test clinici supplementari forniscono informazioni aggiuntive su alcune caratteristiche della malattia, o vengono utilizzati per escludere altre diagnosi. È comune eseguire test di funzionalità tiroidea, valutare i livelli di vitamina B12, escludere la sifilide, escludere problemi metabolici (tra cui test per la funzione renale, i livelli di elettroliti e per il diabete), valutare i livelli di metalli pesanti (ad esempio il piombo e il mercurio), e l'anemia. È anche necessario escludere la presenza di sintomatologia psichiatrica, come deliri, disturbi dell'umore, disturbi del pensiero di natura psichiatrica, o pseudodemenze depressive.

In particolare vengono utilizzati test psicologici per la rilevazione della depressione, dal momento che la depressione può essere concomitante con l'Alzheimer, essere un segno precoce di deficit cognitivo[43], o esserne addirittura la causa.[44][45]

Imaging diagnostico[modifica | modifica sorgente]

Questa immagine mostra una scansione PiB-PET di un paziente con malattia di Alzheimer a sinistra, e di una persona anziana con memoria normale sulla destra. Le aree di rosso e giallo mostrano alte concentrazioni di PiB, nel cervello che suggeriscono quantità maggiori di depositi di Betamiloide

Se sono disponibili, la Tomografia a emissione di fotone singolo (SPECT) e la Tomografia a emissione di positroni (PET), possono essere utilizzati per la conferma di una diagnosi di Alzheimer in associazione con le valutazioni dello stato mentale.[46] In una persona già affetta da demenza, la SPECT sembra essere superiore nel differenziare la malattia di Alzheimer da altre possibili cause, rispetto all'analisi della storia familiare e all'osservazione del paziente.[47] I progressi hanno portato alla proposta di nuovi criteri diagnostici di imaging biomedico.[8][32]

Una nuova tecnica nota come PiB-PET è stata sviluppata per visualizzare direttamente e chiaramente immagini di depositi di beta-amiloide in vivo, utilizzando un radiotracciante che si lega selettivamente ai depositi A-beta.[48]

La PiB-PET utilizza il carbonio-11 per la scansione PET. Studi recenti suggeriscono che la PiB-PET è precisa all'86% nel predire quali persone, già affette da decadimento cognitivo lieve, svilupperanno la malattia di Alzheimer entro due anni, e al 92% in grado di escludere la probabilità di sviluppare il malattia di Alzheimer.[49]

Un radiofarmaco per PET chiamato (E)-4-(2-(6-(2-(2-(2-([18F]-fluoroethoxy) ethoxy) ethoxy) pyridin-3-yl) vinyl)-N-methyl benzenamine, o 18F AV-45, o florbetapir-fluorine-18, o semplicemente florbetapir, contenente il più duraturo radionuclide fluoro-18, è stato recentemente realizzato e testato come possibile supporto diagnostico nella malattia di Alzheimer. Il florbetapir, come il PiB, si lega alla beta-amiloide, ma grazie all'uso del fluoro-18 ha una emivita di 110 minuti, in rapporto al tempo di dimezzamento radioattivo PiB che è di 20 minuti. La maggior durata permette di accumulare maggior tracciante nel cervello di persone con malattia di Alzheimer, in particolare nelle regioni note per essere associate a depositi di beta-amiloide.[50][51][52][53]

La risonanza magnetica volumetrica è in grado di rilevare cambiamenti nella dimensione delle regioni del cervello. L'atrofia di queste regioni si sta mostrando come un indicatore diagnostico della malattia. Essa può risultare meno costosa di altre tecniche di imaging attualmente in fase di studio.[54]

Terapia[modifica | modifica sorgente]

Anche se al momento non esiste una cura efficace, sono state proposte diverse strategie terapeutiche per tentare di influenzare clinicamente il decorso della malattia di Alzheimer; tali strategie puntano a modulare farmacologicamente alcuni dei meccanismi patologici che ne stanno alla base. È inoltre opportuno integrare interventi psicosociali, cognitivi e comportamentali, che hanno dimostrato effetti positivi, sinergicamente all'uso dei presidi farmacologici, nel rallentamento dell'evoluzione dei sintomi e nella qualità della vita dei pazienti e dei caregiver[55].

Intervento farmacologico[modifica | modifica sorgente]

In primo luogo, basandosi sul fatto che nell'Alzheimer si ha diminuzione dei livelli di acetilcolina, un'ipotesi terapeutica è stata quella di provare a ripristinarne i livelli fisiologici. L'acetilcolina pura non può però essere usata, in quanto troppo instabile e con un effetto limitato. Gli agonisti colinergici invece avrebbero effetti sistemici e produrrebbero troppi effetti collaterali, e non sono quindi utilizzabili. Si possono invece usare gli inibitori della colinesterasi, l'enzima che catabolizza l'acetilcolina: inibendo tale enzima, si aumenta la quantità di acetilcolina presente nello spazio intersinaptico.

Sono a disposizione farmaci inibitori reversibili dell'acetilcolinesterasi, che hanno una bassa affinità per l'enzima presente in periferia, e che sono sufficientemente lipofili da superare la barriera emato-encefalica (BEE), e agire quindi di preferenza sul sistema nervoso centrale. Tra questi, la tacrina, il donepezil, la fisostigmina, la galantamina e la neostigmina sono stati i capostipiti, ma l'interesse farmacologico è attualmente maggiormente concentrato su rivastigmina e galantamina, il primo perché privo di importanti interazioni farmacologiche, il secondo poiché molto biodisponibile e con emivita di sole sette ore, tale da non causare facilmente effetti collaterali.

Un'altra e più recente linea d'azione prevede il ricorso a farmaci che agiscano direttamente sul sistema glutamatergico, come la memantina. La memantina ha dimostrato un'attività terapeutica, moderata ma positiva, nella parziale riduzione del deterioramento cognitivo in pazienti con Alzheimer da moderato a grave[56].

La tacrina non è più utilizzata perché epatotossica, mentre il donepezil, inibitore non competitivo dell'acetilcolinesterasi, sembrerebbe più efficace[57] perché, con una emivita di circa 70 ore, permette una sola somministrazione al giorno (al contrario della galantamina, che ha una emivita di sole 7 ore). Ovviamente, però, il donepezil è più soggetto a manifestare effetti collaterali dovuti a un aumento del tono colinergico (come insonnia, aritmie, bradicardia, nausea, diarrea). Di contro, la galantamina e la rivastigmina possono causare gli stessi effetti, ma in misura molto minore.

Altre ipotesi di approccio farmacoterapico[modifica | modifica sorgente]

Oltre alle molecole e strategie di intervento già delineate, sono state variamente proposte altre ipotesi di intervento farmacologico, con evidenze cliniche di efficacia però insufficienti o non confermate.

Tra esse, un'altra ipotesi complementare di approccio alla patologia è legata alla proposta d'uso di FANS (anti-infiammatori non steroidei). Come detto, nell'Alzheimer è presente una dinamica infiammatoria che danneggia i neuroni. L'uso di antinfiammatori è stato quindi ipotizzato che potrebbe migliorare la condizione clinica dei pazienti. Si è anche notato che le donne in cura post-menopausale con farmaci estrogeni presentano una minor incidenza della patologia (infatti gli estrogeni bloccano la morte neuronale indotta dalla proteina beta-amiloide)[58] Alcuni ricercatori avrebbero messo in evidenza anche la potenziale azione protettiva della vitamina E (alfa-tocoferolo), che sembrerebbe prevenire la perossidazione lipidica delle membrane neuronali causata dal processo infiammatorio; ma ricerche più recenti non hanno confermato l'utilità della vitamina E (né della vitamina C) nella prevenzione primaria e secondaria della patologia[59], sottolineando anzi i potenziali rischi sanitari legati all'eccessiva e prolungata assunzione di vitamina E.

Sul processo neurodegenerativo può intervenire anche l'eccitotossicità, ossia un'eccessiva liberazione di acidi glutammico e aspartico, entrambi neurotrasmettitori eccitatori, che inducono un aumento del calcio libero intracellulare, il quale è citotossico. Si è quindi ipotizzato di usare farmaci antagonisti del glutammato e dell'aspartato (come, ad esempio, inibitori dei recettori NMDA), ma anche questi ultimi presentano notevoli effetti collaterali.

Sono presenti in commercio farmaci definiti Nootropi ("stimolanti del pensiero"), come il Piracetam e l'Aniracetam: questi farmaci aumentano il rilascio di Acido glutammico; anche se questo parrebbe in netta contrapposizione a quanto detto sopra, si deve tenere presente che comunque tale neurotrasmettitore è direttamente implicato nei processi di memorizzazione e di apprendimento. Aumentandone la quantità, è stato ipotizzato di poter contribuire a migliorare i processi cognitivi. Anche in questo caso, l'evidenza clinica di efficacia è scarsa.

Ultimo approccio ipotizzato è l'uso di Pentossifillina e Diidroergotossina (sembra che tali farmaci migliorino il flusso ematico cerebrale, permettendo così una migliore ossigenazione cerebrale, e un conseguente miglioramento delle performance neuronali). Sempre per lo stesso scopo è stato proposto l'uso del Gingko biloba, ma l'evidenza scientifica a supporto di questa tesi è negativa[60].

Intervento psicosociale e cognitivo[modifica | modifica sorgente]

Una stanza speciale progettata per la terapia di riabilitazione sensoriale.

Le forme di trattamento non-farmacologico consistono prevalentemente in interventi comportamentali, di supporto psicosociale e di training cognitivo[61]. Tali misure sono solitamente integrate in maniera complementare con il trattamento farmacologico, e hanno dimostrato una loro efficacia positiva nella gestione clinica complessiva del paziente[55][62][63].

I training cognitivi (di diverse tipologie, e con diversi obbiettivi funzionali: Reality-Orientation Therapy, Validation Therapy, Reminescence Therapy, i vari programmi di stimolazione cognitiva - Cognitive Stimulation Therapy, ecc.), hanno dimostrato risultati positivi sia nella stimolazione e rinforzo delle capacità neurocognitive, sia nel miglioramento dell'esecuzione dei compiti di vita quotidiana[64][65]. I diversi tipi di intervento si possono rivolgere prevalentemente alla sfera cognitiva (ad es., Cognitive Stimulation Therapy), comportamentale (Gentlecare, programmi di attività motoria), sociale ed emotivo-motivazionale (ad es., Reminescence Therapy, Validation Therapy, etc.).

La Reality-Orientation Therapy, focalizzata su attività formali e informali di orientamento spaziale, temporale e sull'identità personale, ha dimostrato in diversi studi clinici di poter facilitare la riduzione del disorientamento soggettivo, e contribuire a rallentare il declino cognitivo, soprattutto se effettuata con regolarità nelle fasi iniziali e intermedie della patologia[66][67].

I vari programmi di stimolazione cognitiva (Cognitive Stimulation), sia eseguiti a livello individuale (eseguibili anche presso il domicilio dai caregiver, opportunamente formati), sia in sessioni di gruppo, possono rivestire una significativa utilità nel rallentamento dei sintomi cognitivi della malattia[64], e, a livello di economia sanitaria, presentano un ottimo rapporto tra costi e benefici[68]. La stimolazione cognitiva, oltre a rinforzare direttamente le competenze cognitive di tipo mnestico, attentivo e di pianificazione, facilita anche lo sviluppo di "strategie di compensazione" per i processi cognitivi lesi, e sostiene indirettamente la "riserva cognitiva" dell'individuo[69].

La Reminescence Therapy (fondata sul recupero e la socializzazione di ricordi di vita personale positivi, con l'assistenza di personale qualificato e materiali audiovisivi), ha dimostrato risultati interessanti sul miglioramento dell'umore, dell'autostima e delle competenze cognitive, anche se ulteriori ricerche sono ritenute necessarie per una sua completa validazione[70].

Forme specifiche di musicoterapia e arteterapia, attuate da personale qualificato, possono essere utilizzate per sostenere il tono dell'umore e forme di socializzazione nelle fasi intermedio-avanzate della patologia, basandosi su canali di comunicazione non verbali[69].

Positivo sembra essere anche l'effetto di una moderata attività fisica e motoria, soprattutto nelle fasi intermedie della malattia, sul tono dell'umore, sul benessere fisico e sulla regolarizzazione dei disturbi comportamentali, del sonno e alimentari[69].

Fondamentale è inoltre la preparazione e il supporto, informativo e psicologico, rivolto ai "caregiver" (parenti e personale assistenziale) del paziente, che sono sottoposti a stress fisici ed emotivi significativi, in particolare con l'evoluzione della malattia[62][71].

Una chiara informazione ai famigliari, una buona alleanza di lavoro con il personale sanitario, e la partecipazione a forme di supporto psicologico diretto (spesso tramite specifici gruppi di auto-mutuo-aiuto tra pari), oltre all'eventuale coinvolgimento in associazioni di famigliari, rappresentano essenziali forme di sostegno per l'attività di cura[61].

Sempre nello stesso senso appare di particolare utilità, solitamente a partire dalle fasi intermedie della patologia, l'inserimento del paziente per alcune ore al giorno nei Centri Diurni, presenti in molte città (attività che può portare benefici sia per la stimolazione cognitiva e sociale diretta del paziente, sia per il supporto sociale indiretto ai caregiver)[61].

La cura dell'Alzheimer è però ai primi passi: al momento non esistono ancora farmaci o interventi psicosociali che guariscano o blocchino la malattia. Si può migliorare la qualità della vita dei pazienti malati, e provare a rallentarne il decorso nelle fasi iniziali e intermedie.

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

Disability-adjusted life year per Alzheimer e altre forme di demenza per 100.000 abitanti nel 2004.

██ nessun dato

██ ≤ 50

██ 50–70

██ 70–90

██ 90–110

██ 110–130

██ 130–150

██ 150–170

██ 170–190

██ 190–210

██ 210–230

██ 230–250

██ ≥ 250

Le fasi iniziali della malattia di Alzheimer sono difficili da diagnosticare. Una diagnosi definitiva è posta solitamente una volta che si verifica una significativa compromissione cognitiva e una percepibile riduzione di capacità di svolgere le attività della vita quotidiana, anche se la persona è ancora in grado di gestirsi autonomamente. Il deterioramento della memoria e il peggioramento dei disturbi cognitivi e non cognitivi, associati alla malattia, riducono progressivamente l'autonomia nella vita quotidiana.[72]

L'aspettativa di vita della popolazione con la malattia si riduce,[73][74][75] con un tempo di vita media di circa sette anni dopo la diagnosi.[73] Meno del 3% della popolazione vive più di quattordici anni.[76] Malattia caratteristiche significativamente associate alla ridotta sopravvivenza sono un aumento della gravità del deficit cognitivo, diminuzione del livello funzionale, diverse cadute e disturbi neurologici. Altre patologie concomitanti, come problemi cardiaci, diabete o storia di abuso di alcool sono correlate con una sopravvivenza più breve.[74][77][78] L'aspettativa di vita è particolarmente ridotta rispetto alla popolazione sana quando la malattia di Alzheimer colpisce coloro che sono più giovani.[75] Gli uomini hanno una prognosi di sopravvivenza meno favorevole rispetto alle donne.[76][79]

La malattia è la causa di morte nel 70% dei casi.[73] La polmonite e la disidratazione sono le cause immediate più frequenti di morte, mentre il cancro è meno frequente rispetto alla popolazione generale.[73][79]

Prevenzione[modifica | modifica sorgente]

Compiere attività intellettive, come giocare a scacchi o mantenere regolari rapporti sociali, è considerato un modo per prevenire la malattia di Alzheimer

Al momento non ci sono prove definitive per sostenere l'efficacia di una qualsiasi misura preventiva per la malattia di Alzheimer.[80] Studi per identificarle hanno spesso prodotto risultati incoerenti. Tuttavia, studi epidemiologici hanno proposto correlazioni tra alcuni fattori modificabili (come la dieta, il rischio cardiovascolare, l'utilizzo di prodotti farmaceutici, o lo svolgimento di attività intellettuali) e la probabilità per una popolazione di sviluppare la malattia. Solo ulteriori ricerche, tra cui gli studi clinici, riveleranno se questi fattori possono aiutare a prevenire o ritardare l'insorgenza della malattia di Alzheimer.[81]

Sebbene i fattori di rischio cardiovascolari, come l'ipercolesterolemia, l'ipertensione, il diabete e il fumo, siano associati con un rischio maggiore di insorgenza della malattia,[82][83] le statine, che sono farmaci per l'abbassamento del colesterolo, non si sono dimostrate efficaci nel prevenire o migliorare il decorso.[84][85] I componenti di una dieta mediterranea, che comprendono frutta e verdura, pane, grano e altri cereali, olio d'oliva, pesce e vino rosso, possono singolarmente o tutti insieme ridurre il rischio e ritardare il decorso della malattia di Alzheimer.[86] I loro benefici effetti cardiovascolari sono stati proposti come meccanismo di azione.[86] Esistono prove limitate che un consumo, da lieve a moderato, di alcool, soprattutto vino rosso, sia associato a un minor rischio di Alzheimer.[87]

Ipotesi sull'uso di vitamine non hanno trovato prove sufficienti di efficacia per raccomandare la vitamina C,[88] E[88][89] o acido folico, con o senza vitamina B12,[90] come agenti di prevenzione o per il trattamento dell'Alzheimer. Inoltre, la vitamina E, è associata a rischi per la salute.[91] Studi compiuti esaminando la somministrazione di acido folico (B9) e di altre vitamine B non hanno mostrato alcuna correlazione significativa con il declino cognitivo.[92]

L'utilizzo a lungo termine di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) è associato a una ridotta probabilità di sviluppare Alzheimer.[93] Studi post-mortem umani, studi su modelli animali, o in studi in vitro, supportano l'ipotesi che i FANS possano ridurre l'infiammazione correlata alle placche amiloidi.[93] Tuttavia, studi riguardanti il loro uso come trattamento palliativo non sono riusciti a dimostrare risultati positivi, mentre nessun processo di prevenzione è stato realizzato.[93] La curcumina del curry ha mostrato una certa efficacia nel prevenire i danni cerebrali, nei modelli di topo, in virtù delle sue proprietà anti-infiammatorie.[94][95] La terapia ormonale sostitutiva, anche se utilizzata in passato, non è più ritenuta efficace per prevenire la demenza e in alcuni casi può anche esserne ritenuta responsabile.[96][97]

Le persone che si impegnano in attività intellettuali, come la lettura, i giochi da tavolo, i cruciverba, l'esecuzione con strumenti musicali, o che hanno una regolare interazione sociale, mostrano una riduzione del rischio di sviluppo della malattia di Alzheimer.[98] Questo è compatibile con la teoria della riserva cognitiva, in cui si afferma che alcune esperienze di vita forniscono all'individuo una riserva cognitiva che ritarda l'insorgenza di manifestazioni di demenza.[98] L'apprendimento di una seconda lingua, anche in tarda età, sembra ritardare la malattia di Alzheimer.[99] L'attività fisica è anche associata a un ridotto rischio di Alzheimer.[100]

Alcuni studi hanno mostrato un aumentato rischio di sviluppare la malattia nel caso di assunzione di metalli, e, in particolare, alluminio,[101][102] o in caso di esposizione a particolari solventi.[103] La qualità di alcuni di questi studi è stata però criticata,[104] e altri studi hanno concluso che non vi è alcuna relazione tra questi fattori ambientali e lo sviluppo di Alzheimer.[105][106][107][108]

Mentre alcuni studi suggeriscono che l'esposizione a campi elettromagnetici a bassa frequenza può aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, i revisori hanno rilevato che sono necessari ulteriori indagini epidemiologiche e di laboratorio per poter avvalorare tale ipotesi.[109] Il fumo è un importante fattore di rischio per l'Alzheimer.[110]

Alcun studi compiuti presso il National Institute on Ageing di Baltimora ipotizzano come il digiuno a intervalli regolari (1 o 2 giorni a settimana) possa risultare come un palliativo alle forme più gravi della malattia[111].

Progetti di calcolo distribuito[modifica | modifica sorgente]

Esistono alcuni progetti di calcolo distribuito in Rete nel campo della proteomica che si propongono di contribuire alla ricerca scientifica sulla malattia di Alzheimer, migliorando la conoscenza delle proteine coinvolte nei suoi processi etiopatogenetici, attraverso lo sfruttamento in parallelo della potenza di calcolo inutilizzata dei microprocessori di centinaia di migliaia di PC e altri dispositivi di elaborazione dati normalmente utilizzati dai volontari, che si collegano tramite Internet, ed emulano informaticamente i meccanismi di ripiegamento delle proteine.

A tali progetti chiunque può liberamente partecipare scaricando, e lasciando eseguire in background, il software necessario, progettato in modo da essere compatibile con le normali attività dell'utente.

I principali sono:

Esiste anche un progetto internazionale finanziato dall'Unione Europea e denominato neuGRID. Questo prevede lo sviluppo di un'infrastruttura digitale per la ricerca scientifica, basata sul sistema Grid e dotata di un'interfaccia user-friendly, che permetterà alla comunità di neuroscienziati europei l'avanzamento della ricerca per lo studio della malattia di Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il termine morbo, dal latino Mòrbus, "malattia che conduce a morte", è stato storicamente utilizzato per indicare le malattie a decorso fatale, soprattutto perché sconosciute e quindi incurabili. Attualmente è un vocabolo in via di abbandono sia per rispetto del malato, sia perché di molte malattie è stata trovata l'origine e la cura.
  2. ^ Brookmeyer R., Gray S., Kawas C., Projections of Alzheimer's disease in the United States and the public health impact of delaying disease onset in American Journal of Public Health, vol. 88, nº 9, settembre 1998, pp. 1337–42, DOI:10.2105/AJPH.88.9.1337, PMC 1509089, PMID 9736873.
  3. ^ a b Berchtold NC, Cotman CW, Evolution in the conceptualization of dementia and Alzheimer's disease: Greco-Roman period to the 1960s in Neurobiol. Aging, vol. 19, nº 3, 1998, pp. 173–89, DOI:10.1016/S0197-4580(98)00052-9, PMID 9661992.
  4. ^ Prevalenza stimata nel 2006:
  5. ^ Meek PD, McKeithan EK, Schumock GT., Economic considerations in Alzheimer's disease (abstract) in Pharmacotherapy, vol. 18, 2 P 2, Mar-Apr 1998, pp. 68-73.
  6. ^ Zhu CW, Sano M., Economic considerations in the management of Alzheimer's disease (PDF) in Clin Interv Aging, vol. 1, nº 2, 2006, pp. 143–54, PMC 2695165.
  7. ^ What is Alzheimer's disease?, Alzheimers.org.uk, agosto 2007. URL consultato il 21 febbraio 2008.
  8. ^ a b c d Waldemar G, Dubois B, Emre M, et al., Recommendations for the diagnosis and management of Alzheimer's disease and other disorders associated with dementia: EFNS guideline in Eur J Neurol, vol. 14, nº 1, gennaio 2007, pp. e1–26, DOI:10.1111/j.1468-1331.2006.01605.x, PMID 17222085.
  9. ^ Alzheimer's diagnosis of AD, Alzheimer's Research Trust. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  10. ^ Tabert MH, Liu X, Doty RL, Serby M, Zamora D, Pelton GH, Marder K, Albers MW, Stern Y, Devanand DP, A 10-item smell identification scale related to risk for Alzheimer's disease in Ann. Neurol., vol. 58, nº 1, 2005, pp. 155–160, DOI:10.1002/ana.20533, PMID 15984022.
  11. ^ Tiraboschi P, Hansen LA, Thal LJ, Corey-Bloom J, The importance of neuritic plaques and tangles to the development and evolution of AD in Neurology, vol. 62, nº 11, giugno 2004, pp. 1984–9, PMID 15184601.
  12. ^ Alzheimer's Disease Clinical Trials, US National Institutes of Health. URL consultato il 18 agosto 2008.
  13. ^ Can Alzheimer's disease be prevented (PDF), National Institute on Aging, 29 agosto 2006. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  14. ^ The MetLife study of Alzheimer's disease: The caregiving experience (PDF), MetLife Mature Market Institute, agosto 2006. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  15. ^ Thompson CA, Spilsbury K, Hall J, Birks Y, Barnes C, Adamson J, Systematic review of information and support interventions for caregivers of people with dementia in BMC Geriatr, vol. 7, 2007, p. 18, DOI:10.1186/1471-2318-7-18, PMC 1951962, PMID 17662119.
  16. ^ Schneider J, Murray J, Banerjee S, Mann A, EUROCARE: a cross-national study of co-resident spouse carers for people with Alzheimer's disease: I—Factors associated with carer burden in International Journal of Geriatric Psychiatry, vol. 14, nº 8, agosto 1999, pp. 651–661, DOI:10.1002/(SICI)1099-1166(199908)14:8<651::AID-GPS992>3.0.CO;2-B, PMID 10489656.
  17. ^ Murray J, Schneider J, Banerjee S, Mann A, EUROCARE: a cross-national study of co-resident spouse carers for people with Alzheimer's disease: II—A qualitative analysis of the experience of caregiving in International Journal of Geriatric Psychiatry, vol. 14, nº 8, agosto 1999, pp. 662–667, DOI:10.1002/(SICI)1099-1166(199908)14:8<662::AID-GPS993>3.0.CO;2-4, PMID 10489657.
  18. ^ Katzman Robert, Terry Robert D, Bick Katherine L. (editors) (1978). Alzheimer's disease: senile dementia and related disorders. New York: Raven Press. p. 595
  19. ^ Boller F, Forbes MM (giugno 1998). History of dementia and dementia in history: an overview. J. Neurol. Sci. 158 (2): 125–33.
  20. ^ Vanacore N, Maggini M e Raschetti R, Epidemiologia della demenza di alzheimer in Italia in Notiziario ISS, vol. 18, nº 2, febbraio 2005.
  21. ^ Ron Brookmeyer, Elizabeth Johnson, Kathryn Ziegler-Graham, H. Michael Arrighi, Forecasting the global burden of Alzheimer’s disease in Alzheimer's and Dementia, vol. 3, nº 3, 2007, pp. 186–191, DOI:10.1016/j.jalz.2007.04.381.
  22. ^ Liesi E. Hebert, Paul A. Scherr, Judith J. McCann, Laurel A. Beckett, Denis A. Evans (2001). Is the Risk of Developing Alzheimer's Disease Greater for Women than for Men? Am. J. Epidemiol. 153(2): 132-136 Is the Risk of Developing Alzheimer's Disease Greater for Women than for Men?
  23. ^ F. Bermejo-Pareja, J. Benito-Leon, S. Vega, M.J. Medrano, G.C. Roman and on behalf of the Neurological Disorders in Central Spain (NEDICES) Study Group, Incidence and subtypes of dementia in three elderly populations of central Spain, Journal of the Neurological Sciences, Volume 264, Issues 1-2, 15 gennaio 2008, Pages 63-72, ISSN 0022-510X, DOI: 10.1016/j.jns.2007.07.021. ScienceDirect - Journal of the Neurological Sciences : Incidence and subtypes of dementia in three elderly populations of central Spain
  24. ^ Cifra superiore, per comparazione, all'intero Prodotto Interno Lordo dell'Arabia Saudita o dell'Argentina Lista di stati per PIL (PPA)
  25. ^ a b Editoriale, How much is dementia care worth ? (PDF) in The Lancet Neurology, vol. 9, nº 11, novembre 2010, p. 1037.
  26. ^ Consumer Reports e Drug Effectiveness Review Project, Evaluating Prescription Drugs Used to Treat: Alzheimer's Disease Comparing Effectiveness, Safety, and Price, Best Buy Drugs, Consumer Reports, maggio 2012, p. 2. URL consultato il 1º maggio 2013. , which claims Alzheimer’s Association guidance as a source
  27. ^ Mendez MF, The accurate diagnosis of early-onset dementia in International Journal of Psychiatry Medicine, vol. 36, nº 4, 2006, pp. 401–412, DOI:10.2190/Q6J4-R143-P630-KW41, PMID 17407994.
  28. ^ Klafki HW, Staufenbiel M, Kornhuber J, Wiltfang J, Therapeutic approaches to Alzheimer's disease in Brain, vol. 129, Pt 11, novembre 2006, pp. 2840–55, DOI:10.1093/brain/awl280, PMID 17018549.
  29. ^ a b Dementia: Quick reference guide (PDF), London, (UK) National Institute for Health and Clinical Excellence, novembre 2006, ISBN 1-84629-312-X. URL consultato il 22 febbraio 2008 (archiviato il 27 febbraio 2008).
  30. ^ a b Schroeter ML, Stein T, Maslowski N, Neumann J, Neural Correlates of Alzheimer's Disease and Mild Cognitive Impairment: A Systematic and Quantitative Meta-Analysis involving 1,351 Patients in NeuroImage, vol. 47, nº 4, 2009, pp. 1196–1206, DOI:10.1016/j.neuroimage.2009.05.037, PMC 2730171, PMID 19463961.
  31. ^ McKhann G, Drachman D, Folstein M, Katzman R, Price D, Stadlan EM, Clinical diagnosis of Alzheimer's disease: report of the NINCDS-ADRDA Work Group under the auspices of Department of Health and Human Services Task Force on Alzheimer's Disease in Neurology, vol. 34, nº 7, luglio 1984, pp. 939–44, PMID 6610841.
  32. ^ a b Dubois B, Feldman HH, Jacova C, et al., Research criteria for the diagnosis of Alzheimer's disease: revising the NINCDS-ADRDA criteria in Lancet Neurol, vol. 6, nº 8, agosto 2007, pp. 734–46, DOI:10.1016/S1474-4422(07)70178-3, PMID 17616482.
  33. ^ Blacker D, Albert MS, Bassett SS, Go RC, Harrell LE, Folstein MF, Reliability and validity of NINCDS-ADRDA criteria for Alzheimer's disease. The National Institute of Mental Health Genetics Initiative in Arch. Neurol., vol. 51, nº 12, dicembre 1994, pp. 1198–204, PMID 7986174.
  34. ^ American Psychiatric Association, Diagnostic and statistical manual of mental disorders: DSM-IV-TR, 4th Edition Text Revision, Washington, DC, American Psychiatric Association, 2000, ISBN 0-89042-025-4.
  35. ^ (JA) Ito N, [Clinical aspects of dementia] in Hokkaido Igaku Zasshi, vol. 71, nº 3, maggio 1996, pp. 315–20, PMID 8752526.
  36. ^ Tombaugh TN, McIntyre NJ, The mini-mental state examination: a comprehensive review in J Am Geriatr Soc, vol. 40, nº 9, settembre 1992, pp. 922–35, PMID 1512391.
  37. ^ Pasquier F, Early diagnosis of dementia: neuropsychology in J. Neurol., vol. 246, nº 1, gennaio 1999, pp. 6–15, DOI:10.1007/s004150050299, PMID 9987708.
  38. ^ (FR) Antoine C, Antoine P, Guermonprez P, Frigard B, [Awareness of deficits and anosognosia in Alzheimer's disease.] in Encephale, vol. 30, nº 6, 2004, pp. 570–7, DOI:10.1016/S0013-7006(04)95472-3, PMID 15738860.
  39. ^ (PT) Cruz VT, Pais J, Teixeira A, Nunes B, [The initial symptoms of Alzheimer disease: caregiver perception] in Acta Med Port, vol. 17, nº 6, 2004, pp. 435–44, PMID 16197855.
  40. ^ Marksteiner J, Hinterhuber H, Humpel C, Cerebrospinal fluid biomarkers for diagnosis of Alzheimer's disease: beta-amyloid(1-42), tau, phospho-tau-181 and total protein in Drugs Today, vol. 43, nº 6, giugno 2007, pp. 423–31, DOI:10.1358/dot.2007.43.6.1067341, PMID 17612711.
  41. ^ De Meyer G, Shapiro F, Vanderstichele H, Vanmechelen E, Engelborghs S, De Deyn PP, Coart E, Hansson O, Minthon L, Zetterberg H, Blennow K, Shaw L, Trojanowski JQ, Diagnosis-Independent Alzheimer Disease Biomarker Signature in Cognitively Normal Elderly People in Arch Neurol., vol. 67, nº 8, agosto 2010, pp. 949–56, DOI:10.1001/archneurol.2010.179, PMC 2963067, PMID 20697045.
  42. ^ Kolata G, Spinal-Fluid Test Is Found to Predict Alzheimer's in The New York Times, 9 agosto 2010. URL consultato il 10 agosto 2010.
  43. ^ X Sun x, Steffens DC, Au R, et al., DC Steffens, R Au, M Folstein, P Summergrad, J Yee, I Rosenberg, DM Mwamburi e WQ Qiu, Amyloid-Associated Depression: A Prodromal Depression of Alzheimer Disease? in Arch Gen Psychiatry, vol. 65, nº 5, 2008, pp. 542–550, DOI:10.1001/archpsyc.65.5.542, PMC 3042807, PMID 18458206.
  44. ^ Geldmacher DS, Whitehouse PJ, Differential diagnosis of Alzheimer's disease in Neurology, vol. 48, 5 Suppl 6, maggio 1997, pp. S2–9, PMID 9153154.
  45. ^ Potter GG, Steffens DC, Contribution of depression to cognitive impairment and dementia in older adults in Neurologist, vol. 13, nº 3, maggio 2007, pp. 105–17, DOI:10.1097/01.nrl.0000252947.15389.a9, PMID 17495754.
  46. ^ Bonte FJ, Harris TS, Hynan LS, Bigio EH, White CL, Tc-99m HMPAO SPECT in the differential diagnosis of the dementias with histopathologic confirmation in Clin Nucl Med, vol. 31, nº 7, luglio 2006, pp. 376–8, DOI:10.1097/01.rlu.0000222736.81365.63, PMID 16785801.
  47. ^ Dougall NJ, Bruggink S, Ebmeier KP, Systematic review of the diagnostic accuracy of 99mTc-HMPAO-SPECT in dementia in Am J Geriatr Psychiatry, vol. 12, nº 6, 2004, pp. 554–70, DOI:10.1176/appi.ajgp.12.6.554, PMID 15545324.
  48. ^ PiB PET:
  49. ^ Abella HA, Report from SNM: PET imaging of brain chemistry bolsters characterization of dementias in Diagnostic Imaging, 16 giugno 2009.
  50. ^ Carpenter AP Jr, Pontecorvo MJ, Hefti FF, Skovronsky DM, The use of the exploratory IND in the evaluation and development of 18F-PET radiopharmaceuticals for amyloid imaging in the brain: a review of one company's experience in Q J Nucl Med Mol Imaging, vol. 53, nº 4, 2009 Aug, pp. 387–93, PMID 19834448.
  51. ^ Leung K, (E)-4-(2-(6-(2-(2-(2-(18F-fluoroethoxy)ethoxy)ethoxy)pyridin-3-yl)vinyl)-N-methyl benzenamine [[18F]AV-45] in Molecular Imaging and Contrast Agent Database, 8 aprile 2010. URL consultato il 24 giugno 2010.
  52. ^ Kolata G, Promise Seen for Detection of Alzheimer's in The New York Times, 23 giugno 2010. URL consultato il 23 giugno 2010.
  53. ^ Wong DF, Rosenberg PB, Zhou Y et al., In Vivo Imaging of Amyloid Deposition in Alzheimer's Disease using the Novel Radioligand 18FAV-45 (Florbetapir F 18) in J Nucl Med, vol. 51, nº 6, giugno 2010, pp. 913–20, DOI:10.2967/jnumed.109.069088, PMC 3101877, PMID 20501908.
  54. ^ O'Brien JT, Role of imaging techniques in the diagnosis of dementia in Br J Radiol, vol. 80, Spec No 2, 2007 Dec, pp. S71–7, DOI:10.1259/bjr/33117326, PMID 18445747.
  55. ^ a b Onder G, Zanetti O, Giacobini E, Frisoni GB, Bartorelli L, Carbone G, Lambertucci P, Silveri MC, Bernabei R., Reality orientation therapy combined with cholinesterase inhibitors in Alzheimer's disease: randomised controlled trial, Br J Psychiatry. 2005 Nov;187:450-5.
  56. ^ Areosa SA, Sherriff F, McShane R, Memantine for dementia in Cochrane Database Syst Rev, nº 3, 2005, pp. CD003154, DOI:10.1002/14651858.CD003154.pub4, PMID 16034889.
  57. ^ Jacqueline Birks, Jacqueline Birks, Cholinesterase inhibitors for Alzheimer's disease, 2006, DOI:10.1002/14651858.CD005593.
  58. ^ Rossouw JE et al. Journal of the American Medical Association, vol. 288, no. 3, pp. 321-333, 2002.
  59. ^ [1] Boothby, Doering (2005) Annals of Pharmacotherapy. Vol. 39, No. 12, pp. 2073-2079.
  60. ^ Cochrane Birks J, Grimley Evans J (2009). "Ginkgo biloba for cognitive impairment and dementia". Cochrane Database Syst Rev (1)
  61. ^ a b c Bianchetti, A., Trabucchi, M. (2010). Alzheimer. Il Mulino, Bologna.
  62. ^ a b Onor ML, Trevisiol M, Negro C, Signorini A, Saina M, Aguglia E., Impact of a multimodal rehabilitative intervention on demented patients and their caregivers. Am J Alzheimers Dis Other Demen. 2007 Aug-Sep;22(4):261-72.
  63. ^ NICE Guidelines for Dementia 2006
  64. ^ a b [2] Spector, A., Thorgrimsen, L., Woods, B., Royan, L., Davies, S., Butterworth, M., Orrell, M. (2003). Efficacy of an evidence-based cognitive stimulation therapy programme for people with dementia. British Journal of Psychiatry (2003) 183: 248-254.
  65. ^ Livingston G, Johnston K, Katona C, Paton J, Lyketsos CG., Systematic review of psychological approaches to the management of neuropsychiatric symptoms of dementia. Am J Psychiatry. 2005 Nov;162(11):1996-2021.
  66. ^ Metitieri T, Zanetti O, Geroldi C, Frisoni GB, De Leo D, Dello Buono M, Bianchetti A, Trabucchi M., Reality Orientation Therapy to delay outcomes of progression in patients with dementia. A retrospective study. Clin Rehabil. 2001 Oct;15(5):471-8 Abstract
  67. ^ Zanetti O, Frisoni GB, De Leo D, Dello Buono M, Bianchetti A, Trabucchi M., Reality orientation therapy in Alzheimer disease: useful or not? A controlled study. Alzheimer Dis Assoc Disord. 1995 Fall;9(3):132-8. PubMed
  68. ^ Knapp M, Thorgrimsen L, Patel A, Spector A, Hallam A, Woods B, Orrell M., Cognitive stimulation therapy for people with dementia: cost-effectiveness analysis. Br J Psychiatry. 2006 Jun;188:574-80. [3]
  69. ^ a b c Gollin, D., Ferrari, A., Peruzzi, A. (2007) Una Palestra per la Mente. Stimolazione cognitiva per l'invecchiamento cerebrale e le demenze. Erickson, Trento.
  70. ^ Woods B, Spector AE, Jones CA, Orrell M, Davies SP. Reminiscence therapy for dementia. Cochrane Database of Systematic Reviews 2005, Issue 2.
  71. ^ Schulz R, O'Brien AT, Bookwala J and Fleissner K (December 1995). "Psychiatric and physical morbidity effects of dementia caregiving: prevalence, correlates, and causes". Gerontologist 35 (6): 771–791
  72. ^ Förstl H, Kurz A, Clinical features of Alzheimer's disease in European Archives of Psychiatry and Clinical Neuroscience, vol. 249, nº 6, 1999, pp. 288–290, DOI:10.1007/s004060050101, PMID 10653284.
  73. ^ a b c d Mölsä PK, Marttila RJ, Rinne UK, Survival and Cause of Death in Alzheimer's Disease and Multi-Infarct Dementia in Acta Neurol Scand, vol. 74, nº 2, agosto 1986, pp. 103–7, DOI:10.1111/j.1600-0404.1986.tb04634.x, PMID 3776457.
  74. ^ a b Bowen JD, Malter AD, Sheppard L, WA Kukull, WC McCormick, L Teri e EB Larson, Predictors of Mortality in Patients Diagnosed with Probable Alzheimer's Disease in Neurology, vol. 47, nº 2, agosto 1996, pp. 433–9, PMID 8757016.
  75. ^ a b Dodge HH, Shen C, Pandav R, DeKosky ST, Ganguli M, Functional Transitions and Active Life Expectancy Associated with Alzheimer Disease in Arch. Neurol., vol. 60, nº 2, febbraio 2003, pp. 253–9, DOI:10.1001/archneur.60.2.253, PMID 12580712.
  76. ^ a b Mölsä PK, Marttila RJ, Rinne UK, Long-Term Survival and Predictors of Mortality in Alzheimer's Disease and Multi-Infarct Dementia in ActaNeurol Scand, vol. 91, nº 3, marzo 1995, pp. 159–64, PMID 7793228.
  77. ^ Larson EB, Shadlen MF, Wang L, WC McCormick, JD Bowen, L Teri e WA Kukull, Survival after Initial Diagnosis of Alzheimer Disease in Ann. Intern. Med., vol. 140, nº 7, aprile 2004, pp. 501–9, PMID 15068977.
  78. ^ Jagger C, Clarke M, Stone A, Predictors of Survival with Alzheimer's Disease: A Community-based Study in Psychol Med, vol. 25, nº 1, gennaio 1995, pp. 171–7, DOI:10.1017/S0033291700028191, PMID 7792352.
  79. ^ a b Ganguli M, Dodge HH, Shen C, Pandav RS, DeKosky ST, Alzheimer Disease and Mortality: A 15-year Epidemiological Study in Arch. Neurol., vol. 62, nº 5, maggio 2005, pp. 779–84, DOI:10.1001/archneur.62.5.779, PMID 15883266.
  80. ^ Raccomandazioni sulla prevenzione non supportate:
  81. ^ Szekely CA, Breitner JC, Zandi PP, Prevention of Alzheimer's disease in Int Rev Psychiatry, vol. 19, nº 6, 2007, pp. 693–706, DOI:10.1080/09540260701797944, PMID 18092245.
  82. ^ Patterson C, Feightner JW, Garcia A, Hsiung GY, MacKnight C, Sadovnick AD, Diagnosis and treatment of dementia: 1. Risk assessment and primary prevention of Alzheimer disease in CMAJ, vol. 178, nº 5, febbraio 2008, pp. 548–56, DOI:10.1503/cmaj.070796, PMC 2244657, PMID 18299540.
  83. ^ Rosendorff C, Beeri MS, Silverman JM, Cardiovascular risk factors for Alzheimer's disease in Am J Geriatr Cardiol, vol. 16, nº 3, 2007, pp. 143–9, DOI:10.1111/j.1076-7460.2007.06696.x, PMID 17483665.
  84. ^ Reiss AB, Wirkowski E, Role of HMG-CoA reductase inhibitors in neurological disorders: progress to date in Drugs, vol. 67, nº 15, 2007, pp. 2111–20, DOI:10.2165/00003495-200767150-00001, PMID 17927279.
  85. ^ Kuller LH, Statins and dementia in Curr Atheroscler Rep, vol. 9, nº 2, agosto 2007, pp. 154–61, DOI:10.1007/s11883-007-0012-9, PMID 17877925.
  86. ^ a b Solfrizzi V, Capurso C, D'Introno A, et al., Lifestyle-related factors in predementia and dementia syndromes in Expert Rev Neurother, vol. 8, nº 1, gennaio 2008, pp. 133–58, DOI:10.1586/14737175.8.1.133, PMID 18088206.
  87. ^ Panza F, Capurso C, D'Introno A, Colacicco AM, Frisardi V, Lorusso M, Santamato A, Seripa D, Pilotto A, Scafato E, Vendemiale G, Capurso A, Solfrizzi V., Alcohol drinking, cognitive functions in older age, predementia, and dementia syndromes in J Alzheimers Dis, vol. 17, nº 1, maggio 2009, pp. 7–31, DOI:10.3233/JAD-2009-1009, PMID 19494429.
  88. ^ a b Boothby LA, Doering PL, Vitamin C and vitamin E for Alzheimer's disease in Ann Pharmacother, vol. 39, nº 12, dicembre 2005, pp. 2073–80, DOI:10.1345/aph.1E495, PMID 16227450.
  89. ^ Isaac MG, Quinn R, Tabet N, Vitamin E for Alzheimer's disease and mild cognitive impairment in Mokhtar Gad El Kareem Nasr Isaac (a cura di), Cochrane Database Syst Rev, nº 3, 2008, pp. CD002854, DOI:10.1002/14651858.CD002854.pub2, PMID 18646084.
  90. ^ Malouf R, Grimley Evans J, Folic acid with or without vitamin B12 for the prevention and treatment of healthy elderly and demented people in Reem Malouf (a cura di), Cochrane Database Syst Rev, nº 4, 2008, pp. CD004514, DOI:10.1002/14651858.CD004514.pub2, PMID 18843658.
  91. ^ Wald DS, Kasturiratne A, Simmonds M, Effect of folic acid, with or without other B vitamins, on cognitive decline: meta-analysis of randomized trials in The American Journal of Medicine, vol. 123, nº 6, giugno 2010, pp. 522–527.e2, DOI:10.1016/j.amjmed.2010.01.017, PMID 20569758.
  92. ^ Quinn JF, Raman R, Thomas RG, et al., Docosahexaenoic acid supplementation and cognitive decline in Alzheimer disease: a randomized trial in JAMA, vol. 304, nº 17, novembre 2010, pp. 1903–11, DOI:10.1001/jama.2010.1510, PMID 21045096.
  93. ^ a b c Szekely CA, Town T, Zandi PP, NSAIDs for the chemoprevention of Alzheimer's disease in Subcell Biochem, Subcellular Biochemistry, vol. 42, 2007, pp. 229–48, DOI:10.1007/1-4020-5688-5_11, ISBN 978-1-4020-5687-1, PMID 17612054.
  94. ^ Ringman JM, Frautschy SA, Cole GM, Masterman DL, Cummings JL, A Potential Role of the Curry Spice Curcumin in Alzheimer's Disease in Curr Alzheimer Res, vol. 2, nº 2, aprile 2005, pp. 131–6, DOI:10.2174/1567205053585882, ISSN 1567-2050, PMC 1702408, PMID 15974909.
  95. ^ Aggarwal BB, Harikumar KB, Potential Therapeutic Effects of Curcumin, the Anti-inflammatory Agent, Against Neurodegenerative, Cardiovascular, Pulmonary, Metabolic, Autoimmune and Neoplastic Diseases in Int J Biochem Cell Biol, vol. 41, nº 1, gennaio 2009, pp. 40–59, DOI:10.1016/j.biocel.2008.06.010, PMC 2637808, PMID 18662800.
  96. ^ Farquhar C, Marjoribanks J, Lethaby A, Suckling JA, Lamberts Q, Long term hormone therapy for perimenopausal and postmenopausal women in Cindy Farquhar (a cura di), Cochrane Database Syst Rev, nº 2, 15 aprile 2009, pp. CD004143, DOI:10.1002/14651858.CD004143.pub3, PMID 19370593.
  97. ^ E Barrett-Connor E, Laughlin GA e GA Laughlin, Endogenous and Exogenous Estrogen, Cognitive Function and Dementia in Postmenopausal Women: Evidence from Epidemiologic Studies and Clinical Trials in Semin Reprod Med, vol. 27, nº 3, maggio 2009, pp. 275–82, DOI:10.1055/s-0029-1216280, PMC 2701737, PMID 19401958.
  98. ^ a b PMID 16917199
  99. ^ Most Popular E-mail Newsletter in USA Today.
  100. ^ Paradise M, Cooper C, Livingston G, Systematic review of the effect of education on survival in Alzheimer's disease in Int Psychogeriatr, vol. 21, nº 1, febbraio 2009, pp. 25–32, DOI:10.1017/S1041610208008053, PMID 19026089.
  101. ^ Shcherbatykh I, Carpenter DO, The role of metals in the etiology of Alzheimer's disease in J Alzheimers Dis, vol. 11, nº 2, maggio 2007, pp. 191–205, PMID 17522444.
  102. ^ Rondeau V, Commenges D, Jacqmin-Gadda H, Dartigues JF, Relation between aluminum concentrations in drinking water and Alzheimer's disease: an 8-year follow-up study in Am J Epidemiol, vol. 152, nº 1, luglio 2000, pp. 59–66, DOI:10.1093/aje/152.1.59, PMC 2215380, PMID 10901330.
  103. ^ Kukull WA, Larson EB, Bowen JD, et al., Solvent exposure as a risk factor for Alzheimer's disease: a case-control study in Am J Epidemiol, vol. 141, nº 11, giugno 1995, pp. 1059–71; discussion 1072–9, PMID 7771442.
  104. ^ Santibáñez M, Bolumar F, García AM, Occupational risk factors in Alzheimer's disease: a review assessing the quality of published epidemiological studies in Occupational and Environmental Medicine, vol. 64, nº 11, 2007, pp. 723–732, DOI:10.1136/oem.2006.028209, PMC 2078415, PMID 17525096.
  105. ^ Seidler A, Geller P, Nienhaus A, et al., Occupational exposure to low frequency magnetic fields and dementia: a case–control study in Occup Environ Med, vol. 64, nº 2, febbraio 2007, pp. 108–14, DOI:10.1136/oem.2005.024190, PMC 2078432, PMID 17043077.
  106. ^ Rondeau V, A review of epidemiologic studies on aluminum and silica in relation to Alzheimer's disease and associated disorders in Rev Environ Health, vol. 17, nº 2, 2002, pp. 107–21, DOI:10.1515/REVEH.2002.17.2.107, PMID 12222737.
  107. ^ Martyn CN, Coggon DN, Inskip H, Lacey RF, Young WF, Aluminum concentrations in drinking water and risk of Alzheimer's disease in Epidemiology, vol. 8, nº 3, maggio 1997, pp. 281–6, DOI:10.1097/00001648-199705000-00009, PMID 9115023.
  108. ^ Graves AB, Rosner D, Echeverria D, Mortimer JA, Larson EB, Occupational exposures to solvents and aluminium and estimated risk of Alzheimer's disease in Occup Environ Med, vol. 55, nº 9, settembre 1998, pp. 627–33, DOI:10.1136/oem.55.9.627, PMC 1757634, PMID 9861186.
  109. ^ http://ec.europa.eu/health/ph_risk/committees/04_scenihr/docs/scenihr_o_022.pdf.
  110. ^ Cataldo JK, Prochaska JJ, Glantz SA, Cigarette smoking is a risk factor for Alzheimer's disease: An analysis controlling for tobacco industry affiliation in J Alzheimers Dis, vol. 19, nº 2, 2010, pp. 465–80, DOI:10.3233/JAD-2010-1240, PMC 2906761, PMID 20110594.
  111. ^ Digiuno protegge cercello da Alzheimer

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bianchetti, A., Trabucchi, M. (2010). Alzheimer. Il Mulino, Bologna.
  • Borri, M., (2012) "Storia della malattia di Alzheimer". Il Mulino, Bologna.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina