Ebefrenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'ebefrenia (conosciuta anche con il nome di psicosi della giovinezza) è una delle forme in cui può presentarsi la schizofrenia.

Questo disturbo psichiatrico fa la sua comparsa generalmente nei giovani. La forma ebefrenica è caratterizzata da comportamenti confusionali e incoerenti; l'ebefrenico rivela la volontà di abbandonare la lotta, di non crescere psicologicamente per non dover competere ed essere sottoposto a giudizio alla disaprovvazione degli altri o confrontarsi con la loro aggressività; crescendo con l'età digredisce mentalmente.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi iniziali sono irascibilità, nevrosi, apatia; a volte possono presentarsi anche stati emotivi non giustificati (ad esempio allegria o tristezza immotivate) o improvvise crisi di ansia.

Con il trascorrere degli anni la malattia evolve, con l'insorgere di asocialità, disturbi affettivi, distacco dalla realtà, allucinazioni, comportamenti violenti, fino alla distruzione della personalità.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

L'ebefrenia ha prognosi infausta, essendo una forma di schizofrenia grave caratterizzata da un peggioramento progressivo. Può però essere contrastata tramite trattamenti psichiatrici adeguati e condizioni familiari, sociali e ambientali favorevoli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]