Disturbo dipendente di personalità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il disturbo dipendente di personalità anche se è considerato tra i più diffusi è uno dei meno studiati, è un disturbo caratterizzato dalla necessità continua di sviluppare e mantenere nuovi rapporti sociali nonché della necessità di rendersi indispensabili per le persone più care, questo per evitare un possibile abbandono, anche un piccolo segno di allontanamento può essere percepito come tale e quindi la persona si adopera per diventare indispensabile per l’altro in modo tale da poter scongiurare tale pericolo, queste persone inoltre non sono capaci di stare da sole e nel caso ci si dovessero ritrovare percepiscono la loro esistenza e loro stessi come inutili e vuoti e tutto per loro perde di attrazione cadono quindi in uno stato depressivo, questo disturbo colpisce maggiormente soggetti di sesso femminile e con un'età media alta.

Fattori e comportamenti tipici[modifica | modifica wikitesto]

Chi soffre di questo disturbo ha una percezione tipica di se che lo porta come conseguenza ad avere una bassa autostima, normalmente le persone con questo disturbo si sentono inadeguate rispetto agli altri come se avessero qualcosa di meno che le porta a sentirsi inferiori si percepiscono infatti sbagliate tale considerazione le rende quindi insicure e con bassa autostima e questo si ripercuote sul loro modo di relazionarsi con le persone e sul ruolo che gli altri rivestono nella loro vita.

Un'abilità che questi soggetti hanno di solito ben sviluppata è la capacità di comprendere in anticipo i bisogni della persona a loro cara così da anticiparli sul tempo in questo modo sperano di insinuare nella mente della persona interessata l’idea che loro sono essenziali per la sua felicità e benessere, questo li salvaguarderà da eventuali pensieri negativi che l’altra persona possa fare su di loro.

Tuttavia in alcuni momenti della loro vita potrebbero ritrovarsi senza un partner o senza relazioni comunque importanti per loro e questo è molto distruttivo, la loro esistenza diventa vuota è inutile, stati d’animo come il vuoto, sensazione di inutilità depressione e tristezza prendono il sopravvento.

Descritti in questo modo questi soggetti sembrerebbero non avere una volontà e degli interessi propri mentre in realtà non sono degli automi privi di scopi personali guidati solo dalla volontà altrui, loro hanno come tutti gli altri anche degli interessi e scopi personali e sono in grado di riconoscere se questi non combaciano con quelli della persona a loro cara ma sono così bisognosi dell’approvazione del partner che non riescono a mettere in atto i comportamenti necessari al raggiungimento dei loro personali fini se questi non combaciano con la volontà altrui.

Sono quindi le relazioni che guidano le loro scelte, anche nel caso in cui le aspettative degli altri non siano in sintonia con le loro avvertono il bisogno di adattarsi, questo gli provoca però a livello emotivo un senso di frustrazione rabbia e costrizione che a loro volta gli fanno credere che la relazione sia instabile, questo viene interpretato come segno precursore di abbandono ( la cosa che temono di più ) quindi la loro priorità torna quella di soddisfare i desideri del parter ricreando così uno stato di tranquillità in essi.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Un breve elenco di comportamenti e sintomi tipici per capire se si è a rischio di questo disturbo

  • Difficoltà nel far vedere che non si è d’accordo con le idee degli altri per paura di perderne l’approvazione (questa caratteristica è presente anche nei neurotipici)
  • Preferenza nell’affidare alcune responsabilità che riguardano la gestione di alcuni aspetti nella propria vita ad altre persone
  • Scarsa capacità in generale di decidere per se stessi senza essere rassicurati dagli altri
  • Difficoltà nel perseguire i propri scopi se questi non sono appoggiati da qualcuno (presente anche nei neurotipici recessivi)
  • Sensazione di disagio, vuoto e depressione quando si è soli e timore eccessivo di non saper provvedere a se stessi
  • Bisogno di una relazione di compensazione al termine di una relazione importante
  • Timore nel non poter contare sui consigli di qualcuno nelle decisioni inerenti i propri bisogni.
Somiglianze con altri disturbi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni sintomi di questo disturbo sono riscontrabili anche in altri disturbi che però differiscono rispetto a questo in alcune caratteristiche

Ad esempio nel Disturbo Borderline di personalità le caratteristiche in comune sono la paura costante di abbandono gli stati di vuoto tipici dei momenti depressivi e l’idea che ci sia qualcosa di sbagliato nella propria persona nel senso caratteriale ma le relazioni non sono instabili e variabili come nel borderline inoltre non è presente la stessa instabilità mentale tipica del soggetto borderline.

Altra somiglianza la riscontriamo nel Disturbo Istrionico di personalità infatti in tutti e 2 i disturbi può essere presente una percezione di se come persona non capace di stare bene da sola e di provvedere a se stessa autonomamente ma la differenza è che nel disturbo istrionico di personalità è presente un forte bisogno di essere sempre al centro dell’attenzione cosa invece non presente in questo disturbo dove il bisogno predominante è il desiderio di accettazione.

Alcune somiglianze sono presenti anche con la Sindrome Neurotipica in tutte i disturbi è presente il desidero di sviluppare e mantenere nuovi rapporti sociali, una certa difficoltà nel rimanere da soli e una certa difficoltà a mostrare agli altri che non si è d’accordo con le loro idee per paura di perderne l’approvazione, la differenza sta nel fatto che mentre nel disturbo dipendente di personalità questa caratteristica è sempre presente nei neurotipici è presente sono nel caso non fossero contemporaneamente narcisisti in caso contrario l’alta autostima e il delirio di superiorità faranno in modo che non abbiano problemi ad esprimere e ad imporre le propri idee e i propri desideri e non sentiranno così il bisogno di conformarsi agli altri almeno sotto questo punto di vista perché percepiranno sempre le proprie idee come le uniche giuste e degne di essere di essere accettate.

Approfondimenti

http://www.terzocentro.it/cosa_curiamo/disturbi_di_personalita/evitante.asp

http://www.ipsico.it/sintomi-cura/disturbo-evitante-di-personalita/

Criteri diagnostici (DSM-IV TR)[modifica | modifica wikitesto]

  1. La persona ha difficoltà a prendere le decisioni quotidiane senza richiedere un'eccessiva quantità di consigli e rassicurazioni
  2. Ha bisogno che altri si assumano la responsabilità per la maggior parte dei settori della sua vita
  3. Ha difficoltà ad esprimere disaccordo verso gli altri per il timore di perdere supporto o approvazione (nota per il clinico: non vanno inclusi timori realistici di punizioni)
  4. Ha difficoltà ad iniziare progetti o a fare cose autonomamente (per una mancanza di fiducia nel proprio giudizio o nelle proprie capacità piuttosto che per mancanza di motivazione od energia)
  5. Può giungere a qualsiasi cosa pur di ottenere accudimento e supporto da altri, fino al punto di offrirsi per compiti spiacevoli
  6. Si sente a disagio e indifeso quando è solo per timori esagerati di essere incapace a provvedere a se stesso
  7. Quando termina una relazione stretta ricerca urgentemente un'altra relazione come fonte di accudimento e di supporto
  8. Si preoccupa in modo non realistico di essere lasciato a provvedere a se stesso.