Acatisia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Acatisia
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 781.0, 333.99
ICD-10 (EN) G21.1
Sintomi della acatisia (Si noti che il paziente è costretto a mangiare in piedi, invece che seduto).

L'acatisia è una sindrome psicomotoria che si manifesta con l'impossibilità di stare fermi, seduti, causa irrequietezza, ansietà, parestesia e agitazione, comportando una volontà di muoversi in continuazione. La condizione rimane soggettiva, diventando solo una sensazione.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Le cause che comportano a tale fenomeno sono quasi esclusivamente di tipo farmacologico (90%) ma alcune patologie causano lo stesso disturbo.

Cause farmacologiche[modifica | modifica sorgente]

Il disturbo motorio può essere un effetto secondario di alcuni psicofarmaci (in particolare neurolettici e antipsicotici), tra cui alcuni di quelli utilizzati nella cura della malattia di Parkinson o nella terapia del vomito (metoclopramide). Studi hanno dimostrato che quasi la totalità dei casi di acatisia si rilevino a causa dei neurolettici durante i primi mesi dall'inizio del trattamento. Per quanto riguarda la malattia di Parkinson, l'incidenza varia fino al 50% dei casi. Anche alcuni farmaci oppiodi caratterizzati dal loro meccanismo d'azione (tramadolo e tapentadolo) possono dare questo tipo di disturbo che rientra nella categoria della sindrome serotoninergica[1].

Altre cause[modifica | modifica sorgente]

Altre cause possibili sono varie sindromi (insieme di sintomi con eziologia spesso non chiara) di livello ansioso:

  • Sindrome delle gambe senza riposo: si manifesta con impossibilità a stare seduti, bisogno imperioso e incessante di camminare o di accavallare continuamente le gambe. Secondo un recente studio americano pare vi sia una alterazione genetica alla base.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lancet 2011;377, pag 2228.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
  • Franco Giberti, Rossi Romolo, Manuale di Psichiatria, Milano, Piccin, 2007, ISBN 978-88-299-1851-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Parkinson: sindromi tardive

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina