The Iron Lady

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Iron Lady
The Iron Lady.JPG
Meryl Streep interpreta la Lady di Ferro in una scena del film.
Titolo originale The Iron Lady
Paese di produzione Regno Unito, Francia
Anno 2011
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere biografico, drammatico
Regia Phyllida Lloyd
Sceneggiatura Abi Morgan
Produttore Damian Jones
Produttore esecutivo François Ivernel, Adam Kulick, Cameron McCracken, Tessa Ross
Casa di produzione Pathé, Film 4, UK Film Council, Media Rights Capital
Distribuzione (Italia) BiM Distribuzione
Fotografia Elliot Davis
Montaggio Justine Wright
Musiche Thomas Newman
Scenografia Simon Elliott
Costumi Consolata Boyle
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Con tutto il rispetto generale, ho dovuto combattere sempre, ogni santo giorno della mia vita e sono stata sottovalutata da molti uomini in passato. »
(Margaret parlando con Alexander Haig.)

The Iron Lady è un film diretto da Phyllida Lloyd, che racconta la vita dell'ex primo ministro britannico Margaret Thatcher, interpretata da Meryl Streep, che per la sua interpretazione ha ricevuto il suo terzo Oscar.

Il resto del cast comprende Jim Broadbent, che interpreta Denis Thatcher, e Anthony Head, nel ruolo del longevo membro del gabinetto Geoffrey Howe.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Cura i pensieri: diventeranno parole. Cura le tue parole: diventeranno le tue azioni. Cura le tue azioni perché diventeranno abitudini. Cura le tue abitudini perché diventeranno il tuo carattere e cura il tuo carattere perché diventerà il tuo destino. Quello che pensiamo, diventiamo. »
(Margaret Thatcher)

Il film ripercorre la vita dell'ex-primo ministro britannico Margaret Thatcher, compresa l'infanzia, la sua carriera politica e i 17 giorni antecedenti alla guerra delle Falkland (avvenuta nel 1982). Il tutto è visto attraverso gli occhi della donna che, ormai ottantenne e afflitta dalla malattia di Alzheimer, vive con nostalgia i momenti del suo passato, specie quelli trascorsi al fianco del marito Denis. Nonostante passato e presente si fondano nella sua testa in maniera inestricabile, Margaret non cede alle preoccupazioni della figlia e dei suoi collaboratori, consapevole del fatto che, nonostante l'importanza degli eventi trascorsi, anche la sua vita presente rimane degna di essere vissuta fino in fondo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stimato in 14 milioni di dollari statunitensi. Gli effetti speciali digitali sono stati realizzati dall'azienda BlueBolt.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il teaser trailer è stato distribuito l'8 luglio 2011, mentre la prima locandina il 23 settembre 2011, dal sito Yahoo! Movie. Il trailer italiano del film è stato diffuso il 22 dicembre 2011.[2]

Il film è stato distribuito negli Stati Uniti dalla The Weinstein Company il 30 dicembre 2011, in versione limitata, mentre nel Regno Unito è stato distribuito il 6 gennaio 2012. In Italia è distribuito dalla BiM Distribuzione, a partire dal giorno 27 gennaio 2012.[3]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti ha incassato circa 30 milioni di dollari, nel Regno Unito 9 milioni di sterline e in Italia oltre 2 milioni di euro. Complessivamente ha incassato quasi 115 milioni di dollari.[4]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La critica ha generalmente avuto apprezzamenti positivi non solo per l'interpretazione della Streep, ma anche per quella di Jim Broadbent, e inoltre per il trucco, per gli effetti speciali e per la regia.

Il direttore della fotografia Luca Bigazzi ha più volte asserito di aver rinunciato a prendere parte al film per ragioni politiche.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Soldiers of the Queen
  2. MT
  3. Grocer's Daughter
  4. Grand Hotel
  5. Swing Parliament
  6. Shall We Dance?
  7. Denis
  8. The Great in Great Britain
  9. Airey Neave
  10. Discord and Harmony
  11. The Twins
  12. Nation of Shopkeepers
  13. Fiscal Responsibiility
  14. Crisis of Confidence
  15. Community Charge
  16. Casta Diva
  17. The Difficult Decisions
  18. Exclusion Zone
  19. Statecraft
  20. Steady the Buffs
  21. Prelude No. 1 in C Major, BWV 846 (J.S. Bach)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Projects, blue-bolt.com. URL consultato il 7 aprile 2014.
  2. ^ Meryl Streep protagonista del trailer italiano di The Iron Lady, 21 dicembre 2011. URL consultato il 7 aprile 2014.
  3. ^ The Iron Lady, bimfilm.com. URL consultato il 7 aprile 2014.
  4. ^ The Iron Lady in boxofficemojo.com. URL consultato l'8 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema