Brighton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre occorrenze di Brighton, vedi Brighton (disambigua).
Brighton
parrocchia civile
Brighton – Veduta
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Sud Est
Contea County Flag of East Sussex.png East Sussex
Distretto Brighton and Hove
Territorio
Coordinate 50°50′N 0°08′W / 50.833333°N 0.133333°W50.833333; -0.133333 (Brighton)Coordinate: 50°50′N 0°08′W / 50.833333°N 0.133333°W50.833333; -0.133333 (Brighton)
Abitanti 155,919 (2007)
Altre informazioni
Cod. postale BN1, BN2, BN50, BN88
Prefisso 01273
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Brighton
Sito istituzionale

Brighton è una città di circa 156.000 abitanti situata sulla costa meridionale dell'Inghilterra nella contea dell'East Sussex. Insieme alle vicine città di Hove e Portslade, costituisce la Città di Brighton e Hove.

L'antico insediamento di Brighthelmston risale a prima del Domesday Book (1086), ma emerse come città dal clima benefico durante il XVIII secolo, divenendo una destinazione dei viaggiatori dopo l'arrivo della ferrovia, nel 1841. Brighton sperimentò un rapido aumento della popolazione, raggiungendo un picco di circa 160.000 abitanti nel 1961.[1] La Brighton moderna forma una parte di una conurbazione che si estende lungo la costa, con una popolazione di circa 480.000 abitanti.[2]

La città è visitata da otto milioni di turisti l'anno; Brighton conta due università e una scuola di medicina.

Brighton è una grande e frequentata stazione balneare, apprezzata per i suoi numerosi parchi, le piazze e le case in stile Reggenza. L'attività economica è diversificata e comprende la produzione di apparecchiature elettriche e la lavorazione del metallo.

Brighton è considerata la capitale dei Gay d'Inghilterra, annualmente vi si svolge il gay pride.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La città sorge sulle coste del sud dell'Inghilterra, sulla Manica, e costituisce l'Autorità unitaria (Unitary Authority) di Brighton & Hove, assieme con le città di Hove, Saltdean e Rottingdean. Essa costituisce il centro maggiore di un'area conurbata che conta circa 480.000 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella città sorge il famoso Royal Pavilion, costruito negli anni tra il 1787 ed il 1820 come residenza per il Principe del Galles, il futuro re Giorgio IV. Lo stravagante edificio in stile pseudo-orientale, acquistato dalla città di Brighton nel 1850, ospita oggi un museo e le vicine scuderie sono state convertite in una sala da concerti. La cittadina possiede, oltre al grande molo "Palace Pier" (costruito nel 1899), numerosi teatri e musei, un acquario, un ippodromo ed un grande porto turistico.

Vi era anche il molo West Pier, costruito nel 1866 e chiuso al pubblico nel 1975, ma è rimasto distrutto da un incendio nel 2003.

Nel 1896 a Brighton si instaurò la prima importante scuola del cinema inglese, la Scuola di Brighton.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Vita notturna e musica popolare[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei principali eventi musicali è, a intervalli irregolari, il "Big Beach Boutique", per cui una grande parte della spiaggia viene chiusa per un concerto di Fatboy Slim.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Hanno avuto origine da questa città il gruppo indie rock Blood Red Shoes, il disc jockey Fatboy Slim, la band rock emergente The Kooks, Bat for Lashes e The Go! Team. La band inglese Queen ha composto una canzone dal titolo "Brighton Rock".

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate alla città[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Panorama del Brighton Pier

A livello turistico balneare la città è una delle più ricettive in Gran Bretagna. Brighton è visitata da otto milioni di turisti all'anno grazie anche alla relativa vicinanza dalla capitale inglese che dista solo un'ora di treno. Caratteristico è il suo lungomare con numerosi bar, ristoranti, nightclub e la Brighton Wheel.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Vari sono i punti di contatto della città con la storia dei trasporti, a partire dall'essere stata la città d'arrivo della prima competizione motoristica della storia britannica dopo gli oltre trent'anni in cui è stato in vigore il Locomotive Act con le note limitazioni di velocità per i veicoli: la Emancipation Run da Londra a Brighton del 1896.

Attualmente il trasporto pubblico locale attraverso autobus è gestito dalla "Brighton & Hove" con all'incirca 250 mezzi, mentre è in progetto anche un servizio di metropolitana. La città è collegata alla rete ferroviaria attraverso la stazione ferroviaria Brighton Station da cui partono frequenti treni verso Londra, raggiunta dopo 82 km.

Dal punto di vista storico Brighton possiede Volk's Electric Railway il più antico treno elettrico della storia ancora in funzione nel mondo, tuttora viene utilizzato come collegamento turistico essenziale per trasportare la gente dal Brighton Pier a Brighton Marina. I binari percorrono tutta la spiaggia per quasi 2 km.

È presente inoltre il più antico ascensore elettrico della storia ancora in funzione, esso si trova all'interno del Concorde 2,[senza fonte] un noto locale di Brighton posto sul lungomare dove si esibiscono musicisti e gruppi di fama internazionale. Tale ascensore permette il collegamento dal locale posto al livello della spiaggia con la strada sovrastante alla scogliera con un dislivello di quasi 30 metri (infatti percorre in altezza la scogliera). Esso è stato costruito e tuttora conservato in perfetto Stile Vittoriano. Casualmente esso si trova a metà percorso della Volks Railway. Attualmente l'ascensore non è accessibile ai visitatori a causa di alcuni atti vandalici.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carder, Timothy (1990). The Encyclopaedia of Brighton. S.127 East Sussex County Libraries. ISBN 0-86147-315-9
  2. ^ KS01 popolazione residente: censimento del 2001, legenda alle statistiche per le aree urbane. URL consultato l'11 aprile 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito