Michele Gammino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Gammino nel 1977

Michele Gammino (Roma, 16 giugno 1941) è un attore, doppiatore, direttore del doppiaggio e conduttore televisivo italiano.

Nato a Roma da genitori trasferitisi da Palermo nella capitale, è padre di un altro doppiatore, Roberto Gammino, e zio della doppiatrice Maria Letizia Scifoni.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

È noto soprattutto per essere il doppiatore ufficiale di Harrison Ford e Steven Seagal, e per aver prestato voce a Kevin Costner, Richard Gere, Bill Murray, Jack Nicholson e Bob Hoskins in alcune significative interpretazioni.

Tra gli attori doppiati vi sono Kris Kristofferson nel ruolo di Abraham Whistler in Blade, Timothy Dalton in due episodi dedicati al personaggio di James Bond, Chevy Chase in Spie come noi, Tom Wilkinson in The Exorcism of Emily Rose, Paul Sorvino in Quei bravi ragazzi, Dustin Hoffman in Oggi è già domani di Joel Hopkins e Alan Rickman in Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street.

Da non dimenticare gli attori Cary Grant e Gary Cooper in occasione dei ridoppiaggi di - rispettivamente - La dama e l'avventuriero e L'idolo delle folle.

Per quanto riguarda la televisione, ha doppiato Danny Aiello ne L'ultimo padrino, Tim Allen ne L'uomo di casa, Francois Perier nel ruolo dell' avvocato Tessani ne La piovra e Timothy Dalton nel ruolo di Alexei Volkoff in Chuck.

Doppia Morgan Freeman dalla seconda stagione del Morgan Freeman science show su Discovery Science entrando al posto di Renato Mori.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Il volto di Michele Gammino è noto al grande pubblico per la sua esperienza come conduttore della popolare trasmissione televisiva Giochi senza frontiere per quattro stagioni, dal 1979 al 1982. Era subentrato allo storico presentatore Ettore Andenna, e nei suoi primi due anni fu affiancato da Milly Carlucci. Rimase poi fino alla prima sospensione del programma.

Nell'estate del 1978 aveva presentato il gioco a premi Il sesso forte in coppia con Enrica Bonaccorti. Nei primi anni ottanta ha condotto il gioco Un terno al lotto su Primarete.

Partecipò alla famosissima trasmissione "Portobello" condotta da Enzo Tortora, in qualità di inviato in giro per l'Italia alla scoperta di specialità eno-gastronomiche, mentre la controparte Carlucci, analogamente, se ne andava in posti da sogno in giro per il mondo...

Ha recitato anche negli sceneggiati TV Le ragazze di piazza di Spagna, Carabinieri 7, Una donna per amico, Linda e il brigadiere, Un medico in famiglia e nella terza stagione de I Cesaroni.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

La carriera cinematografica di Gammino si è svolta per lo più nel corso degli anni '70 ed all'inizio degli anni '80.

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Molte sono anche le produzioni teatrali a cui Gammino ha preso parte. Tra le altre si possono ricordare le recenti Fantasma d'amore con Anna Mazzamauro per la regia di Pino Strabioli, È ricca, la sposo e l'ammazzo e La signora in rosso entrambi con Gianfranco D'Angelo.

Nel 1974 ricopre il ruolo di Ponzio Pilato nel musical "UOMO" di Franco Chillemi e Uccio Sanacore, ispirato alla vita di Gesù Cristo. In questa occasione dimostra doti canore oltre a quelle recitative. A novembre del 2010 impersona al Teatro Sistina il principe Nicolò Paritelli nella commedia musicale di Garinei e Giovannini Rugantino, diretta da Enrico Brignano.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Audiolibri[modifica | modifica sorgente]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Film cinema[modifica | modifica sorgente]

Telefilm[modifica | modifica sorgente]

Pubblicità[modifica | modifica sorgente]

Michele Gammino è stata per anni la voce di alcuni spot pubblicitari, tra cui:

  • Amaro Montenegro (vari spot)
  • Peschereccio Azzurro Findus
  • Barilla (speciale Italia '90)
  • Tonno Rio mare (doppia Kevin Costner)

Radio[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Il Radiocorriere annate varie
  • Gli attori Gremese editore Roma 2002

Note[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]