Pierino contro tutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pierino contro tutti
Vitali.JPG
Titolo originale Pierino contro tutti
Paese di produzione Italia
Anno 1981
Durata 88 min
Colore Colore
Audio Sonoro
Genere Commedia erotica all'italiana
Regia Marino Girolami
Soggetto Gianfranco Clerici, Vincenzo Mannino
Sceneggiatura Marino Girolami, Gianfranco Clerici, Vincenzo Mannino
Casa di produzione Filmes International, Dania Film, Medusa Distribuzione
Distribuzione (Italia) Medusa Distribuzione
Fotografia Federico Zanni
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Berto Pisano
Scenografia Vincenzo Morozzi
Costumi Silvana Scandariato
Trucco Raoul Ranieri
Interpreti e personaggi

Pierino contro tutti è un film italiano del 1981 diretto dal regista Marino Girolami e interpretato da Alvaro Vitali che, debutta nel ruolo di protagonista. È il primo film della fortunata serie di Pierino ovvero sulle popolari barzellette e storie a proposito del giovanissimo discolo. Nell'arco di un anno fanno seguito altre due pellicole della serie quali Pierino colpisce ancora e Pierino medico della SAUB (mentre l'ultimo, Pierino torna a scuola, uscì nel 1990) e gli "apocrifi", ovvero non interpretati da Vitali, Pierino il fichissimo, con Maurizio Esposito, Pierino la Peste alla riscossa con Giorgio Ariani, Che casino... con Pierino con Roberto Gallozzi ed un film con una versione del personaggio al femminile Quella peste di Pierina con Marina Marfoglia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pierino è un ragazzino irrequieto che combina scherzi dovunque e a chiunque: alla sorella, all'osteria del padre e soprattutto a scuola, in particolare alla sua maestra, la signorina Mazzacurati, che cerca di conquistare il professor Celani. Un giorno Pierino risponde ad una domanda in maniera volgare e viene cacciato dalla classe, decidendo quindi di architettare uno scherzo in cui la maestra si rompe il braccio.

A causa di questo incidente viene chiamata in sostituzione una supplente di cui Pierino si innamora. Ben presto però il ragazzino deve fare i conti con il professor Celani, che sin dal primo incontro con la supplente fa capire le sue intenzioni di conquistarla. Pierino architetterà una serie di scherzi per vendicarsi del professore (in cui l'uomo si romperà una gamba nel tentativo di fermare Pierino) e poi farà una scommessa con i compagni di classe riguardante la supplente. Pierino vincerà la scommessa ma sarà mandato in presidenza, dove si cercherà di perdonarlo. Pierino sarà perdonato ma quando il preside gli chiede un gesto come risposta, Pierino manderà a quel paese il preside e tutti i professori davanti a mezza scuola.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nonostante il carattere dozzinale del soggetto e dell'esecuzione, fu tra i film di maggior successo nella magra stagione 1981-82, incassando dieci miliardi di lire di allora, rapportati al prezzo di 4000 lire di un normale biglietto.
  • Nel DVD, optando per la traccia audio con il commento dell'attore Vitali, è possibile ascoltare un aneddoto riguardante la scena della madre rumorosa in un giardino pubblico. Alla prima del film era presente il regista di spaghetti-western e produttore cinematografico Sergio Leone il quale, vedendo un pubblico entusiasta per la concomitante battuta di Pierino, uscì dalla sala infuriato, perché secondo lui la gente applaudiva battute così grossolane mentre nessuno dei suoi film aveva ricevuto mai un simile omaggio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]