Grazie... nonna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grazie... nonna
Grazie... nonna.jpg
Marijuana (Edwige Fenech) e Carletto (Giusva Fioravanti)
Titolo originale Grazie... nonna
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1975
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere erotico
Regia Franco Martinelli
Soggetto Marino Girolami
Sceneggiatura Romano Scandariato, Marino Girolami
Produttore CPM Cinematografica S.r.L.
Casa di produzione Panoramica Eastmancolor
Distribuzione (Italia) Fida
Fotografia Salvatore Caruso
Montaggio Eugenio Alabiso
Musiche Enrico Simonetti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Grazie... nonna è un film del 1975 diretto da Marino Girolami con lo pseudonimo di Franco Martinelli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'ingegner Persichetti vive a Pisa tranquillamente la propria vita insieme ai due figli e la governante in una villa. Un giorno apprende che il proprio padre, emigrato diversi anni fa nell'America del sud, è morto e che la sua seconda moglie sta arrivando per conoscerlo. Tutti si aspettano la visita una donna anziana e petulante, invece all'aeroporto si presenta una donna giovane, avvenente e affascinante il cui nome è Marijuana. Padre e figli cercheranno, con scarsi risultati, di approfittare delle grazie di Marijuana; l'unico che riuscirà a trascorrere più tempo con lei sarà Carletto, il figlio più piccolo dell'ingegnere.

Carletto è fortemente attratto da Marijuana e snobba continuamente una coetanea di nome Marinella. A causa di un impegno di famiglia, Carletto rimarrà un giorno intero solo a casa con Marijuana e avrà il tempo di sedurla e avere un sereno rapporto sessuale con lei. Il giorno dopo, Carletto e Marijuana apprendono che Marinella ha tentanto di suicidarsi per amore; quindi la raggiungono in ospedale.

Dopo essersi rasserenati sul suo stato di salute, ormai fuori pericolo, Marijuana chiede a tutti di parlare da sola con Marinella. Marijuana consiglia alla ragazza di assumere un atteggiamento e un portamento fortemente femminile se vuole attirare l'attenzione di Carletto. Marijuana è arrivata alla fine del suo soggiorno a Pisa e deve tornare nella sua città natale, prima di congedarsi però saluta tutta la famiglia. Il film termina con l'aereo in volo mentre Marinella si stringe a Carletto, abbracciandolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Classico della commedia erotica all'italiana[senza fonte], il film vede la partecipazione di Giusva Fioravanti, futuro capo dei NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari), che verrà poi riconosciuto colpevole della Strage di Bologna: è lui il timido adolescente.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche del film sono di Enrico Simonetti e sono suonate dalla sua orchestra avvalendosi del gruppo musicale di suo figlio (Claudio Simonetti) i quali, di lì a poco, diverranno celebri come i Goblin.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]