Transamerica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Transamerica
Transamerica.JPG
Kevin Zegers e Felicity Huffman in una scena del film
Titolo originale Transamerica
Paese di produzione USA
Anno 2005
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico
Regia Duncan Tucker
Soggetto Duncan Tucker
Sceneggiatura Duncan Tucker
Fotografia Stephen Kazmierski
Montaggio Pam Wise
Musiche David Mansfield
Scenografia Mark White e Lisa Scoppa
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Transamerica è un film del 2005 diretto da Duncan Tucker.

Per questo ruolo Felicity Huffman è stata nominata per l'Oscar alla miglior attrice ed ha ottenuto il Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sabrina "Bree" Osbourne, in passato Stanley, è una raffinata e colta transessuale in attesa dell'intervento di cambio del sesso. Bree vive in California mantenendosi con un modesto lavoro e risparmiando il più possibile per pagare l'operazione. Un giorno riceve una telefonata dal carcere minorile di New York city da parte di un certo Toby che dice di essere il figlio di Stanley, Bree risponde " Stanley non vive più qui". Bree era del tutto ignara di avere un figlio, nato dal suo unico rapporto sessuale al college 17 anni prima, e del fatto che la madre si fosse suicidata. Sabrina racconta alla sua psicoterapista, a cui è molto legata, della telefonata e che non è intenzionata ad incontrare il figlio perché vuole rompere col suo passato. La psicoterapista è contraria e decide di non firmare l'autorizzazione per l'intervento finché Bree non avrà conosciuto il figlio a fondo.

Bree parte per New York per prendere Toby, detenuto nel carcere minorile per possesso di stupefacenti. Una volta pagata la cauzione incontra finalmente Toby, al quale nasconde la sua vera identità, dichiarando di essere un' assistente sociale affiliata con la Chiesa. Il giorno dopo Bree acquista una macchina a poco e inizia con il figlio un viaggio coast to coast fino a Los Angeles, pensando di liberarsi di Toby lasciandolo dal patrigno da cui è cresciuto nel Kentucky. Arrivati dal patrigno Bree scopre il motivo per cui Toby è andato via di casa, quell'uomo molestava Toby da quando era bambino. Così i due proseguono il viaggio per Los Angeles, una sera Bree scende dall'auto per urinare e Toby intravede accidentalmente il suo pene. Toby è molto arrabbiato del fatto che Bree non gli avesse rivelato di essere transessuale ed arriva ad umiliarla davanti ad un venditore di Souvenir. Chiarita la situazione il ragazzo perdona Bree, ma è ancora completamente ignaro che è suo padre. Nel New Mexico un autostoppista ruba la loro macchina, al cui interno ci sono gli effetti personali di Bree, compresi i soldi e le pillole. Bree e Toby rimediano un passaggio fino al paese più vicino dove incontrano un rancher nativo americano, attratto da Bree dalla prima vista, che ospita i due per la notte. Il giorno dopo il rancher offre loro un passaggio fino a Phoenix in Arizona, i due scendono davanti alla casa dei genitori di Bree, dove vive anche la sorella Sydney. Bree inizialmente entra in casa da sola, sapendo di non essere la benvenuta, rivela ai suoi che fuori dalla porta c'è il loro nipote facendoli giurare di non raccontargli niente. I nonni accolgono a braccia aperte Toby, il quale non sospetta ancora nulla. La sera Toby entra in camera di Bree, si spoglia nudo e tenta di sedurla, a questo punto per fermarlo Bree è costretta a raccontargli tutta la verità. Toby non la prende affatto bene e scappa dalla casa.

Tornata a Los Angeles, Bree, ha effettuato l'intervento con successo, ma è ancora triste per aver perso Toby. Nel frattempo il ragazzo è diventato un attore porno-gay di successo. Una sera si presenta dalla madre per chiedergli dell'intervento e i due si riconciliano.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

L'Italia è stato il paese non di lingua inglese in cui il film ha realizzato il maggior incasso e il terzo in assoluto dopo Stati Uniti e Regno Unito.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Transamerica (2005), Box Office Mojo. URL consultato il 22 settembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema