Come lo sai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Molte ragazze si sposano, fanno bambini. Ma non so se io ho tutto quello che serve... Per il classico...programma femminile »
(Lisa/Reese Witherspoon)
Come lo sai
Come lo sai.JPG
Titolo originale How Do You Know
Paese di produzione USA
Anno 2010
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, romantico
Regia James L. Brooks
Soggetto James L. Brooks
Sceneggiatura James L. Brooks
Produttore James L. Brooks
Casa di produzione Sony Pictures
Musiche Hans Zimmer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Come lo sai (How Do You Know), è un film del 2010 scritto e diretto da James L. Brooks con Reese Witherspoon, Paul Rudd, Owen Wilson e Jack Nicholson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane Lisa Jorgenson, giocatrice di softball fin dall'infanzia, fa parte da dodici anni della squadra nazionale femminile di softball degli Stati Uniti d'America.
Ogni giorno controlla il sito della squadra nazionale di softball USA in cerca della lista di convocazioni per la stagione agonistica successiva, ma la tanto attesa pubblicazione invece di regalarle la ben conosciuta gioia degli anni precedenti, le comunica l'amara notizia di essere stata sostituita da una nuova giocatrice.
Così Lisa, la cui vita ruotava completamente attorno al mondo del softball, ai ritmi impostale dagli allenamenti, cerca di voltare pagina, iniziando dal conoscere persone nuove, ragazzi nuovi.
Il primo è Matty Reynolds, piacente giocatore di baseball svampito ed un po' superficiale che non si lascia sfuggire una ragazza, il cui legame con il mondo di quello sport sommessamente la ferisce.
Poi grazie a Riva, sua ex compagna di squadra, viene contattata da George Madison, affascinante manager in carriera.
George, come lei d'altronde, sta affrontando un brutto periodo, in quanto è oggetto di un'indagine federale per frode ai danni dello stato a causa di certe falsificazioni del bilancio dell'azienda di famiglia nella quale è impiegato; il loro primo appuntamento è un disastro, Lisa inizia a pensare che George sia uno scombinato, e stabiliscono di non aprire bocca fino alla fine della cena.
Col passare del tempo il rapporto di Lisa con Matty si stringe finché il ragazzo non le propone di trasferirsi con lui, e lei accetta.
La storia procede tra alti e bassi, ma la svolta arriva con una scenata di Matty alla ragazza per aver fatto entrare "in un appartamento che non le appartiene" un estraneo, nello specifico George, senza consultarlo.
Il che, sommato agli atteggiamenti libertini del giocatore sempre meno occultati, portano Lisa a decidere di andare via da quella casa.
Con i bagagli in mezzo alla strada pensa al da farsi, in quanto il suo appartamento è ancora subaffittato, e tempestivamente George le propone di trasferirsi da lui, ma dopo mezza giornata insieme e diversi cocktails arriva una telefonata di Matty, e Lisa torna da lui.
Durante una trasferta di Matty, Lisa trascorre la serata insieme a George quando una telefonata lo avverte del parto della segretaria, così i due si recano in ospedale ed assistono alla commovente proposta di matrimonio tra i neo-genitori; non manca un simpatico siparietto causato da George, che però porterà lui e Lisa ad avvicinarsi di più.

Il giorno successivo, al ritorno dalla trasferta, Matty organizza una festa di compleanno in ritardo a Lisa, alla quale è invitato anche George, che le consegna il suo regalo accompagnato da un toccante discorso.
Subito dopo George abbandona la festa, dicendo a Lisa che per un po' l'aspetterà alla fermata dell'autobus sotto casa; nel caso lei scegliesse lui potrà trovarlo lì.
Dopo qualche minuto di attesa ed un franco discorso in disparte tra Lisa e Matty, la ragazza raggiunge George ed insieme vanno via a bordo di un autobus, costante del film che ritorna a suggellare i passaggi più profondi.
Mentre George attende Lisa sotto il palazzo viene visto dal padre Charles (Madison), capo dell'azienda familiare, il quale vedendo arrivare la ragazza prima sorride felice per poi farsi serio di colpo, memore di un accordo preso con il figlio poco prima, in quanto capisce che il figlio non sconterà al suo posto la condanna in carcere, e rientra nell'appartamento dove con un nutrito gruppo di avvocati sta intessendo una strategia difensiva tra pile di scatoloni pieni di documenti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema