A proposito di Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A proposito di Schmidt
A proposito di Schmidt (film 2002).JPG
Jack Nicholson nella scena finale del film
Titolo originale About Schmidt
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2002
Durata 124 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere commedia drammatica
Regia Alexander Payne
Soggetto Louis Begley
Sceneggiatura Alexander Payne
Produttore Michael Besman, Harry Gittes
Produttore esecutivo Bill Badalato, Rachael Horowitz
Casa di produzione New Line Cinema, Avery Pix
Distribuzione (Italia) Nexo 2003
Fotografia James Glennon
Montaggio Kevin Tent
Musiche Rolfe Kent, Eric Satie
Scenografia Jane Ann Stewart
Costumi Wendy Chuck
Trucco Danielle Cunningham, Carrie Angland, Angie Paul, Emjay Olson, Joy Zapata, Jeanne Van Phue, Stacy Heatherly, Lisa Brockman-Kalz
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

A proposito di Schmidt è un film commedia drammatica del 2002 diretto da Alexander Payne, presentato in concorso al 55º Festival di Cannes.[1]

Fra gli avvenimenti più importanti nella vita di un uomo, sicuramente vi è quello dell'arrivo all'età della pensione; se a questo si aggiunge la perdita, dopo quarantadue anni di matrimonio, di una moglie (sia pure a volte molto ingombrante), la cosa si può fare seria (o semiseria): è il caso narrato da questo film (basato sulla omonimo romanzo del 1996 di Louis Begley) che miscela sapientemente satira e commedia, con una punta di amaro.

Il film è stato premiato con due Golden Globe (miglior attore drammatico e miglior sceneggiatura) su cinque nomination. L'attore protagonista, Jack Nicholson, per questo ruolo è stato candidato all'Oscar come miglior attore mentre Kathy Bates è stata in corsa per la statuetta come "migliore attrice non protagonista".

Trama[modifica | modifica sorgente]

Funzionario di un'impresa assicurativa ad Omaha (Nebraska), Warren Schmidt è appena approdato alla pensione quando rimane improvvisamente vedovo. Si trova così a fare i conti con un deludente passato ed un futuro che lo angoscia ancora di più. Per dare nuove motivazioni alla propria esistenza affronterà un avventuroso quanto (amaramente) comico viaggio in direzione di Denver (Colorado) per riavvicinarsi alla figlia, Jeannie, e convincerla a non sposare il fidanzato la cui famiglia (e soprattutto la madre, un'esilarante Kathy Bates) è assai squinternata.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 2002, festival-cannes.fr. URL consultato il 7 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema