Luciano De Ambrosis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano De Ambrosis a cinque anni nel film I bambini ci guardano

Luciano De Ambrosis (Torino, 28 marzo 1937) è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nel cinema come attore a soli cinque anni con I bambini ci guardano di Vittorio De Sica (1943), seguito da L'angelo del miracolo di Piero Ballerini (1944) e Cuore di Duilio Coletti (1947, liberamente tratto dall'omonimo romanzo). Negli anni a seguire calca raramente le scene per dedicarsi al doppiaggio, come doppiatore e direttore. È il padre del doppiatore Massimo De Ambrosis.

Nel mondo del doppiaggio è noto per essere la voce ufficiale di James Caan, e di aver doppiato molti altri attori, tra cui Burt Reynolds, John Mahoney, Dennis Farina, Albert Finney, Jon Voight, Seymour Cassel, Nick Nolte, Frank Langella, Brian Cox e Sean Connery (diventato la voce principale dopo la morte di Pino Locchi).

Nel 2012 gli viene conferito il premio alla carriera alla manifestazione Leggio d'oro.[1]

Nel 2014 partecipa al film documentario Protagonisti per sempre di Mimmo Verdesca in cui, per la prima volta, racconta le esperienze e le scelte che hanno caratterizzato la sua carriera e la sua vita di popolare attore bambino prima e di grande doppiatore dopo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Direttore del doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I vincitori del leggio d'oro
  2. ^ Antonio Genna

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]