Albert Finney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albert Finney

Albert Finney (Salford, 9 maggio 1936) è un attore inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi diplomato alla Royal Academy of Dramatic Arts, ha esordito in teatro dove ha ottenuto molto successo, dimostrandosi degno sostituto di Laurence Olivier nei lavori shakespeariani.

Sul grande schermo il primo film che lo ha portato alla ribalta internazionale è stato Tom Jones del (1963) che Tony Richardson trasse dal romanzo omonimo di Henry Fielding.

Altre prove della sua bravura sono state dimostrate in Due per la strada (1967), dove recita a fianco di Audrey Hepburn; Assassinio sull'Orient-Express (1974), dove interpreta Poirot insieme ad un cast internazionale di grandi attori, tra i quali Lauren Bacall, Sean Connery ed Ingrid Bergman (per il film viene nominato all'Oscar), Sotto il vulcano (1984), diretto da John Huston, Un ostaggio di riguardo (1987), di Alan J. Pakula e I ricordi di Abbey (1994), di Mike Figgis, entrambi insieme al giovane Matthew Modine, e Il servo di scena del 1983, diretto da Peter Yates.

Nei suoi lavori più recenti sono da ricordare Erin Brockovich - Forte come la verità (2000), Big Fish - Le storie di una vita incredibile, del 2003, diretto da Tim Burton, Un'ottima annata di Ridley Scott del 2006 e Onora il padre e la madre di Sidney Lumet del 2007.

Per 5 volte è stato candidato al Premio Oscar, tuttavia senza mai vincerlo.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Premio Oscar

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatore[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Da doppiatore è sostituito da:

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 74037468 LCCN: n92004039

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema