Paul Greengrass

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Greengrass

Paul Greengrass (Cheam, Surrey, 13 agosto 1955) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia a Cambridge e intraprende una carriera giornalistica che culminerà con la pubblicazione, a metà anni '80, di Spycatcher, saggio scritto a quattro mani con l'ex-agente dell'MI5 Peter Wright, in cui vengono svelati alcuni retroscena riguardo ai famosi servizi segreti britannici.

La sua carriera cinematografica inizia con una cinepresa super 8 trovata a scuola e alcuni horror fatti in casa, con vecchie bambole per protagoniste. Questa passione per il cinema lo porta a lavorare per la televisione e culmina nel 1989 con il suo primo lungometraggio, Resurrected, seguito da molti telefilm. Del 1998 è invece La teoria del volo, con Kenneth Branagh e Helena Bonham Carter.

Interessato da tempo alla questione irlandese, nel 2002 la affronta con Bloody Sunday, in cui si focalizza sulla domenica del 30 gennaio 1972 a Derry, in Irlanda del Nord; lo stesso anno il film vincerà l'Orso d'Oro a Berlino.

L'interesse di alcuni produttori statunitensi per Bloody Sunday consente a Greengrass di cimentarsi nel 2004 nella regia di The Bourne Supremacy, film che ottiene un grande successo internazionale e che da il là a una fortuna trilogia.

Dopo aver scritto la sceneggiatura per un film sull'IRA, Omagh (2004), nel 2005 dirige uno dei primi film dedicati ai fatti dell'11 settembre 2001, United 93, che racconta la ribellione dei passeggeri su uno dei voli dirottati e vale al regista la prima nomination agli Oscar. Nel 2007 esce The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello sciacallo, che vince 3 Oscar e che, ad oggi, è l'ultimo capitolo della saga di Bourne diretto da Greengrass: il regista, infatti, dopo essere entrato in trattative con la Universal, ha lasciato il progetto (in quanto la produzione ha rifiutato una sceneggiatura per il quarto film senza consultare il regista)[1][2]. La defezione di Greengrass ha comportato il rifiuto categorico dell'attore Matt Damon a prendere parte ad una nuova pellicola di Bourne senza il regista che ha portato la saga al successo. Nel 2010 esce il film Green Zone, che vedrà ancora una volta il regista britannico lavorare con Matt Damon. Nell'aprile 2010 entra in trattative per dirigere il remake di Viaggio allucinante, film girato in 3D e prodotto da James Cameron[3]. Tuttavia, Greengrass non firma alcun accordo, e così non dirige il film[4]. Nel gennaio 2011 il produttore Scott Rudin afferma di volere Greengrass come regista del nuovo film su Cleopatra[5]. Sempre nello stesso mese, il regista conferma di aver iniziato a scrivere la sceneggiatura di un film biografico su Martin Luther King, intitolato Memphis[6]. Il progetto, tuttavia viene bloccato. Greengrass, quindi, si avvicina ad un altro progetto cinematografico, Una tragedia tutta azzurra, basato sul libro di John D. MacDonald[7]. Tuttavia Leonardo DiCaprio (inizialmente scelto per interpretare il ruolo del protagonista) e Greengrass hanno abbandonato il progetto: il regista è stato così sostituito da James Mangold[8]. Nell'agosto dello stesso anno, viene confermato come regista de L'indice della paura, trasposizione dell'omonimo romanzo di Robert Harris[9]. Nel 2013 esce Captain Phillips - Attacco in mare aperto, con Tom Hanks nel ruolo del protagonista. Il film è un successo di critica: infatti, viene nominato a 6 premi Oscar. Sempre nello stesso anno, secondo varie indiscrezioni, entra in contatto con la Universal per dirigere il quinto capitolo cinematografico della saga di Bourne[10], fatto poi smentito dal regista stesso[11]. Nel novembre 2013 la Warner Bros., dopo l'abbandono di David Yates, Ben Affleck e Scott Cooper, tenta di coinvolgere Greengrass nella regia del film L'ombra dello scorpione, basato sull'omonimo romanzo di Stephen King[12]. Nel gennaio 2014, la Sony Pictures cerca di ingaggiare Greengrass per dirigere The Director, basata sull'omonimo libro di David Ignatius[13].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Greengrass: addio a Bourne? in Movieplayer.it, 1 dicembre 2009.
  2. ^ (EN) Paul Greengrass Walks Away From Bourne 4 [Updated] in Screenrant, 7 agosto 2013.
  3. ^ Paul Greengrass dirigerà Viaggio Allucinante in 3D in BadTaste.it, 2 aprile 2010.
  4. ^ Paul Greengrass fuori da Viaggio Allucinante di Cameron in ScreenWeek.it, 20 maggio 2010.
  5. ^ Scott Rudin parla di Cleopatra e cita Paul Greengrass in BadTaste.it, 5 gennaio 2011.
  6. ^ Paul Greengrass dirigerà un biopic su Martin Luther King? in Movieplayer.it, 13 gennaio 2011.
  7. ^ Una tragedia tutta azzurra per Paul Greengrass? in Movieplayer.it, 27 aprile 2011.
  8. ^ (EN) James Mangold Boarding Travis McGee Tale ‘The Deep Blue Good-By’ in Deadline, 4 marzo 2014.
  9. ^ (EN) Paul Greengrass In ‘Fear Index,’ Robert Zemeckis Out Of ‘Replay’ As He Takes ‘Flight’ With Denzel Washington in Deadline, 25 agosto 2011.
  10. ^ (EN) Universal Says No Truth to Matt Damon, Paul Greenglass Re-Teaming for New ‘Bourne’ Film in Variety, 26 agosto 2013.
  11. ^ (EN) Paul Greengrass Scotches Bourne 5 Rumours in Empire, 4 settembre 2013.
  12. ^ (EN) Warner Bros Hopes Paul Greengrass Will Take THE STAND in Badass Digest, 26 novembre 2013.
  13. ^ (EN) Sony Wins Bidding War for Spy Novel ‘The Director'; Scott Rudin to Produce (Exclusive) in TheWrap, 15 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 60256746 LCCN: n87840557