Derek Jacobi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Derek Jacobi a Londra nel 2006

Sir Derek George Jacobi (Leyton, Londra, 22 ottobre 1938) è un attore inglese.

È conosciuto in Italia soprattutto per il ruolo nella serie TV Cadfael e i film Il gladiatore e Underworld: Evolution.

Nel 1994 è stato nominato baronetto per la sua lunga carriera sul palcoscenico.

Giovinezza e inizio carriera[modifica | modifica wikitesto]

Derek Jacobi è l'unico figlio di un tabaccaio e di una segretaria. Fin dall'infanzia dimostra particolare interesse per cinema e teatro, tanto da partecipare ad una rappresentazione teatrale per la prima volta a soli 6 anni, presso un piccolo gruppo amatoriale della libreria locale. Si trattava di The Prince and the Swineherd (il Principe e il Povero).

Derek frequenta la Leyton County High School e diventa parte integrante del club teatrale, The Players of Leyton. Nel 1957 la compagnia porta al Festival di Edimburgo l'Amleto, con Jacobi nella parte principale.

A 18 anni approda al St. John's College della Cambridge University per studiare storia con una borsa di studio, anche se il suo primo interesse rimane sempre la recitazione. Qui entra nel Club Drammatico Amatoriale, dove suoi compagni sono anche Ian McKellen (che ha dichiarato di avere avuto per lui all'epoca una cotta "mai dichiarata e non ricambiata") e Trevor Nunn. Durante i tre anni di università, Jacobi recita molte parti, tra cui, nuovamente, quella di Amleto. Il dramma di William Shakespeare viene portato in tour in Svizzera, dove il giovane protagonista incontra Richard Burton.

Laureatosi a Cambridge in storia, nel 1960 viene subito accettato al Birmingham Repertory Theatre grazie alla sua interpretazione di Edoardo II. Dopo diverse stagioni trascorse a Birmingham, Laurence Olivier lo nota nell'Enrico VIII, e decide di presentarlo al Festival di Chichester.

Nel 1963 Olivier lo invita poi ad unirsi all'appena nata National Theatre Company, tra i membri fondatori. È il più giovane e l'unico sconosciuto.

Jacobi rimane al National 8 anni, recitando ruoli quali: Laerte nellAmleto con Peter O'Toole e Michael Redgrave, Cassio nellOtello con Maggie Smith (portato sul grande schermo nel 1965), Andrej nelle Tre sorelle di Anton Čechov (di cui fu fatta una versione cinematografica nel 1970) con Joan Plowright, Simon Bliss in Hay Fever (diretto da Noel Coward).

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1971 Derek lascia il National per tornare a Birmingham ed inizia una lunga collaborazione con la Prospect Theatre Company, apparendo fra l'altro nell'Elettra di Sofocle, nell'Ivanov di Anton Chekhov, nel Pericle Principe di Tiro e ne La dodicesima notte di William Shakespeare.

Contemporaneamente lavora in TV e al cinema. Nel 1972 è protagonista nella serie Man of straw della BBC.

Tra il 1973 e il 1975 appare nei film Il giorno dello sciacallo e Dossier Odessa e negli sceneggiati televisivi The Strauss Family e The Pallisers.

Sebbene la sua carriera teatrale sia ormai definitivamente decollata, la grande notorietà gli arriva solo nel 1976 con la fortunata serie della BBC Io Claudio imperatore (I, Claudius) (tratta dall'omonimo romanzo di Robert Graves), che lo rende finalmente conosciuto internazionalmente.

Grazie alla sua interpretazione del timido e balbuziente imperatore romano, e la fama che ne deriva, nel 1977 Jacobi porta il suo Amleto in tour attraverso Inghilterra, Egitto, Svezia, Finlandia, Australia, Giappone e Cina, dove è il primo attore a recitare questa tragedia in lingua inglese.

Nel 1978 la BBC lo sceglie come protagonista nella trasposizione televisiva del Riccardo II di William Shakespeare, dove Jacobi è affiancato da grandi attori come Sir John Gielgud e Dame Wendy Hiller.

Teatro, TV e cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il 1980 lo vede nuovamente primo attore per la BBC nell'Amleto. Questa realizzazione viene tuttora impiegata da molte scuole inglesi e statunitensi per far conoscere l'opera ai ragazzi.

Sempre nel 1980 Jacobi debutta a Broadway con The Suicide di Nikolai Erdman, poi, nel periodo tra il 1982 e il 1985 si unisce alla Royal Shakespeare Company dove interpreta contemporaneamente quattro ruoli molto impegnativi: Benedick in Molto rumore per nulla, Prospero ne La tempesta (entrambe opere shakespeariane), le parti principali nel Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand e nel Peer Gynt di Henrik Ibsen.

Il suo Benedick per la RSC gli vale il Tony Award nel 1985.

Nel 1986 fa il suo debutto commerciale nel West End con Breaking the Code, in cui è Alan Turing, il matematico che decifrò il codice tedesco Enigma durante la Seconda guerra mondiale. La pièce ha grande successo e per questo viene portata in tour a Broadway.

Importanti ruoli TV gli vengono offerti nel 1982 con l'Hitler di Inside the Third Reich e il Dom Frollo in Il gobbo di Notre Dame con Anthony Hopkins. Nel 1988 è protagonista di Little Dorrit, film tratto dal romanzo di Charles Dickens La piccola Dorrit.

Kenneth Branagh lo vuole, nel 1988, come regista nella produzione dell'Amleto della sua Renaissance Theatre Company; contemporaneamente mette in scena al Phoenix Theatre il Riccardo II e interpreta il "cattivo" nel film TV Il decimo uomo con Anthony Hopkins e Kristin Scott Thomas, per il quale ottiene, nel 1990, un Emmy Award.

Nel 1989 alterna nel West End le parti di Riccardo II e Riccardo III impersonando nel frattempo un brechtiano Coro nell'Enrico V, primo lungometraggio di Kenneth Branagh.

Negli anni novanta continua il suo impegno nel teatro classico con Kean (1991), Beckett (1992) e Macbeth nuovamente con la Royal Shakespeare Company (1994) a Londra e Stratford Upon Avon.

Al cinema invece lo troviamo con The fool (1990) e il giallo L'altro delitto (1991) con Kenneth Branagh ed Emma Thompson, nella parte del mellifluo antiquario-ipnotista Franklyn Madson.

Nel 1992, alla San Francisco Opera House, è Narratore nel Christophe Colomb, opera in due atti di Darius Milhaud. Diventa direttore artistico del Chichester Festival Theatre per tre stagioni (1995-1997), dando vita nel frattempo come attore a diversi personaggi, fra cui lo Zio Vanja di Anton Chekhov e Adrian Vll.

Nel 1996 l'amico Kenneth Branagh gli chiede nuovamente di affiancarlo, come Claudio, nella sua grandiosa versione cinematografica di Amleto, accanto ad attori di fama internazionale come Kate Winslet, Charlton Heston, Robin Williams e Julie Christie. Sempre nello stesso anno la PBS mette in onda la versione TV di Breaking the Code.

Nel 1998 Jacobi è il protagonista di Love is the Devil, un intenso e disturbante ritratto del pittore inglese Francis Bacon.

La vicenda inizia nel 1971 con il suicidio del compagno di Bacon, George Dyer (interpretato da Daniel Craig), mentre il pittore inaugura la sua retrospettiva al Grand Palais di Parigi. Il film, scritto e diretto da John Maybury, e presentato al Festival di Cannes, esplora le contraddizioni personali ed artistiche di Bacon e la sua crudele e distruttiva relazione col Dyer, tentando di ricreare anche visivamente l'opera del pittore. L'interpretazione gli vale premi e consensi dalla critica.

Cadfael[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994 al 1997 è protagonista della fortunata serie televisiva trasmessa da Carlton tv Cadfael (intitolata in Italia Cadfael - I misteri dell'abbazia), ispirata ai romanzi di Ellis Peters e girata in Ungheria.

Fratello Cadfael è un monaco benedettino del XII secolo e le sue avventure sono ambientate nella splendida Abbazia di Shrewsbury (Birmingham).

Dopo una movimentata vita da crociato e marinaio, Cadfael diventa una sorta di monaco-detective che risolve misteri e delitti, dedicandosi nel frattempo all'attività di erborista del convento.

Ultimi lavori[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

A teatro riprende nel 2000 lo Zio Vanja e porta in tour l'anno successivo God Only Knows dopo il debutto nel West End.

Nel 2002 affianca Dame Diana Rigg, Sir Donald Singen e Ian Richardson nel tour mondiale di The Hollow Crown.

Mentre si trova in Australia in tour viene contattato dalla nuova promessa del teatro Britannico Michael Grandage che gli propone di recitare la parte di Prospero sul palco di Sheffield. Jacobi accetta e nel 2003 La tempesta debutta, prima a Sheffield e poi a Londra.

L'anno seguente Grandage lo vuole nel suo Don Carlos, dramma di Friedrich Schiller, dove Sir Derek interpreta il freddo sovrano Filippo II di Spagna. Lo spettacolo è il successo londinese della stagione 2004/2005.

Nel 2006 è co-protagonista del dramma autobiografico di John Mortimer A voyage round my father, messo in scena al Donmar Warehouse nell'Est end di Londra, e poi trasferito al Wyndham's Theatre nel West end per il buon successo di critica e pubblico.

Alla fine del 2008 la Donmar Warehouse porta in scena Twelfth Night (La dodicesima notte), commedia Shakespeariana degli equivoci, e ad ospitare lo spettacolo è, ancora una volta, il Wyndham's Theatre.
Jacobi è Malvolio, l'altezzoso maggiordomo, ruolo solitamente interpretato, nella tradizione teatrale britannica, dal capocomico.
La pièce viene accolta benissimo da critica e pubblico e Sir Derek riceve una nomination per i Laurence Olivier Awards come migliore attore.
Nel marzo 2009 l'attrice Siân Phillips consegna, a un commosso Jacobi, il premio.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

In TV invece Jacobi interpreta nel 2000 Mystery House, affiancando Naomi Watts.

Vince un Emmy nel 2001 per la sua interpretazione in Frasier.

Ha il ruolo principale nelle miniserie della BBC The Jury (2002) e The Long Firm (2004). Appare anche in un cameo nella serie Miss Marple (2004) tratta dai romanzi di Agatha Christie.

Nel 2006 interpreta il dittatore cileno Augusto Pinochet nel film tv della BBC Pinochet in Suburbia, un docu-dramma che racconta la permanenza del generale in Inghilterra, nel 1998, per motivi di salute, e ciò che ne conseguì dal punto di vista politico e diplomatico per il governo labourista.

Nel giugno 2007 è comparso come guest star nella puntata Utopia della terza serie di Doctor Who trasmessa dalla BBC, dove ha interpretato Il Maestro, nemesi del protagonista del programma, mentre il 26 dicembre, per il tradizionale Boxing Day Britannico, ITV1 ha trasmesso la trasposizione televisiva del romanzo di Charles Dickens: The Old Curiosity Shop, con Jacobi nella parte di co-protagonista insieme alla giovane Sophie Vavasseur.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la sua carriera cinematografica non abbia ancora raggiunto i livelli di quella teatrale, l'attore è riuscito a ritagliarsi in questi ultimi anni ruoli da caratterista di prestigio: ne Il gladiatore di Ridley Scott, The Body con Antonio Banderas, Una notte per decidere con Kristin Scott Thomas e Sean Penn e nel giallo di Robert Altman: Gosford Park.

Le sue ultime apparizioni cinematografiche sono quella del patriarca Alexander Corvinus nel blockbuster Underworld: Evolution e il buffo Mr. Wheen in Nanny McPhee - Tata Matilda scritto e interpretato da Emma Thompson.

Nel 2006 ha preso parte al progetto del giovane regista spagnolo Miguel Alcantud, un lungometraggio girato in Puglia, dal titolo Anastezsi.

Nel 2007 il film Arritmia o Guantanamero lo vede coinvolto in un'idea mirata a sensibilizzare le coscienze sulle violenze perpetrate nella base di Guantanamo, mentre nel thriller The Riddle, che vede tra il cast anche Vanessa Redgrave, Jacobi interpreta il doppio ruolo di barbone e Charles Dickens.

A dicembre 2007 viene distribuito nelle sale italiane il fantasy La bussola d'oro (film), tratto dai romanzi di Philip Pullman, con Daniel Craig e Nicole Kidman, che vede un cameo dell'attore nel ruolo di Emissario del Magistero.

Famoso per la sua voce dalla straordinaria versatilità, Jacobi ha letto inoltre decine e decine di romanzi e opere letterarie, incidendole su audiocassette e cd. Non a caso Clint Eastwood lo ha voluto in uno dei suoi ultimi film (Hereafter) in un ruolo cameo nei panni del lettore delle opere di Dickens che il protagonista (Matt Damon) ama ascoltare.

A marzo del 2007 la BBC ha iniziato un nuovo programma per bambini, In the Night Garden, e l'attore ne è il narratore.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Jacobi è stato nominato Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 1985, e Baronetto (Sir) nel 1994. In Danimarca è stato perfino insignito del grado di Commendatore dell'Ordine di Dannebrog dalla regina danese che pare sia una sua grande ammiratrice.

Sempre molto riservato sulla propria vita privata, timido e umile, Sir Derek ha rivelato nel 2003 di avere "qualcuno di significativo" accanto da più di vent'anni.

Nel 2005 ha confermato le voci che affermavano la sua omosessualità, a marzo del 2006 lui e il suo compagno-convivente, l'attore Richard Clifford, dopo 27 anni insieme, hanno celebrato la loro unione a Londra con il Civil Partnership (Unione civile).

Onorificenze e premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980: Order of the Dannebrog - Danish Knighthood
  • 1985: CBE - Commander of the Most Excellent Order of the British Empire
  • 1994: KBE - Knight Commander of the Most Excellent Order of the British Empire: per servizi resi all'Arte Drammaturgica (New Year's Honours)[1]
  • 2008: Helen Hayes Tribute for Lifetime Achievement al XXIV Helen Hayes Awards
Teatro
Televisione
Film
Gruppo

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Derek Jacobi è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ No.53527, p.2 in London Gazette, 30 dicembre 1993. URL consultato il 26 marzo 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 117335162 LCCN: no89015792