Stacy Keach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stacy Keach nel 2007

Walter Stacy Keach Jr. conosciuto come Stacy Keach (Savannah, 2 giugno 1941) è un attore e doppiatore statunitense. noto per l'interpretazione di ruoli drammatici ma anche per essere la voce narrante di programmi divulgativi e documentaristici trasmessi da Discovery Channel e National Geographic Channel.

L'istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Si diplomò nel 1959 nella Van Nuys High School e continuò gli studi nell'Università della California (Berkeley) dove nel 1963 ottenne due lauree, una in Inglese e l'altra in Arte drammatica. Ottenne inoltre il suo M.F.A. dalla Yale School of Drama e fu un Fulbright Scholar alla London Academy of Music and Dramatic Art.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo grande successo arriva nel 1966 all'èta di 25 anni con un'interpretazione a Broadway nell' opera MacBird!. Ebbe anche altre esperienze teatrali sempre a Broadway: nel 1967 venne inserito nel cast di "The Niggerlovers" di George Tabori dove reciterà accanto a Morgan Freeman, e nel 1969 avrà la parte di Buffalo Bill in Indiani di Arthur Kopit. Dopo pochi anni dall'inizio della sua carriera, venne accreditato come "Stacy Keach Jr." distinguendosi in questo modo da suo padre Stacy Keach Sr. Nel 2006 ha interpretato il ruolo del protagonista nella tragedia Re Lear di William Shakespeare al Goodman Theatre di Chicago.

Durante la sua carriera ha ottenuto per tre volte il ruolo di protagonista in tre versioni diverse dell'Amleto.

Nel 2008 e 2009 recita nel ruolo di Richard Nixon nella versione americana del dramma teatrale Frost/Nixon.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima interpretazione degna di nota si ha nel 1972 nel film I nuovi centurioni di Richard Fleischer nel quale recitò accanto a George C. Scott. Nello stesso anno ottenne il ruolo del protagonista in Città amara - Fat City un film sul pugilato di John Huston. Nel 1973 la prima scelta per il ruolo di padre Damien Karras nel film L'esorcista ricadde su di lui, ma decise di non accettare il ruolo. Successivamente gli fu affidato un ruolo importante nel film Salvate il Gray Lady del 1978 dove interpretò il Capitano Bennett. Sempre nello stesso anno ebbe il ruolo di un esploratore e scienziato nel film La montagna del dio cannibale di Sergio Martino in cui recitò accanto a Ursula Andress e Claudio Cassinelli.

Una delle migliori interpretazioni di Keach è quella di Frank James (fratello maggiore di Jesse) nel film I cavalieri dalle lunghe ombre (1980). Keach eccelse in questo ruolo, ritraendo un personaggio che mostra maturità e prospettiva. Nello stesso anno partecipa al film La nona configurazione diretto da William Peter Blatty nel ruolo di "Killer Kane", un colonnello dell'esercito americano impazzito in Vietnam, che, nel tentativo inconscio di cancellare la sua personalità sanguinaria, si identifica nel fratello psichiatra, affezionandosi al paziente Billy Cutshaw interpretato da Scott Wilson. Una delle scene più famose del film è quella del bar, in cui Kane, sopraggiunto in soccorso di Cutshaw, scatena tutta la sua follia omicida massacrando un'intera banda di motociclisti. Altri importanti interpretazioni le ritroviamo nei film I piacevoli sogni Di Cheech Chong (1981), Fuga da Los Angeles (1996) e American History X (1998).

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei suoi ruoli in televisione fu il personaggio di Jonas Steele nel 1982 nella miniserie della CBS Il grigio e il blu. Sempre per la CBS interpretò Mike Hammer nelle serie televisive Mike Hammer e The New Mike Hammer dal 1984 al 1987. Tornerà ad interpretare Hammer in Mike Hammer, Private Eye una nuova serie prodotta nel biennio 1997/98.

Per la televisione italiana Keach interpreterà nel 1977 il ruolo di Barabba in Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli, e nel 1984 quello dell'artista Mistral ne La figlia di Mistral.

Una delle sue interpretazioni più famose ed importanti si ha nella serie televisiva Prison Break dove interpreta Henry Pope, il dirigente carcerario del Penitenziario di Fox River. Questo personaggio appare solamente nelle prime due serie, ma rappresenta una figura molto importante e carismatica.

Narratore[modifica | modifica wikitesto]

Stacy Keach è probabilmente conosciuto dai telespettatori più giovani come il narratore degli episodi di Nova, una trasmissione della National Geographic, e di altri documentari. A partire dal 1999 è anche narratore del programma World's Most Amazing Videos. Lo si può sentire spesso anche in radio.

Per la serie della PBS American Experience, ha narrato The Kennedys e altri programmi.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Keach è nato con la labiopalatoschisi, volgarmente nota come labbro leporino, e a causa di questo dovette subire numerose operazioni fin da bambino. Attualmente è il presidente onorario della Cleft Palate Foundation (Fondazione Palatoschisi) e si batte per la copertura assicurativa di tali operazioni.

Nel 1984 fu arrestato a Londra per possesso di cocaina. A causa di questo dovette scontare una condanna di 9 mesi nel carcere Reading Prison. Il dirigente di questo carcere (con cui Keach ebbe a che fare) sarà preso come ispirazione per il personaggio di Henry Pope di Prison Break.[1]

Si è sposato quattro volte: con Kathryn Baker nel 1964, con Marilyn Aiken nel 1975, con Jill Donahue nel 1981 e con Malgosia Tomassi intorno al 1986. Dal terzo matrimonio ebbe due figli. Ebbe anche una relazione con la cantante Judy Collins nei primi anni settanta.

Nel marzo del 2009 ha avuto un lieve ictus, ma si riprenderà pienamente in pochi mesi.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stacy Keach Battles Flu, Prison Fugitives TV Guide. May 8, 2006. Retrieved May 13, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85079428 LCCN: nr88002918