Guy Green

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore fotografia 1948

Guy Green (Frome, 5 novembre 1913Beverly Hills, 15 settembre 2005) è stato un regista, sceneggiatore e direttore della fotografia inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Guy Mervin Charles Green nasce il 5 novembre che in Gran Bretagna è il giorno di Guy Fawkes ed un è appassionato di cinema fin da bambino, divora tutti i film (muti) che riesce a vedere complice anche la madre che li amava allo stesso modo. Inizia la sua carriera lavorando alla fotografia nel 1941; nello stesso anno conosce David Lean e quello dopo sarà con lui come operatore alla fotografia per Eroi del mare - il cacciatorpediniere Torrin. Nel 1946 si riunisce a Lean per Grandi Speranze vincendo un oscar, soltanto cinque anni dopo aver iniziato il suo lavoro nel mondo dello spettacolo. Continuerà a lavorare alla fotografia, con Lean girerà ancora Le avventure di Oliver Twist (sul cui set incontra la moglie Josephine), Sogno d'amanti e L'amore segreto di Madeleine, e sarà proprio lui a dargli l'ispirazione per diventare regista. Gira due piccole opere e mentre gira il secondo di questi conosce Richard Attenborough e Michael Craig e insieme concepiscono l'idea per il film La tortura del silenzio, per la regia di Green, primo film inglese al festival di Berlino fu premiato con il premio della critica. Nel 1961 gira Il Marchio, duro film sulla stigmatizzazione sociale che valse la candidatura all'oscar a Stuart Whitman. Il suo primo film americano è Luci nella piazza, acclamato proprio come il successivo Incontro al Central Park (di cui è anche sceneggiatore). Nel 1968 gira Gioco perverso, da un romanzo di John Fowles (che lo adatta per il cinema), un film fortemente voluto dal regista e anche fortemente osteggiato dalla critica per la sua pesantezza e cripticità. Il suo ultimo film davvero degno di nota per il grande schermo è Lutero, del 1974. Seguono un lavoro minore e diversi film per la tv. Guy Green muore nel 2005.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64205129 LCCN: n92014396