Stuart Whitman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stuart Whitman nel film Il giorno più lungo (1962)

Stuart Whitman, all'anagrafe Stuart Maxwell Whitman (San Francisco, 1º febbraio 1928), è un attore cinematografico e televisivo statunitense.

Stuart Whitman è ricordato per aver interpretato il maresciallo Jim Crown nella serie televisiva western Cimarron Strip (1967). Sul grande schermo ha interpretato, fra gli altri, il western I comanceros (1961), accanto a John Wayne, e lo stravagante film epico d'aviazione Quei temerari sulle macchine volanti (1965), di cui fu il romantico protagonista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Whitman nacque a San Francisco, California, il maggiore dei due figli di Cecilia e Joseph Whitman. I genitori viaggiarono frequentemente durante l'infanzia di Stuart, che, di conseguenza, frequentò venti differenti scuole. Dopo la laurea, trascorse tre anni di servizio militare presso il United States Army Corps of Engineers, dove si distinse come uno dei migliori pugili della categoria mediomassimi nell'esercito[1]. Successivamente si iscrisse al Los Angeles City College, dove studiò legge e arte drammatica[1], e alla Los Angeles Academy of Dramatic Art.

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Whitman esordì come attore di secondo piano nei film di fantascienza Quando i mondi si scontrano (1951) e Ultimatum alla Terra (1951). La sua carriera cinematografica proseguì con ruoli secondari e spesso non accreditati, in film come The All American (1953), La campana ha suonato (1954), Brigadoon (1954), e con alcune apparizioni televisive durante gli anni cinquanta, come quella del personaggio che si batte per ottenere un premio nella commedia Dr. Christian, che gli consentì di ottenere un ruolo cinematografico da protagonista nel film Johnny Trouble (1957)[1].

Dopo aver firmato un contratto di sette anni con la 20th Century Fox, Whitman apparve in Un pugno di polvere (1958), nel dramma d'avventura Infamia sul mare (1958), in cui fu protagonista del primo bacio interrazziale di Hollywood, scambiato con la partner Dorothy Dandridge, in Il re della prateria (1959) e L'urlo e la furia (1959). Quando Charlton Heston, originariamente scritturato per interpretare il protagonista del film bellico Commandos (1958), lasciò la produzione, James Garner rilevò il ruolo di protagonista e Whitman prese il posto di Garner nel ruolo a cui questi era stato inizialmente destinato.

I suoi primi ruoli da protagonista maschile assoluto furono nel dramma religioso La storia di Ruth (1960), e in Sindacato assassini (1960), in cui Whitman recitò al fianco di May Britt e Peter Falk.

Nel 1962 Whitman fu candidato all'Oscar al miglior attore protagonista per il ruolo di un molestatore di bambini ne Il marchio (1961), una pellicola di produzione inglese a cui molti altri attori famosi avevano rifiutato di partecipare. In seguito apparve da protagonista e in ruoli di supporto in molti film, fra cui Francesco d'Assisi (1961), La carovana dei coraggiosi (1961), I comanceros (1961) e Il giorno più lungo (1962), in cui condivise lo status da attore protagonista insieme a John Wayne), Tre passi dalla sedia elettrica (1962), Il giorno e l'ora (1963), La strada del crimine (1964), Elettroshock (1964), Rio Conchos (1964), Quei temerari sulle macchine volanti (1965), Le sabbie del Kalahari (1965), Vivi e lascia morire (1966), Gli sciacalli del comandante Strasser (1970), Sei dannati in cerca di gloria (1970), La città degli acquanauti (1971), girato per la televisione, Capitan Apache (1971), Un killer di nome Shatter (1974), Una Magnum Special per Tony Saitta (1976), Sfida a White Buffalo (1977), The Treasure Seekers (1979), e Il massacro della Guyana (1980), in cui interpretò il ruolo del reverendo Jim Jones, che guidò i suoi seguaci a un suicidio collettivo[1].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 549

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]