Michael Curtiz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior cortometraggio a 2 bobine 1939
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior regista 1944

Michael Curtiz, al secolo Manó Kertész Kaminer e soprannominato Miska (Budapest, 24 dicembre 1886[1]Hollywood, 10 aprile 1962), è stato un regista ungherese.

Ungherese di nascita, emigrò negli Stati Uniti nel 1926 diventando uno dei più grandi registi di Hollywood, conosciuto principalmente per La leggenda di Robin Hood, Casablanca e Bianco Natale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il suo vero nome, Manó Kertész Kaminer, rivela le sue origini ebraiche. Visse a Budapest sino all'età di diciassette anni quando lasciò la casa di famiglia per unirsi al circo, iscrivendosi successivamente alla Royal Academy for Theater and Art di Budapest. Nel 1912 iniziò la sua carriera di attore e regista in Ungheria, dirigendo ben 43 film quasi tutti con il nome Kertész Mihály.

Arruolatosi nell'esercito ungherese durante la prima guerra mondiale, dove venne ferito sul fronte orientale, continuò la sua attività di regista in Austria prima ed in Germania poi, lavorando ad altre 21 pellicole; il suo lavoro più noto di questo periodo fu il film muto Sodom und Gomorrha del 1922, prodotto dall'austriaca Sascha Film del conte Sascha Kolowrat-Krakowsky.

A Hollywood[modifica | modifica sorgente]

Nel 1926 emigrò negli Stati Uniti, mutando così il suo nome. Ebbe una carriera prolifica che lo portò a lavorare su oltre un centinaio di film di ogni genere. Durante gli anni trenta, alla Warner Bros. arrivò a occuparsi anche di 4 film in un anno, da solo o in collaborazione con altri cineasti. Capitan Blood del 1935 segnò l'inizio del fortunato ciclo di film d'avventura con Errol Flynn, cui seguirono L'ombra che cammina (1936), La leggenda di Robin Hood (1938) e I pascoli dell'odio (1940).

Casablanca[modifica | modifica sorgente]

Gli anni quaranta lo videro dirigere film come Lo sparviero del mare (1941), Casablanca (1942) e Il romanzo di Mildred (1945), oltre a lavori di propaganda di guerra commissionatigli dal presidente Roosevelt.

Il declino[modifica | modifica sorgente]

Nel 1954 il regista uscì dalla Warner Bros. ed ebbe inizio il suo declino artistico; infatti, anche se realizzati con la partecipazione di grandi stelle come Gary Cooper, Sophia Loren o John Wayne, i suoi ultimi film non ebbero il successo sperato, a parte forse La felicità non si compra del 1956, L'orgoglioso ribelle del 1958 e I comanceros del 1962.

Ricevette, durante la sua carriera, per quattro volte la nomination all'Oscar al miglior regista, vincendo la prestigiosa statuetta nel 1944 con Casablanca.

Fu sposato tre volte: con l'attrice Lucy Doraine dal 1918 al 1923, con l'attrice Lili Damita dal 1925 al 1926 e con la sceneggiatrice e attrice Bess Meredyth dal 1929 al 1962.

Morì il 10 aprile 1962 a Hollywood; il suo corpo riposa nel Forest Lawn Memorial Park di Glendale (California).

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

Sebbene non avesse mai raggiunto la statura artistica dei grandi registi, Michael Curtiz confezionò i suoi film con cura e abilità tecnica innegabili, e senza dubbio i suoi lavori sono riconosciuti tra i migliori film prodotti dalla Warner Bros. negli anni trenta e quaranta.

Spaziò fra molteplici generi e, pur mancando di uno stile del tutto riconoscibile, sviluppò, specie nel periodo degli anni quaranta un particolarissimo stile visivo fatto di movimenti fluidi della macchina da presa.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Produttore (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La data di nascita di Curtiz è indicata come 1886 sul sito del IMDB, e come 1889/1901 sugli Obituaries 1962 della Britannica

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2585459 LCCN: n82005652