La felicità non si compra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La felicità non si compra
Titolo originale The Best Things in Life Are Free
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1956
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere biografico, musical
Regia Michael Curtiz
Soggetto John O'Hara
Sceneggiatura William Bowers, Phoebe Ephron, Frank Tashlin
Produttore Henry Ephron
Casa di produzione Twentieth Century Fox Film Corporation
Fotografia Leon Shamroy
Montaggio Dorothy Spencer
Musiche Leigh Harline
Scenografia Maurice Ransford, Lyle R. Wheeler
Costumi Charles Le Maire
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La felicità non si compra (The Best Things in Life Are Free) è un film statunitense del 1956 diretto da Michael Curtiz.

È un film biografico a sfondo musicale basato sulla vita e le carriere dei compositori Buddy DeSylva (interpretato da Gordon MacRae), Lew Brown (Ernest Borgnine) e Ray Henderson (Dan Dailey).[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, diretto da Michael Curtiz su una sceneggiatura di William Bowers, Phoebe Ephron e Frank Tashlin con il soggetto di John O'Hara,[2] fu prodotto da Henry Ephron per la Twentieth Century Fox Film Corporation[3] e girato nei 20th Century Fox Studios a Century City in California.[4]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito negli Stati Uniti dal 28 settembre 1956[5] al cinema dalla Twentieth Century Fox.[3]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[5]

  • in Svezia il 19 novembre 1956 (Allt beror på dej)
  • in Germania Ovest il 21 dicembre 1956 (Fanfaren der Freude)
  • in Finlandia il 7 giugno 1957 (Kaikki riippuu sinusta)
  • in Portogallo il 19 agosto 1957
  • in Turchia nel febbraio del 1959 (Sen bekârlar)
  • in Francia il 25 febbraio 1959 (Les rois du jazz)
  • in Danimarca il 13 luglio 1959 (Det musikalske trekløver)
  • in Austria (Fanfaren der Freude)
  • in Belgio (Les rois du jazz)
  • in Uruguay (El encanto de vivir)
  • in Grecia (Ta kalytera pragmata sti zoi einai tzaba)
  • in Italia (La felicità non si compra)

Promozione[modifica | modifica sorgente]

La tagline è: "John O'Hara's flaming portrait of the jazz age... and the guys and gals who made it Zing!".[6]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il Morandini "l'ambiente del cinema e la composizione di Sonny Boy per Il cantante di jazz, primo film sonoro, sono gli ingredienti di questa convenzionale ma amabile commedia in costume. Buone le canzoni, cattive le coreografie".[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda su La felicità non si compra di AllRovi
  2. ^ La felicità non si compra - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 22 settembre 2012.
  3. ^ a b La felicità non si compra - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione. URL consultato il 22 settembre 2012.
  4. ^ La felicità non si compra - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 22 settembre 2012.
  5. ^ a b La felicità non si compra - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 22 settembre 2012.
  6. ^ (EN) La felicità non si compra - IMDb - Tagline. URL consultato il 22 settembre 2012.
  7. ^ Scheda di La felicità non si compra su MYmovies

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema