Germania Ovest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Ovest
Germania Ovest – Bandiera Germania Ovest - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto: Einigkeit und Recht und Freiheit
(Unità e giustizia e libertà)
Germania Ovest - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica Federale di Germania
Nome ufficiale Bundesrepublik Deutschland
Lingue parlate Tedesco
Inno Das Lied der Deutschen
Capitale Wappen-stadt-bonn.svg Bonn
Politica
Forma di governo Repubblica parlamentare federale
Presidente Elenco
Organi deliberativi Elenco
Nascita 1949 con Theodor Heuss
Causa Inizio della Guerra Fredda
Fine 1990[1] con Richard von Weizsäcker
Causa Riunificazione tedesca
Territorio e popolazione
Bacino geografico Germania occidentale
Territorio originale Germania
Massima estensione 248.577 km² nel 1990
Popolazione 63.254.000 nel 1990
Economia
Valuta Marco tedesco
Religione e società
Religioni preminenti Protestantesimo, Cattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of Germany (1946-1949).svg Zone di occupazione della Germania
Succeduto da Germania Germania
Questa voce è parte della serie
Storia della Germania
Coat of arms of Germany.svg

Preistoria ed età antica

Medioevo

Età moderna

Età contemporanea

Il dopoguerra



Germania Ovest era il termine colloquiale usato tra il 1949 e il 1990 per indicare la Repubblica Federale Tedesca, o RFT (in tedesco: Bundesrepublik Deutschland o BRD), per distinguerla dalla Germania Est, propriamente Repubblica Democratica Tedesca o RDT (Deutsche Demokratische Republik, abbreviato in DDR).

Situazione territoriale[modifica | modifica sorgente]

La RFT venne proclamata il 23 maggio 1949 e dichiarata pienamente sovrana il 5 maggio 1955, con Bonn come sua capitale provvisoria. Comprendeva le zone di occupazione britannica, statunitense e francese stabilite alla fine della seconda guerra mondiale. Le truppe straniere rimasero sul suo territorio, nel quadro della contrapposizione globale tra blocchi, nell'ambito della Guerra Fredda.

La Repubblica Federale Tedesca aderì alla NATO il 9 maggio 1955. La nazione divenne quindi un punto focale della Guerra Fredda, grazie alla sua contrapposizione alla Repubblica Democratica Tedesca, che apparteneva al Patto di Varsavia. La vecchia capitale tedesca, Berlino, completamente circondata dal territorio della DDR, costituiva una ulteriore entità autonoma ed era anch'essa divisa tra le potenze occupanti (i cui quartieri sovietici erano stati unilateralmente annessi alla DDR e i quartieri occidentali costituivano una sorta di Città-Stato autonoma nella quale si applicavano le leggi promulgate dal Parlamento di Bonn).

Dopo la caduta del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, la riunificazione dei due stati tedeschi ebbe velocemente una concreta attuazione. La Repubblica Federale Tedesca ha formalmente annesso i Länder della Germania Est, appositamente ricostituiti per uniformarsi, a livello amministrativo, al sistema federale dell'Ovest. La riunificazione tedesca avvenne il 3 ottobre 1990, e le quattro potenze occupanti si ritirarono ufficialmente il 15 marzo 1991[senza fonte].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nel 1990 i territori della DDR confluirono nella Repubblica Federale di Germania, che continua ad esistere. Ciò che ebbe termine fu l'uso del soprannome "Germania Ovest" per indicare la Repubblica Federale di Germania

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Potenze occupanti[modifica | modifica sorgente]