Destini incrociati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Destini incrociati
Titolo originale Random Hearts
Paese di produzione USA
Anno 1999
Durata 133 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere drammatico, thriller
Regia Sydney Pollack
Soggetto Warren Adler
Sceneggiatura Darryl Ponicsan
Fotografia Philippe Rousselot
Montaggio William Steinkamp
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Destini incrociati (Random Hearts) è un film del 1999, diretto da Sydney Pollack e interpretato da Harrison Ford e Kristin Scott Thomas.

Il film è tratto dal romanzo Random Hearts di Warren Adler.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il sergente William Dutch Van Den Broek, investigatore nella sezione Affari Interni della polizia di Washington (coloro cioè che si occupano di investigare sui comportamenti scorretti dei propri colleghi) è impegnato, insieme al collega Alcee, nel cercare di incastrare un poliziotto corrotto, il detective George Beaufort, che impone il “pizzo” ai commercianti del quartiere.

Dutch è felicemente sposato con una bella stilista di un grande gruppo di negozi di abbigliamento. Il giorno in cui i due programmano di andare la sera a cena in un ristorante rinomato, lei gli lascia un messaggio in segreteria telefonica con il quale lo avvisa di essere dovuta partire improvvisamente per Miami, ove l'organizzazione di una sfilata di moda della ditta per cui lavora sta facendo acqua, e lei è incaricata di andare a mettere a posto le cose.

Parallelamente la candidata al Congresso per lo stato del New Hampshire, Kay Chandler, moglie di un affermato avvocato e madre di una studentessa quindicenne, è impegnata nella preparazione della sua campagna elettorale. Il marito parte, dice, per New York, ove si tratterrà per qualche giorno per lavoro.

In realtà il marito di Kay e la moglie di Dutch sono da tempo amanti ed entrambi partono per Miami sullo stesso aereo per trascorrere clandestinamente insieme un paio di giorni al sole della Florida, ma il velivolo cade in mare poco dopo il decollo e nessuno si salva. All'incidente dà naturalmente ampio risalto la televisione.

Sentita in segreteria la telefonata della moglie, Dutch si insospettisce e, da buon poliziotto, si mette ad indagare incominciando ad interrogare le colleghe della medesima, dalle quali apprende che a Miami la ditta della moglie non aveva alcuna sfilata in programma in quei giorni. Così non ci vuole molto a Dutch per scoprire che la moglie non solo è una delle vittime del disastro aereo, ma che aveva da tempo un amante, con il quale era diretta a Miami, e la cui identità Dutch non tarda a scoprire. Ossessionato dal tradimento della consorte, della quale era fortemente innamorato, si intestardisce quasi morbosamente nel cercare di ricostruire il passato della donna e nella sua frenetica ricerca si reca a casa della vedova dell'amante della moglie defunta, Kay Chandler, alla quale porta la notizia che il marito le metteva le corna con la di lui consorte. Kay si rifiuta di collaborare alla ricerca di Dutch, sia per proteggere la serenità della figlia, che adorava il padre, sia per evitare scandali che comprometterebbero la sua campagna elettorale.

Ma la figlia scopre da sola, grazie ad un braccialetto d'oro in pacco-regalo trovato tra i bagagli restituiti del padre, che questi non era il marito esemplare che lei credeva. Kay, appreso che la figlia ormai sa, si lascia trascinare nella ricerca dell'instancabile ed ossessionato Dutch, fino ad accompagnarlo a Miami e tra i due nasce un idillio tempestoso che li porta anche a letto nel cottage del poliziotto. Nel frattempo questi riesce a farsi sospendere dal servizio per aver malmenato il corrotto (non ancora ufficialmente scoperto) collega Beaufort, presunto assassino (o mandante dell'assassinio) di un piccolo commerciante taglieggiato che Dutch aveva convinto a testimoniare contro di lui. Beaufort, fuori di sé per la persecuzione (ancorché giustificata) del collega, lo pedina cercando di ammazzarlo a pistolettate proprio mentre esce dall'appartamento che era stato la garçonniere del fedifrago marito di Kay, ove questa, ad insaputa di Dutch, era andata a cercare di recuperare gli oggetti lasciati dal defunto consorte. Ferito in strada e soccorso dalla stessa Kay, con la quale aveva appena litigato, Dutch finisce all'ospedale, mentre il Beaufort, seguito a sua volta dal collega del protagonista, Alcee, finisce in galera. La relazione fra Kay e Dutch va in pasto alla stampa e Kay perde le elezioni mentre Dutch si guadagna il grado di tenente. I due si incontrano la vigilia di Natale all'aeroporto di Washington, ove lei è in partenza per lo Hampshire, e si promettono di riprendere la loro relazione.

Nel film il regista Sidney Pollack ha anche una parte da attore, recitando il ruolo di Carl Broman, il consulente elettorale di Kay.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema