Panarea (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panarea
Paese di produzione Italia
Anno 1997
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Pipolo
Sceneggiatura Lorenzo Castellano
Castellano
Simone Cesareo
Pipolo
Produttore Giovanni Di Clemente
Fotografia Nino Celeste
Montaggio Antonio Siciliano
Musiche Claudio Casalini e AA.VV.
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Panarea è un film del 1997 diretto da Pipolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante un fine settimana estivo nell'isola di Panarea, si intreccia una serie di storie d'amore fra i villeggianti.

Pancrazio, che ha fama di superdotato e che probabilmente per questo fatto è soprannominato "Pizellone" è innamorato della sua amica d'infanzia Simona che lo usa per stimolare la gelosia del suo ex ragazzo, Andrea, un culturista pugliese. L'ultima sera di vacanza, lei finalmente ha l'attenzione di Andrea e Pancrazio si stanca di andarle dietro e viene corteggiato da una bella francese, ma quando i due si appartano, Simona manda a quel paese Andrea e dice a Pancrazio che lui deve stare solo con lei, alla fine si mettono insieme.

Riccardo e Luca, due amici per la pelle noti per le loro conquiste, perdono la testa di fronte alla nuova arrivata Alessandra. I due se ne fanno di tutti i colori per conquistarla fin quando, alla fine della vacanza, la ragazza li gioca entrambi e non si concede a nessuno. Ciononostante, tra l'amicizia tra i due ragazzi resta forte e si preparano a corteggiare altre ragazze, stavolta una a testa.

Due sorelle, Claudia e Maria, sono innamorate dello stesso ragazzo, Enrico (detto Sandokan). Claudia è piccola ed Enrico non vuole, giustamente, averci a che fare, ma lei continua a procurargli problemi con Maria, tanto da fargli pure credere che sia lesbica, e alla fine tra lui e Maria non funziona proprio quando lui, stupito dal fatto che lei lo corteggi, non le faccia notare di pensare che lei sia, per l'appunto, omosessuale e quest'affermazione offende la ragazza che lo lascia perdere.

Giorgio Bedoni, rampollo di buona famiglia, viene lasciato solo dai genitori e si fa convincere da Antonio, il suo cameriere, ad organizzare un festino nella villa paterna, e non riesce mai a confessarsi ad Amanda, la ragazza che gli piace, solo quando farà la festa, e arriverà a fregarsene del fatto che gli distruggano la casa del padre, avrà il coraggio di andare da Amanda e copulare con lei.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

[1]

Il film, prodotto da Giovanni Di Clemente per una cifra di sette miliardi e mezzo di lire, vede un cast composto da attori all'esordio cinematografico, ma con già alcune esperienze nel mondo dello spettacolo (fra cui Alessia Merz, già velina di Striscia la notizia). Le riprese si sono svolte nell'isola di Panarea, con alcune scene girate a Fiumicino[2]; il sonoro è stato registrato in presa diretta, anche se la versione definitiva del film è stata doppiata, sotto la direzione di Michele Gammino.[3]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

I brani musicali facenti parte della colonna sonora sono stati selezionati da Claudio Casalini.

  1. Los Servilla - Macarena
  2. Blizzard - Without You
  3. Whigfield - Sexy Eyes
  4. D.C. Mark - Baby Love
  5. The Great Family - Somebody to Love (Droid Mix)
  6. Brothers House - Funky (Funky Mix)
  7. Los Cantantes - El verano
  8. Skee Io - I Wish
  9. Chaomama - Meneaito
  10. Niccolò Fabi - Dica
  11. Grupo Verano - Soy tu marido
  12. Fernandito Villalona - La hamaquita
  13. Grupo Verano - Esa negra quiere un macho
  14. Joy Salinas - Give Me a Break

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale a partire dal 10 gennaio 1997, in periodo post-natalizio[4].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ottenne uno scarso successo al botteghino[5], ricevendo pareri negativi da parte della stampa specializzata[6][7]. Divenne però film di culto del cinema trash dopo il passaggio in televisione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Battesimo per venti giovani attori, tutti protagonisti su Il Tempo
  2. ^ Panarea - Filming Locations
  3. ^ Panarea su Il mondo dei doppiatori
  4. ^ Panarea - Release Info
  5. ^ senza titolo, Il corriere della sera, 19 gennaio 1997
  6. ^ A "Panarea" tanto sole, poco cinema, Il messaggero, 13 gennaio 1997
  7. ^ Panarea

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema