Underworld - La ribellione dei Lycans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Underworld - La ribellione dei Lycans
Underworld la ribellione dei Lycans 2.jpg
Michael Sheen e Bill Nighy in una scena del film.
Titolo originale Underworld: Rise of the Lycans
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere orrore, thriller, fantastico, drammatico, avventura, azione
Regia Patrick Tatopoulos
Soggetto Kevin Grevioux, Len Wiseman, Danny McBride
Sceneggiatura Danny McBride, Dirk Blackman, Howard McCain
Casa di produzione Sketch Films, Lakeshore International, Screen Gems
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Ross Emery
Montaggio Peter Amundson, Eric Potter
Effetti speciali Jason Durey, Oliver Gee
Musiche Paul Haslinger
Scenografia Dan Hennah
Interpreti e personaggi
Episodi

Preceduto da Underworld: Evolution (2006)

Underworld - La ribellione dei Lycans è un film del 2009, diretto da Patrick Tatopoulos, terzo capitolo della serie di Underworld.

Il film è stato distribuito nelle sale italiane il 20 febbraio 2009.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni bui del primo Medioevo il re dei Vampiri, Viktor, scopre che un Licantropo femmina ha partorito per la prima volta un bambino umano anziché un piccolo Licantropo. È la prima occorrenza in vent'anni, da quando William (figlio di Alexander Corvinus, morso da un lupo e diventando così il primo e il più feroce dei Lycan) diede origine a una razza di Licantropi incapaci di riprendere forma umana. Viktor, invece di ucciderlo, lo cresce e lo usa per i suoi scopi. Viktor intuisce subito che quel bambino non è altro che il primo Lycan capace di ritornare allo stadio umano e vuole usare il suo sangue per rendere gli altri Lycan più simili agli umani, quindi più docili e più facili da controllare. Il Lycan viene chiamato Lucian.

Passano molti anni e Lucian diventa maniscalco della fortezza dei Vampiri. Egli si innamora della principessa Vampira, Sonja, figlia di Viktor (amore che viene ricambiato). Una notte giunge al castello una carovana di nobili, che vengono "protetti" dai Vampiri in cambio di schiavi umani e ingenti ricchezze. I Vampiri, pertanto, non si nutrono del loro sangue e li proteggono da altre creature sovrannaturali come i Licantropi. A prendere i nobili viene mandato un drappello di soldati capitanati da Sonja.

Nel frattempo Lucian, grazie all'olfatto ipersviluppato, capisce che i Licantropi stanno per attaccare la carovana in grandissimo numero e si precipita a salvare la sua amata. Quando capisce che i lupi sono troppi anche per lui, si toglie il collare che impediva la trasformazione grazie a una chiave costruita da lui e si trasforma in Lupo Mannaro. Con il suo ringhio riesce a comandare i lupi selvaggi, che quindi se ne vanno. Però i nobili (padre, madre e la loro figlia) vengono sbranati dai Lycan, così come molti degli schiavi umani che portavano in offerta ai Vampiri. In quel momento arriva un altro drappello che lancia frecce d'argento su Lucian per fermare la trasformazione. Lucian viene condannato a trenta frustate e a perdere tutti i suoi privilegi. Sonja prova a difenderlo invano. Viktor, che si era affezionato a Lucian, sente la sua ribellione come un'offesa personale nonché una minaccia, e non può perdonarlo.

Dopo le frustate Lucian viene condotto in prigione, dove aizza gli umani lì imprigionati alla ribellione. Questi umani nel frattempo sono stati morsi dai Lycan che lavorano alla fortezza per divenire Lycan in grado di tornare umani come Lucian. Aiutato da Sonja e da Tanis, lo storico dei vampiri, (vedi episodio precedente) che conosce la loro storia d'amore, riesce a scappare portandosi dietro un drappello di Lycan. Molti di questi però restano imprigionati. Lui e Sonja si dovrebbero vedere alla radura del fiume tre giorni dopo.

Viktor capisce che Lucian è fuggito grazie a Sonja e, mordendo la figlia, riesce a percepire i suoi ricordi. Vedendo i loro incontri inorridisce per il fatto che la figlia si sia accoppiata con un "animale" e la rinchiude nella sua camera per evitare che faccia follie per Lucian. Si sente tradito da lei e non la considera più nello stesso modo.

Alla radura del fiume al posto di Sonja arriva una sua amica, che avverte Lucian che Sonja è stata fatta prigioniera per avere tradito l'Assemblea dei Vampiri. Lucian, che aveva già deciso di tornare al castello per liberare gli umani che non era riuscito a salvare, decide quindi di assalire il castello per salvare la sua amata.

Riesce a penetrare nel castello e a salvare Sonja dalla sua stanza, però viene intercettato da Viktor che riesce a imprigionarli entrambi. In quel momento Sonja rivela di essere incinta di Lucian. Viktor, che voleva trovare un modo di usare clemenza per la figlia, decide che deve morire: un tale abominio come l'incrocio di Lycan e Vampiri è una mostruosità che non deve esistere. Vengono condannati a morte entrambi e Sonja viene bruciata viva ed incenerita dai raggi del sole all'alba. A quell'ennesimo affronto, Lucian si trasforma e aizza i Lycan umani e i Licantropi ad attaccare la fortezza dei Vampiri.

Imperversa la battaglia, quando Viktor scappa. Lucian lo insegue e lo ferisce gravemente. Infine, credendolo morto, lo getta in un pozzo collegato a una fogna. Quando Lucian esce dalla fogna, la battaglia è stata vinta dai Lycan, perché ormai è diventato giorno. Viktor, però, viene trovato da Tanis che lo soccorre e lo accompagna, per farlo riposare, in un sarcofago. Sarcofago simile a quello nel quale, a turno, dormono due dei tre Re dei Vampiri (Amelia, Viktor e Marcus). I tre infatti non regnano mai assieme, ma uno alla volta per cent'anni mentre gli altri due riposano.

Il film termina con la scena della prima apertura del primo film girato: Underworld , con la voce del vampiro Kraven (Shane Brolly) che va rivelando a Selene (Kate Beckinsale), protagonista vampira una volta umana nella prima e nella seconda parte della saga, l'identità del vero assassino della sua famiglia: che la sua famiglia umana è stata sterminata da Viktor che poi la trasformò in un vampiro e l'ha cresciuta sotto l'illusione che l'omicidio fosse stato commesso dagli uomini lupo; e che quest'ultimo le ha risparmiato la vita perché gli ricordava Sonja; Selene respinge l'affermazione di Kraven come menzogna.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2003, la Screen Gems, prima di rilasciare Underworld, annunciò che avrebbe prodotto una trilogia e che, l'ultimo capitolo sarebbe stato un prequel.[1] Nel dicembre 2005, Len Wiseman, disse che il franchise di Underworld fu concepito originariamente come trilogia:

« Abbiamo tracciato un'intera storia, ogni idea viene aggiunta o scartata, ed in alcuni momenti... mi sembra tutto confuso. Noi abbiamo pensato all'universo di Underworld come trilogia e tratteremo bene l'ultimo film.[2] »

Durante un'intervista avvenuta il giugno 2006, Wiseman parlò del terzo film:

« Il terzo film sarà un prequel, allo stato attuale del copione, verranno trattate le origini della storia e il personaggio di Lucian riceverà uno spessore molto ampio. Diremo perché è nata questa guerra. Riguardo alla sceneggiatura, posso dire che è completata, stiamo solo aspettando un po' ad iniziare la produzione.[3] »

L'ottobre 2006, l'attore Michael Sheen dichiarò di volere interpretare Lucian nel terzo film.[4] Al Comic-Con del 2007 tenutosi a San Diego, venne annunciato che Patrick Tatopoulos avrebbe diretto il film.

Il 26 ottobre 2007, il prestigioso The Hollywood Reporter annunciò il titolo ufficiale del film Rise of the Lycans, ed inoltre riportò l'assunzione di Danny McBride nel ruolo di sceneggiatore. Len Wiseman venne ingaggiato come produttore e l'attrice Kate Beckinsale rifiutò di tornare nel ruolo di Selene.

Le riprese del film si sono svolte nelle location poste ad Auckland (Nuova Zelanda) e Roxboro (North Carolina).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel salone in cui vengono ricevuti i nobili, giunti al castello per portare i loro tributi ai vampiri in cambio di protezione, è possibile notare al centro del trono sul quale siede Viktor il logo della Legendary Pictures, benché quest'ultima non risulti avere contribuito alla produzione del film.

Il film ha dato inizio alla tradizione dei cosiddetti Di Luzio movies, film di bassa qualità cui periodicamente alcune persone sono costrette ad assistere per compiacere Andrea Di Luzio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dana Harris, Due sequel per Underworld, Variety, 24-09-2004. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  2. ^ Wiseman si prepara per Underworld 3, Sci Fi Wire, 12-12-2005. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  3. ^ Sean Elliott, Intervista esclusiva a Len Wiseman, iFMagazine.com, 06-06-2006. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  4. ^ Edward Douglas, Esclusiva: Michael Sheen in The Queen, ComingSoon.net, 20-10-2006. URL consultato il 25 gennaio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema