Koninklijke Luchtmacht

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Koninklijke Luchtmacht
Aeronautica Militare dei Paesi Bassi
Royal Netherlands Air Force
NL-VLAG-Luchtmacht.svg
insegna della Koninklijke Luchtmacht
Descrizione generale
Attiva 1913 – oggi
Nazione Paesi Bassi Paesi Bassi
Alleanza NATO
Servizio aeronautica militare
Quartier generale Commando Luchtstrijdkrachten (CLSK)
Motto Parvus numero, magnus merito (latino:piccolo numero, grande merito)
Battaglie/guerre seconda guerra mondiale
Guerra di Guinea
Guerra del Kosovo
Sito internet http://www.luchtmacht.nl/
Parte di
Simboli
Coccarda
Netherlands roundel.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Koninklijke Luchtmacht (dall'olandese per "Regia Aeronautica Militare"), spesso abbreviata in KLu, è l'attuale aeronautica militare dei Paesi Bassi e parte integrante delle forze armate dei Paesi Bassi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

L'aeronautica militare olandese venne fondata nel 1913 come branca del Koninklijke Landmacht (KL), il reale esercito dei Paesi Bassi, con il nome di Luchtvaartafdeeling (LVA), ovvero, in italiano, Gruppo di aviazione dell'esercito. I primi modelli di aereo acquisiti dai reparti dell'esercito furono un Brik e tre Farman di produzione francese. Con l'evolversi della tecnologia aeronautica questi primi divennero ben presto inadeguati venendo sostituiti con alcuni Nieuport e Caudron.

Durante la prima guerra mondiale i Paesi Bassi si dichiararono neutrali e non presero parte ad alcun combattimento, continuando però a sviluppare l'abilità dei propri piloti.

Dopo il termine del conflitto il governo olandese tagliò drasticamente i fondi stanziati per la Difesa e di conseguenza l'attività dei reparti aerei dell'esercito venne quasi del tutto azzerata. Con il nuovo clima di tensioni internazionali il governo cercò di riformare una propria aeronautica stabilmente funzionante, ma si trovò di fronte a numerosi problemi, non ultimo quello della difficile reperibilità di piloti e istruttori olandesi in grado di pilotare i nuovi aerei in circolazione tra le altre aeronautiche nazionali.

Dalla seconda guerra mondiale alla fine degli anni quaranta[modifica | modifica sorgente]

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, nel luglio 1939, venne cambiato il nome della forza aerea in Luchtvaartbrigade (Brigata d'aviazione dell'esercito). Nell'agosto dello stesso anno il governo olandese mobilitò il proprio esercito ma, a causa della scarsezza di preparazione e di fondi, a quel tempo la Luchtvaartbrigade era composta soltanto da 125 aerei in grado di volare; in particolare:

  • 55 aerei da pattugliamento di varie tipologie.

Nel maggio 1940 la Germania invase i Paesi Bassi. La superiorità aerea della Luftwaffe era schiacciante ma, nonostante ciò, le forze olandesi riuscirono comunque a causare ingenti perdite al nemico, distruggendo più di 350 aerei tedeschi (molti dei quali per la verità abbattuti dalle forze a terra); il prezzo di ciò fu però molto alto per la Luchtvaartbrigade, dato che il 95% dei piloti olandesi morì.

Alcuni dei membri della Luchtvaartbrigade riuscirono a scappare in Inghilterra e lì, sotto il comando della RAF, formarono gli squadroni 320 e 321.

La parte dell'aeronautica di stanza nelle allora colonie olandesi nel Pacifico continuò la propria attività fino all'occupazione da parte del Giappone, avvenuta nel 1942.

Interventi in Nuova Guinea[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Operazione Trikora.

A partire dalla fine del secondo conflitto mondiale l'Indonesia rivendicava la propria sovranità sulla Nuova Guinea, che ancora allora era possedimento coloniale olandese; i rapporti diplomatici tra le due nazioni cessarono bruscamente alla fine degli anni cinquanta. Di conseguenza il governo olandese trasferì in Nuova Guinea alcuni reggimenti del proprio esercito, compreso un distaccamento dell'aeronautica militare, con il compito principale di controllare lo spazio aereo sopra l'isola di Biak. Negli anni sessanta, con il progressivo deteriorarsi dei rapporti tra Indonesia e Olanda, vennero mandati ulteriori rinforzi in Nuova Guinea e venne stabilito anche un comando distaccato dell'aeronautica militare (Commando Luchtverdediging Nederlands Nieuw-Guinea - CLV NNG). Nel 1962 l'Indonesia si preparò ad invadere i possedimenti coloniali olandesi ma, in forza a pressioni della comunità internazionale, il governo olandese accettò di ritirarsi pacificamente e di riconoscere la sovranità dell'Indonesia su quei territori.

Interventi in ambito internazionale[modifica | modifica sorgente]

La Koninklijke Luchtmacht è intervenuta nella Ex-Jugoslavia al fianco delle forze NATO dal 1993 al 1995, utilizzando come punti di appoggio gli aeroporti italiani di Villafranca e Amendola.

Nell'ottobre 2002 una forza aerea composta da 18 F-16 Fighting Falcon norvegesi, danesi e olandesi è stata stanziata nella base aerea di Manas, in Kyrgyzstan come supporto alle truppe di terra NATO impegnate nell'Operazione Enduring Freedom.

Nell'agosto 2006 la Koninklijke Luchtmacht ha schierato nell'aeroporto di Kandahar sei F-16 Fighting Falcon e tre Boeing CH-47D Chinook come supporto alle azioni della NATO nel Sud dell'Afghanistan.

Aeromobili in uso[modifica | modifica sorgente]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[1] Note Immagine
aerei da combattimento
Lockheed Martin F-16AM/BM Fighting Falcon Paesi Bassi Paesi Bassi Aereo da caccia F-16AM+F-16BM 68 (altri 45 sono in riserva) 213 costruiti su licenza dalla Fokker molti dei quali sono stati venduti ad altri paesi. 68 restano in servizio ma probabilmente saranno ridotti a 52 a causa di tagli di bilancio da parte del governo Olandese. Altri 45 sono stati posti in riserva.
F-16 MLU of Royal Netherlands Air Force's Solo Display Team (reg. J-055), taxiing, Radom AirShow 2005, Poland.jpg
altri velivoli
Aérospatiale Alouette III Francia Francia elicottero da trasporto VIP SA316B 4 utilizzati esclusivamente per fotografia aerea e trasporto della famiglia reale/VIP[2]
Alouette III SE3160 H75.jpg
Agusta-Bell 412 Italia Italia elicottero leggero da ricerca e salvataggio 3 utilizzato per il soccorso, supporta la area di addestramento della RNLAF sul Vlieland e il mare Mare di Wadden.[3] Agusta Bell 412 SP SAR Netherlands.jpg
Boeing AH-64D Apache Stati Uniti Stati Uniti elicottero d'attacco AH-64D 29 (1 perso in incidente)
Apachefarnborough2006.jpg
Eurocopter AS 532U2 Cougar Mk2 Francia Francia elicottero utility AS 532U2 Cougar Mk2 17 Programma per aggiornamento (Mid-Life Update) previsto per il 2009 Rnethaf eurocopter as532 cougar at riat 2010 arp.jpg
Boeing CH-47 Chinook Stati Uniti Stati Uniti elicottero pesante da trasporto CH-47D 11 6 CH-47F in ordine ed esiste una opzione per altri 2 CH-47F[1]
Chinook.ch-47d.d-101.rnethaf.arp.jpg
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti Aereo da trasporto medio C-130H
C-130H-30
1
2
2 EC-130 ex-US Navy sono in corso di conversione a C-130H per la RNLAF a cura della Marshall Aerospace. Terminata l'acquisizione, i primi 2 C-130H-30 saranno aggiornati allo stesso standard.[1]
Lockheed C-130 Hercules KLu.png
Fokker F50 Paesi Bassi Paesi Bassi Aereo da trasporto a corto e medio raggio 50/60 2 trasporto VIP
Volkel 1.jpg
McDonnell Douglas K(D)C-10 Stati Uniti Stati Uniti Aereo da trasporto wide body KDC-10 2 Rifornimento in volo e trasporto di passeggeri e merci McDonnell Douglas KDC-10-30CF der RNLAF.jpg
McDonnell Douglas DC-10 Stati Uniti Stati Uniti Aereo da trasporto wide body KDC-10 1 aereo passeggeri ex-United Airlines, aggiornato in Italia e dalla Stork Aerospace olandese.
Gulfstream IV Stati Uniti Stati Uniti aereo leggero multiruolo 1 trasporto VIP
Pilatus PC-7 Turbo Trainer Svizzera Svizzera Aereo da addestramento PC-7 13 in precedenza con livrea gialla e rossa. attualmente nera con due insegne gialle
Pilatus.pc-7.fairford2006.arp.jpg
Westland Lynx Regno Unito Regno Unito Capacità ASW, SAR e MEDEVAC Super Lynx SH-14D 17 riporta scritte Koninklijke Marine ma dal 4 luglio 2008 in organico alla KLu.
Westland Lynx Koninklijke Marine.jpg
NHIndustries NH90 Unione europea Unione europea elicottero imbarcato NFH 1 19 da consegnare nel 2010. Opzioni per 2 elicotteri in più. NFH90.JPG
Dornier Do 228 Germania Germania Pattugliatore marittimo 2 registrato con marche civili, ma operato con equipaggi militari dell'aeronautica e della marina[4]
Vliegveld De Kooy-Kustwacht.jpg

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Netherlands military aviation OrBat. URL consultato il 03-04-2010.
  2. ^ Koninklijke Luchtmacht (Materieel - Helikopters)
  3. ^ Koninklijke Luchtmacht (Main - Materieel - Helikopters)
  4. ^ Dutch Coastguard

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]