Elena di Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elena di Grecia e Danimarca
Regina Madre di Romania
Regina Madre di Romania
Nascita Atene, Grecia, 2 maggio 1896
Morte Losanna, Svizzera, 28 novembre 1982
Casa reale Casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Casato di Hohenzollern-Sigmaringen
Padre Costantino I di Grecia
Madre Sofia di Prussia
Consorte Carol II
Figli Michele

Elena di Grecia e Danimarca (nome completo Helen zu Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg[1]) (Atene, 2 maggio 1896Losanna, 28 novembre 1982) nata principessa di Grecia e Danimarca, chiamata famigliarmente Sitta zu[1], divenne regina di Romania nel 1940[1], come consorte del re Carlo II di Romania (1893-1953).

Famiglia d'origine[modifica | modifica sorgente]

Elena fu la terzogenita del re Costantino I di Grecia (1868-1923) e della sua consorte Sofia di Prussia (1870-1932)[1].
I suoi nonni paterni erano il re Giorgio I di Grecia e la regina Ol'ga Konstantinovna Romanova, nata granduchessa di Russia; quelli materni erano l'imperatore Federico III di Germania e la principessa Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha, figlia primogenita della regina Vittoria I del Regno Unito.

Ebbe tre fratelli, Giorgio, Alessandro e Paolo, che furono successivamente tre re di Grecia, e due sorelle, la principessa Irene e la principessa Caterina.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 10 marzo del 1921[1] Elena sposò Carlo, allora principe ereditario di Romania, figlio del re Ferdinando I (1865-1927) e della regina Maria (1875-1938). Il matrimonio venne celebrato ad Atene, come voleva l'usanza della famiglia reale greca.

La coppia ebbe un solo figlio:[1]

Villa Sparta a Fiesole; molte delle piante del giardino furono piantate per la stessa regina

Elena e Carlo divorziarono il 21 giugno del 1928[1]. La Regina fu reggente del figlio minorenne dal 1927 al 1930 in quanto Carlo (Carol) era stato escluso dalla successione per la sua vita scandalosa. Rientrato in patria, Carlo, e assunta la corona, costrinse Elena a lasciare la Romania, ma essa tornò quando nel 1941 il marito fu costretto ad abdicare e Michele risalì sul trono. Fu sempre al fianco del figlio Michele I durante le tragiche vicende della Seconda guerra mondiale e lo accompagnò nell'esilio il 31 dicembre 1947 quando questi fu costretto ad abdicare dal governo comunista. Entrambi, prima di poter lasciare la Romania, furono sottoposti a perquisizione personale. Si stabilì quindi in Italia, a Villa Sparta, vicino a Firenze, dove visse più di trent'anni. Qui frequentò quella raffinata cerchia di intellettuali spesso stranieri che risiedevano sulle colline di Firenze, tra i quali Bernard Berenson, Harold Acton, Cecil Pinsent, ecc.

Nell'ultimo anno di vita, per ragioni familiari, fu costretta a trasferirsi a Losanna, dove morì il 28 novembre del 1982 all'età di ottantasei anni.

La regina Elena fu molto unita al fratello Paolo. Molto colta e con inclinazioni artistiche, fu un'interessante pittrice; parlava sei lingue, ma non l'italiano, nonostante avesse vissuto a lungo in Italia.

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Elena di Grecia Padre:
Costantino I di Grecia
Nonno paterno:
Giorgio I di Grecia
Bisnonno paterno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonna paterna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Bisnonna paterna:
Luisa d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Nonna paterna:
Ol'ga Konstantinovna Romanova
Bisnonno paterno:
Konstantin Nikolaevič Romanov
Trisnonno paterno:
Nicola I di Russia
Trisnonna paterna:
Carlotta di Prussia
Bisnonna paterna:
Alessandra di Sassonia-Altenburg
Trisnonno paterno:
Giuseppe di Sassonia-Altenburg
Trisnonna paterna:
Amalia di Württemberg
Madre:
Sofia di Prussia
Nonno materno:
Federico III di Germania
Bisnonno materno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Augusta di Sassonia-Weimar
Trisnonno materno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna materna:
Marija Pavlovna Romanova
Nonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna materna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze greche[modifica | modifica sorgente]

Dama Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia - nastrino per uniforme ordinaria Dama Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g Darryl Lundy, Genealogia della principessa Elena di Grecia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 29 settembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mihai al Romaniei, Humanitas, Bucuresti, 2001.
  • Lee, Arthur Gould. Helen, Queen Mother of Rumania, Princess of Greece and Denmark: An Authorized Biography. London: Faber and Faber, 1956.
  • Queen Helen of Rumania, The Times (30 novembre 1982), p. 12.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]