Università di Cambridge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 52°12′09.73″N 0°07′11.58″E / 52.202702°N 0.119884°E52.202702; 0.119884

Università di Cambridge
University of Cambridge coat of arms.svg
Stato Regno Unito Regno Unito
Città Cambridge
Nome latino Academia Cantabrigiensis
Motto Hinc Lucem et pocula sacra[1]
Fondazione 1209[2]
Tipo Pubblica
Rettore David Sainsbury
Studenti 18 647[3] (2010)
Dipendenti 9 140[4] (2011)
Colori   Cambridge Blue[5]
Affiliazioni Gruppo Russell
Gruppo di Coimbra
International Alliance of Research Universities
League of European Research Universities
Sito web www.cam.ac.uk
 
Una vista classica della cappella del King's College (al centro) e del Clare College (a sinistra) dal fiume Cam; i due collegi fanno parte dell'Università di Cambridge
La torre del St John's College

L'Università di Cambridge (in inglese: University of Cambridge) è la seconda per anzianità delle università del Regno Unito, dopo quella di Oxford, e la quarta in Europa. Situata nell'omonima città dell'Anglia orientale, è considerata fra i migliori centri universitari britannici e mondiali; ospita quasi 20000 studenti[3] e più di 5000 fra ricercatori e professori[4]. Secondo la leggenda venne fondata da alcuni studenti nel 1209, dopo essere fuggiti da Oxford a seguito di una lite coi locali[2]: tradizionalmente fra le due istituzioni, collettivamente conosciute con la dizione Oxbridge, esiste una forte rivalità accademica e non solo, come testimoniato dalla celeberrima regata.

Cambridge offre corsi di laurea in numerose discipline, che spaziano dalle arti alla scienza, ed è basata su una struttura collegiale. Nel 2005 è risultata seconda nella classifica accademica delle università mondiali[6] e nel 2011 la prima all'interno del continente europeo[7]. Nel 2010 è divenuto il primo ateneo britannico a piazzarsi in vetta al QS World University Rankings, sorpassando Harvard[8]. Cambridge detiene il record di vincitori di premi Nobel, 89.[9].

L'università è un membro del gruppo Russell e del gruppo di Coimbra che includono i centri di studio più all'avanguardia nel campo della ricerca.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondazione[modifica | modifica sorgente]

Si narra che le origini dell'università derivino da una condanna a morte perpetrata verso due studenti ad Oxford per l'omicidio di una donna nel 1209, apparentemente con l'assenso di re Giovanni d'Inghilterra. Ciò avrebbe causato proteste da parte del corpo studentesco, portando alla sospensione delle attività didattiche, e creato un forte attrito con i residenti locali. In molti furono indotti a lasciare la città, divenuta ostile, per recarsi altrove, come a Reading o a Parigi[10]. Anche Cambridge fu una delle mete prescelte, dato che esisteva già un'istituzione di studi superiori, nonostante non fosse riconosciuta come università[2]; uno status questo rilasciato ufficialmente nel 1231 da re Enrico III d'Inghilterra, insieme ad alcune sovvenzioni statali ed esenzioni dalle tasse. La sua intenzione era di regolamentare la vita nella piccola città, punendo comportamenti irresponsabili dei giovani ma allo stesso tempo garantendone la protezione verso canoni di affitto esagerati[11]. Una bolla pontificia di papa Gregorio IX diede il permesso ai laureati di Cambridge di insegnare in qualunque Paese cristiano[12]. Nel 1290 venne assegnato a Cambridge lo statuto di studium generale da papa Niccolò IV e divenne così frequente il transito di docenti di varie istituzioni europee presso l'università britannica per dare lezioni magistrali[13].

La nascita dei collegi[modifica | modifica sorgente]

I collegi sono stati fondati solo successivamente alla nascita dell'università soprattutto grazie alle donazioni di ex-studenti o professori; inizialmente esisteva anche un diverso tipo d'istituto, l'ostello, che era invece sostenuto finanziariamente dagli stessi allievi che vi vivevano. Gli ostelli sono stati gradualmente riassorbiti dai vari collegi, tanto che molte costruzioni in diverse zone della città riportano ancora gli antichi nomi di questi alloggi.

Il primo collegio, il Peterhouse, fu fondato nel 1284. In molti seguirono nei secoli successivi, anche se vi fu un lasso di 204 anni fra il Sidney Sussex (1596) e il Downing College (1800). L'ultimo in ordine temporale è il Robinson, aperto dal 1970, anche se l'Homerton ha raggiunto lo statuto ordinario solo dal marzo 2010 (prima era solo una "società approvata")[14].

In tempi medievali la motivazione che portava all'edificazione dei collegi era di permettere agli studenti di pregare per l'anima dei fondatori: per questo erano spesso affiliati a chiese e parrocchie[15]. Con la dissoluzione dei monasteri in Inghilterra (1536) ci fu un cambiamento del curriculum dallo scolasticismo verso uno studio più incentrato sulla Bibbia, il classicismo e la matematica. Concomitante alla riforma protestante, Cambridge si allontanò anche dal cattolicesimo e molti dei suoi intellettuali iniziarono ad apprezzare le idee del luteranesimo.

Quasi un secolo dopo, l'università fu al centro di un altro scisma religioso: molti dei nobili ed intellettuali ritenevano la chiesa anglicana troppo vicina a quella cattolica ed utilizzata come pretesto dalla famiglia reale per usurpare i poteri locali. L'Anglia orientale divenne così il centro del movimento puritano e Cambridge produsse molti pensatori che influenzarono od andarono direttamente a formare la colonia di Massachusetts Bay nel 1630, anno del fenomeno della grande migrazione di 20000 fedeli puritani[16]. Nello stesso periodo Oliver Cromwell, personaggio chiave della futura guerra civile inglese, stava studiando al Sidney Sussex College.

Tra gli studenti dell'Università di Cambridge ci fu anche Newton

Matematica applicata e fisica[modifica | modifica sorgente]

Dal XVII secolo l'università iniziò a focalizzarsi verso gli studi scientifici, in particolare la matematica e la fisica. Lo studio di queste materie fu reso obbligatorio per la laurea, e veniva richiesto ad ogni studente di affrontare l'esame per il Bachelor of Arts, il primo tipo di laurea a Cambridge che unisse argomenti scientifici ed artistici[17]. L'esame divenne poi noto con il nome tuttora in uso di Tripos. Il Tripos matematico di Cambridge divenne presto il più prestigioso fra i corsi offerti, e sfornò scienziati come James Clerk Maxwell, Lord Kelvin e Lord Rayleigh. Nonostante negli anni le discipline e la ricerca si siano notevolmente diversificate e lo studio di materie matematiche non sia più reso obbligatorio, Cambridge mantiene un'altissima reputazione in questo campo: il corso è ancora considerato uno dei più difficili e migliori al mondo[18][19]. I suoi studenti sono stati vincitori di sei medaglie Fields e due premi Abel[20][21]; quattro ulteriori medaglie Fields furono assegnate ad altri matematici che rappresentavano l'università in veste ufficiale[22].

XIX e XX secolo[modifica | modifica sorgente]

Dopo il Cambridge University Act del 1856, con il quale si formalizzò la struttura d'organizzazione dell'ateneo, venne introdotto lo studio di molte altre materie come diritto, storia, teologia e lingue moderne[23]. Le risorse necessarie per lo studio di arte, architettura ed archeologia furono generosamente donate da Richard Fitzwilliam (Trinity College), a sua volta erede di una grande fortuna[24]. Fra il 1896 e il 1902, il Downing College vendette una porzione dei suoi terreni, permettendo l'erezione del Downing Site, con nuovi laboratori scientifici e dipartimenti come quelli di anatomia, genetica e scienze della Terra[25]. Negli stessi anni fu creato il New Museums Site, comprendente il laboratorio Cavendish per la fisica e altri fabbricati per la chimica e la medicina[26].

L'insegnamento fu duramente colpito dagli avvenimenti della prima guerra mondiale che vide la partecipazione di quasi 14000 membri dell'università e la morte di 2470 di essi. Di conseguenza, aiuti finanziari da parte dello Stato cominciarono a fluire nelle casse dell'istituzione, ma non dei collegi[27]. Il periodo seguente alla seconda guerra mondiale vide una rapida espansione sia nel numero di studenti che negli spazi disponibili per l'insegnamento; l'aumento della popolarità fu dovuto anche alla fama raggiunta da molti degli scienziati legati a Cambridge[28].

La struttura del DNA scoperta da Crick e Watson a Cambridge

Contributi al mondo scientifico[modifica | modifica sorgente]

Gli studenti ed i ricercatori di Cambridge sono stati fautori di alcune delle più importanti rivoluzioni e scoperte scientifiche, tra le quali:

Istruzione femminile[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente, erano ammessi all'università solo alunni di sesso maschile. I primi collegi solo per donne furono il Girton College, fondato nel 1869, seguito nel 1872 dal Newnham College. La prima volta in cui le donne furono ammesse a partecipare ad esami fu nel 1882, ma i tentativi di rendere le studentesse membri ufficiali dell'università fallirono fino al 1947. Cambridge non concesse diplomi di laurea alle donne fino al 1921, anche se era loro consentito seguire le lezioni e dare gli esami, con il risultato che venivano rilasciati diplomi secondari oppure sotto il nome di altre istituzioni di studio[29].

Dato che tutti gli studenti devono essere membri di un college e i collegi più antichi rimanevano aperti solo agli uomini, dopo la seconda guerra mondiale vi fu un rapido sviluppo di collegi al femminile; nel 1972 il Churchill College fu il primo ad ammettere studenti di ambedue i sessi, seguito rapidamente da tutti gli altri. Infine, nel 1988 tutti i collegi più tradizionali furono aperti anche alle donne[30]; tuttavia rimangono ancora tutt'oggi i collegi dedicati solamente alle donne, registrando dunque un'inversione del fenomeno. Dopo l'apertura agli uomini del St Hilda's College di Oxford nel 2008, Cambridge è l'unica università del Regno Unito avente un numero di collegi che rifiutino di ammettere studenti di sesso maschile[31].

Il Mathematical bridge sopra il fiume Cam presso il Queens' College

Tradizioni, miti e leggende[modifica | modifica sorgente]

Per via della lunghissima storia della università, sono nati numerosi miti, leggende e tradizioni tramandate fra tutte le generazioni di studenti e guide turistiche.

Una di queste tradizioni è il cucchiaio di legno (Wooden Spoon), un "premio" assegnato fino al 1909 a colui che riceveva il voto più basso, che non fosse una bocciatura, nel Tripos di matematica. Dopo tale data, i risultati di questo Tripos vennero pubblicati non più in ordine di merito ma in ordine alfabetico secondo le varie classi, per cui questa pratica perdette senso e dovette venire abbandonata[32]. Uno degli avvenimenti più conosciuti è il tradizionale concerto di Natale, che si svolge annualmente la sera della vigilia e viene trasmesso in diretta nel Regno Unito dalla BBC, sia per radio che per televisione. L'evento si tiene nella cappella del King's College ad opera del coro, che è costituito da studenti del collegio stesso[33].

Una leggenda vuole che il famoso Ponte matematico (Mathematical bridge) costruito da Newton venne assemblato inizialmente senza viti, utilizzando solo l'ausilio di un corretto bilanciamento delle forze fisiche. Quando alcuni professori negli anni successivi decisero di esaminare il ponte per capire com'era stato costruito, non riuscirono più a riassemblarlo, dovendo aggiungere per forza di cose numerose viti[34].

Un mito riguardante la ricchezza del Trinity College spiega come sia possibile camminare per tutta la strada fra Cambridge ed Oxford su terre di proprietà del collegio stesso[35].

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

L'università di Cambridge è un'istituzione collegiale: possiede quindi un centro amministrativo di controllo di tutte le attività e un numero di collegi indipendenti, ciascuno con le sue proprietà ed introiti. La maggior parte dei collegi non è specializzato in alcun settore, ma piuttosto riunisce professori, studenti e personale accademico da diverse aree di studio. Allo stesso modo, in tutti i dipartimenti dell'università si trovano studenti ed insegnanti provenienti dai diversi collegi. Le diverse facoltà sono responsabili dell'organizzazione delle varie lezioni, delle eventuali sessioni di laboratorio e dello stilare un curriculum da seguire, sempre in accordo con il corpo governativo. Il rettore dell'università è noto con la denominazione di "vice-cancelliere".

Collegi[modifica | modifica sorgente]

Tutti gli studenti e la maggior parte del personale accademico sono affiliati ad un collegio. Agli studenti viene fornito vitto ed alloggio, nonché accesso alla biblioteca del collegio ed a varie altre funzionalità. Qui vengono in genere anche organizzate le supervisions. Ogni college possiede una "sala grande", un luogo di socializzazione dove vengono serviti giornalmente i pasti ma avvengono anche cerimonie ufficiali e cene formali. Essendo indipendenti, alcuni collegi tendono a specializzarsi mantenendo una propensione per particolari materie: è il caso del Churchill che dichiara di focalizzarsi verso le scienze e l'ingegneria[36].

I college sono 31, dei quali 3 ammettono solo donne, 2 solo studenti già laureati (graduate students), e ulteriori 4 solo studenti che abbiano già compiuto i 21 anni[37]:

Vista sul Trinity College, Gonville and Caius, Trinity Hall e Clare College, con la cappella del King's College chiaramente visibile in primo piano

*solo per donne

†solo per studenti postgraduate

‡solo per mature students (più di 21 anni)

Sei ulteriori collegi, il Westcott House (Anglicano), il Westminster College (Riformato), il Ridley Hall (Anglicano), il Margaret Beaufort (Cattolico Romano), il IOCS (Ortodosso), ed il Wesley House (Metodista) sono membri della Cambridge Theological Federation, risultando associati all'università; i loro allievi hanno diritto a ricevere l'insegnamento e il diploma di laurea in teologia[39][40].

La biblioteca del Trinity Hall

Gestione del collegio[modifica | modifica sorgente]

All'interno del collegio vi sono varie figure. Il capo è in genere indicato come Master; il Senior Tutor si occupa, insieme al Dean, della disciplina e di assicurarsi che l'insegnamento proceda regolarmente; il Tutor è una figura di supporto non accademico e può fare da mediatore nei rapporti fra gli studenti e le autorità universitarie; il Director of Studies (DoS) si occupa invece del supporto allo studente nel campo accademico, organizzando le lezioni e fornendo resoconti sul progresso degli studi; il Porter controlla l'accesso al collegio, verificando che solo i suoi membri possano entrare quando il college è chiuso ai visitatori; le Bedder si occupano di pulire le stanze e le aree comuni; il Bursar amministra le finanze; il Chaplain dirige le funzioni religiose legate alla chiesa all'interno del collegio e fornisce supporto pastorale; il Praelector è responsabile di mantenere il registro dei membri del collegio e presentare gli studenti alla cerimonia di laurea; infine, il Fellow è un membro del corpo docente che, oltre a beneficiare di fondi per la ricerca all'interno del dipartimento in cui opera, riceve anche un regolare stipendio dal collegio per l'istruzione degli studenti[41].

Metodi di insegnamento[modifica | modifica sorgente]

Il principale strumento di insegnamento sono le supervisions, sessioni di studio della durata di un'ora in piccoli gruppi di ragazzi sotto la supervisione di un professore o uno studente che sta eseguendo un dottorato di ricerca (PhD). Questo sistema è spesso citato come la particolarità che differenzia maggiormente Cambridge dalle altre università e permette agli allievi di sviluppare la capacità di rispondere a quesiti difficili sotto pressione[42]. I laureandi devono in genere completare del lavoro assegnatogli, che verrà discusso durante l'ora di gruppo, insieme a qualunque altro problema o domanda su ciò che è stato proposto alle lezioni magistrali. Quest'ultime servono in genere solo a presentare il materiale di base all'interno del programma di studi, e devono necessariamente essere integrate con la lettura supplementare dei libri di testo o il completamento degli esercizi da parte dello studente. Il numero di supervisions settimanali varia a seconda delle diverse materie; quelle scientifiche prevedono anche un certo numero di ore di laboratorio obbligatorie[43][44].

Dipartimento di Ingegneria presso l'Università di Cambridge

Scuole, facoltà e dipartimenti[modifica | modifica sorgente]

In aggiunta ai 31 collegi, l'università è costituita da più di 150 fra dipartimenti, scuole, sindacati ed altri istituzioni. Una "scuola", sei in totale a Cambridge, viene definita come un grande gruppo amministrativo che ha la responsabilità delle relazioni fra le facoltà, supervisionata da un "consiglio"[45]:

  • Arte e discipline umanistiche (Arts and Humanties)
  • Scienze biologiche (Biological Sciences)
  • Medicina clinica (Clinical medicine)
  • Scienze Umane e Sociali (Humanities and Social Sciences)
  • Scienze fisiche (Physical sciences)
  • Tecnologia (Technology)

Anno Accademico[modifica | modifica sorgente]

L'anno accademico è diviso in tre trimestri (o term), determinati dallo Statuto dell'università. Il Michaelmas Term (parola macedonia da San Michele e Natale) si svolge fra ottobre e dicembre; il Lent Term (da quaresima, lent in inglese) cade fra gennaio e marzo; ed infine l'Easter Term (dalla Pasqua, easter in inglese) si svolge da aprile a giugno. All'interno di questi term ci sono i cosiddetti Full Term (trimestre completo) che hanno la durata di otto settimane. È all'interno di questi periodi che avviene tutto l'insegnamento, e gli studenti sono obbligati a vivere nel loro collegio per la loro intera durata[46]. I trimestri sono considerevolmente più corti rispetto a tutte le altre università britanniche; ci si aspetta che gli studenti lavorino duramente nelle tre vacanze annuali, quella di Natale, Pasqua e i quattro mesi estivi[47]. L'anno accademico prende il via da ottobre, e fra le ultime settimane di maggio ed inizio giugno vengono organizzate la maggior parte delle prove di esame.

Amministrazione Centrale[modifica | modifica sorgente]

La Senate House durante le celebrazioni per l'800º anniversario dell'università nel 2009

Cancelliere e vice-cancelliere[modifica | modifica sorgente]

Il Cancelliere dell'università è David Sainsbury ed il Vice-cancelliere è Leszek Borysiewicz[48]. Mentre il Cancelliere è una posizione assegnata a vita, più che altro cerimoniale, il Vice-cancelliere è colui che si occupa del governo e del controllo dell'università.

La figura del Cancelliere esiste almeno dal 1246. Fra i personaggi che hanno ricoperto questo ruolo si annoverano anche il Principe Filippo di Edimburgo, che ha servito per ben 34 anni, il periodo più lungo in assoluto; John Cavendish, politico inglese del XIV secolo; Guglielmo Federico di Hannover; Thomas Pelham-Holles; e Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha, marito della regina Vittoria[49].

Senate House e Regent House[modifica | modifica sorgente]

Il senato dell'università consiste in tutti coloro che abbiano ottenuto un Master of Arts da Cambridge; si riunisce nella Senate House, dove vengono anche conferiti tutti i diplomi di laurea agli studenti. Il senato elegge il Cancelliere ed altri membri di spicco dell'amministrazione; fino al 1950 eleggeva due membri della Camera dei Comuni[50]. La Regent House è invece il corpo governativo che si occupa di prendere decisioni e stabilire regole grazie ad un sistema di votazione democratico.

Council e General Board[modifica | modifica sorgente]

Il Senate House Passage nella neve con, a sinistra, il Gonville and Caius College

Il Council è il gruppo amministrativo dell'università e decide le varie politiche e regole; risponde direttamente alla Regent House, alla quale è obbligato a riferire questioni e problemi che riguardino l'istituzione. Per comunicare le varie decisioni, il Council utilizza il Cambridge University Reporter, la pubblicazione ufficiale dell'università di Cambridge, che esce ogni settimana. Su di esso vengono anche annunciati eventi importanti e notizie riguardo a premi e borse di studio ricevute dai membri dell'ateneo[51].

La General Board of Faculties è responsabile delle politiche accademiche: approva i corsi di insegnamento, colloca i fondi disponibili fra i vari dipartimenti e si assicura dello stato finanziario delle sei Scuole. Si accerta anche della qualità delle lezioni e della regolarità delle prove di esame, ricevendo i rapporti dai commissari esterni[52].

Finanze[modifica | modifica sorgente]

Si stima che nel 2010 la ricchezza totale dell'università fosse intorno ai 4 miliardi di sterline, dei quali 1 miliardo di proprietà centrale dell'università ed i restanti 3 miliardi distribuiti fra i trentuno collegi[53]. È da notare come l'università ed i collegi abbiano come risorsa principale soldi messi a disposizione dal governo britannico sotto forma di sussidi per la ricerca, dato che Cambridge è a tutti gli effetti un'università pubblica.

Alcuni allievi possono godere di generose borse di studio. Nel 2000, Bill Gates, il fondatore di Microsoft, ha donato 210 milioni di dollari tramite la sua fondazione per istituire la Gates Scholarship, che permette agli studenti di tutto il mondo di usufruire di un aiuto finanziario per intraprendere un dottorato a Cambridge. Questa fu la più grande donazione mai ricevuta da un'università britannica[54], e grazie al suo importante gesto Bill Gates fu proclamato Honorary Knight (Cavaliere onorario) dalla regina Elisabetta II[55].

Nel 2005, in previsione dell'ottocentesimo anniversario dall'apertura dell'ateneo, fu aperta una campagna di raccolta fondi di beneficenza fra gli ex-alunni per finanziare l'istituzione. Essa fu un grande successo, superando rapidamente le aspettative e raccogliendo più di 1 miliardo di sterline al 2010, la cifra più grande mai raccolta da un'università fuori dagli Stati Uniti d'America[56].

La University Library

Musei e biblioteche[modifica | modifica sorgente]

L'università possiede più di cento biblioteche e numerosi musei. La biblioteca centrale è la Cambridge University Library: essendo un deposito legale conserva tutti i libri pubblicati nel Regno Unito[57]. Molti dipartimenti possiedono biblioteche specializzate, dove si trovano libri di libera consultazione per gli studenti. Ogni collegio ha una sua biblioteca privata che funge anche come luogo di studio; alcune conservano manoscritti molto preziosi e antichi, come la Parker Library del Corpus Christi College che possiede una collezione di libri datati fino all'inizio del Medioevo[58].

Fra i musei notevole il Fitzwilliam, che espone opere di artisti del calibro di Tiziano, William Blake e Alfred Sisley. L'università è anche provvista di un giardino botanico, aperto nel 1846[59].

L'università possiede inoltre la Cambridge University Press, una delle case editrici più antiche e grandi al mondo[60].

Il Fitzwilliam Museum

Altre collezioni degne di nota sono:

Localizzazione[modifica | modifica sorgente]

L'Università occupa una posizione centrale all'interno della piccola città di Cambridge con la popolazione studentesca che ammonta a circa il 20% di quella totale[61]. I collegi più antichi sono situati nel centro città, dove scorre anche il fiume Cam sul quale è tradizione viaggiare su piccole barche (i punts) per ammirare le bellezze architettoniche[62].

L'istituzione si sviluppa in diversi siti sparsi per la città. I principali sono[63]:

Centro Studi Scienze Matematiche di Cambridge
  • Addenbrooke's
  • Downing
  • Madingley/Girton
  • New Museums
  • Old Addenbroke's
  • Old Schools
  • Silver Street/Mill Lane
  • Sidgwick
  • West Cambridge

L'ospedale di Addenbrooke's, situato poco fuori dal centro, ospita anche la School of Clinical Medicine dove gli studenti prestano servizio di tirocinio per tre anni dopo aver conseguito la laurea[64]. Il West Cambridge Site è la zona di espansione dell'università: situato nella zona ovest della città, ospita i dipartimenti più moderni come il Laboratorio Cavendish e ha diversi piani di ampliamento per sostituire altre facoltà e costruire nuovi campi sportivi[65].

Data la vicinanza fra i diversi siti e il territorio pianeggiante con dislivelli minimi, gli studenti si spostano principalmente a piedi o in bicicletta, tanto che Cambridge risulta la città britannica con la percentuale più alta di spostamenti effettuati con questo mezzo di locomozione[66].

Town and Gown[modifica | modifica sorgente]

Il rapporto fra l'università e la città che la ospita non è stato sempre idilliaco. Per differenziare gli abitanti locali dai membri dell'ateneo si adopera la dizione "Town and Gown" (paese e toga). Storie di feroce rivalità si riscontrano fin dagli albori: nel 1381 vi furono forti scontri che portarono ad attacchi e saccheggi di diverse proprietà universitarie. A seguito di questi eventi, vennero dati poteri straordinari al Cancelliere, come il permesso di perseguire i criminali e la possibilità di assicurare l'ordine nella città, ad esempio nella concessione delle licenze. Vari tentativi di conciliazione si susseguirono: nel XVI secolo vennero firmati vari accordi fra le due parti, migliorando la qualità delle strade e degli alloggi. Gli episodi di peste intorno al 1630 furono però fonte di nuove divisioni: per evitare l'esodo degli studenti, molti collegi si fortificarono lasciando fuori i bisognosi[67].

Oggi queste rivalità appartengono principalmente al passato, anche grazie all'aumento della ricchezza e delle opportunità di lavoro che l'università ha fornito nel suo lungo corso[68]. La crescita esponenziale delle aziende tecnologiche, biotecnologiche e di servizi è stata soprannominata The Cambridge Phenomenon: nella regione si sono infatti registrate 1500 nuove imprese e l'aggiunta di 40000 nuovi posti di lavoro fra il 1960 ed il 2010, tutte legate alla presenza dell'università[69].

Vita studentesca[modifica | modifica sorgente]

Unione studenti[modifica | modifica sorgente]

La Cambridge University Students' Union (CUSU), fondata nel 1964 con il nome di Student Representative Council (SRC), rappresenta automaticamente tutti gli studenti dell'università, iscritti d'ufficio all'associazione al momento dell'arrivo a Cambridge. Essa è controllata da sei o sette membri che si dedicano a tempo pieno per la Union, essendo spesso studenti che si sono laureati l'anno precedente e hanno deciso di prendere un periodo sabbatico. Si occupa del rapporto fra gli studenti e l'organizzazione centrale, promuovendo riforme e dialogando con il vice-cancelliere e la Senate House; programma anche vari eventi sociali durante l'anno accademico[70].

Societies[modifica | modifica sorgente]

A Cambridge esistono molti piccoli gruppi, definiti Societies, che raccolgono gli studenti interessati a particolari ambiti: numerose sono le società che uniscono studenti provenienti da una particolare nazione, organizzando feste tradizionali non osservate nel Regno Unito e promuovendo incontri per far conoscere la propria lingua o cultura. Le societies non ricevono alcun introito finanziario dall'università stessa, e quindi debbono autofinanziarsi attraverso i propri membri o chiedere aiuto alla Students' Union[71]; al 2010 vi sono più di 700 Societies iscritte all'albo[72].

L'arrivo della regata Oxford-Cambridge del 2002

Sport[modifica | modifica sorgente]

Cambridge mantiene una lunga tradizione negli sport. Il più praticato e popolare è il canottaggio, data la vicinanza con il fiume Cam: famose sono le bumps, particolari gare fra gli equipaggi dei diversi collegi dove una serie di imbarcazioni partono a distanza ravvicinata per rincorrersi lungo il percorso. L'obiettivo è riuscire a toccare (bump) l'avversario di fronte: chi ha successo nell'impresa può partire dalla posizione superiore il giorno successivo e così via fino a raggiungere la Head of the River (testa della corsa)[73]. Annualmente si tiene la regata Oxford-Cambridge (The Boat Race) dove, lungo il Tamigi, gareggiano i due equipaggi migliori delle due istituzioni; per gli altri sport esistono i Varsity Matches, tenuti sempre contro la rivale Oxford.

Gli atleti che competono in alcuni sport possono richiedere l'assegnazione del Cambridge Blue, che prende il nome dal colore ufficiale delle squadre universitarie: l'attribuzione del premio è a discrezione di un comitato, l'Hawks' Club, e va solo a chi si è distinto particolarmente sul campo[74].

Radio, giornali, musica e teatro[modifica | modifica sorgente]

Gli studenti hanno fondato, insieme ai colleghi della Anglia Ruskin University, una loro stazione radio, denominata Cam FM, che dà l'opportunità ai giovani interessati al giornalismo di condurre un loro programma radio e di informare e commentare sugli eventi sportivi, musicali e teatrali della settimana nella città[75]. La scena musicale e teatrale è molto sviluppata, con produzioni studentesche come quelle dei Footlights, che negli anni hanno sfornato artisti di gran calibro, e gruppi quali la Cambridge University Musical Society che organizza numerosi concerti e quattro differenti orchestre con direttori professionisti[76]. Vi sono tre principali giornali prodotti dagli universitari: il Varsity, fondato nel 1947[77], il The Cambridge Student (TCS), suo rivale più giovane[78] e il The Tab, pubblicato dal 2009 e avente un tono più umoristico rispetto agli altri due[79].

JCR e MCR[modifica | modifica sorgente]

Ogni collegio ha un JCR (Junior Combination Room) ed un MCR (Middle Combination Room), rispettivamente per gli undergraduates e i postgraduates. Tutti gli studenti del collegio fanno parte del JCR o dell'MCR: annualmente vengono eletti diversi rappresentanti che si occupano di condividere le opinioni dei giovani nelle riunioni e discussioni con il collegio e anche di organizzare eventi come il Fresher's week, la settimana in cui arrivano le matricole (i freshers) ad inizio ottobre. È anche responsabilità di questi comitati assicurare il benessere individuale dei suoi membri, provvedendo a fornire consigli utili o a indirizzare lo studente in difficoltà verso le persone giuste. Ogni JCR e MCR ha un presidente che si incontra regolarmente con i suoi colleghi tramite la Student's Union, la quale offre anche piccoli corsi di formazione[80].

La Survivor's Photo (foto dei sopravvissuti) al termine di un May Ball

Formal Halls e May Balls[modifica | modifica sorgente]

I collegi offrono vari eventi ufficiali durante l'anno come cene e balli per festeggiare la fine del trimestre o degli esami, o per dare la possibilità agli studenti di rilassarsi e prendere una pausa dal lavoro. Molto nota è la Formal Hall, che si tiene a cadenza regolare durante il term e consiste in una cena formale nella sala grande del collegio. Per l'occasione vengono sfoggiati vestiti accademici sopra un abito da sera o uno smoking. I Fellows siedono ad un tavolo rialzato (high table) dopo aver pronunciato una preghiera in latino e la cena viene poi servita. In occasione di feste come il Natale il menu è più ricco e la cerimonia più stravagante[81].

Dopo il periodo di esami si tiene il May Week, settimana di festa che è in realtà nel mese di giugno, poco prima che i risultati delle prove vengano pubblicati. Sono organizzati dei balli, denominati May Ball, che durano tutta la notte e nei quali vengono offerte varie forme di intrattenimento musicale, fuochi d'artificio, cibo e bevande. La domenica di quella settimana prende il nome di Suicide Sunday, ed è la data preferita per organizzare i Garden Party, buffet all'aperto nei giardini del collegio[82].

Struttura accademica[modifica | modifica sorgente]

Corsi di laurea[modifica | modifica sorgente]

Tutti i corsi di livello undergraduate, chiamati Tripos, portano all'ottenimento di un Bachelor of Arts, o BA Hons. (Cantab), dopo tre anni di studi. Ogni Tripos è diviso in diverse parti (Parts) che corrispondono agli anni di studio; è possibile combinare Parts fra Tripos diversi, ma è necessario completarne un certo numero per poter arrivare alla laurea. Di solito gli studenti completano tutte le Parts di un singolo Tripos. Alcuni corsi, come ingegneria e scienze naturali, offrono un quarto anno, al termine del quale si ottiene un Master[83].

Un'altra particolare condizione richiesta agli studenti è quella di "keeping terms", ovverosia essere fisicamente presenti nella città di Cambridge, entro un raggio di 10 miglia dalla Church of St Mary the Great, per l'intera durata dei tre Full Term annuali: questo requisito, previsto dallo statuto dell'università, va rispettato per almeno nove trimestri (dodici nel caso della laurea a livello Master)[84].

Per convenzione, chi possiede un BA assegnato da Cambridge ha automaticamente diritto di ricevere un Master of Arts (MA), una laurea di livello superiore nel Regno Unito, dopo sei anni dalla data di registrazione all'università. Esso viene conferito senza aver bisogno di sottoporsi ad alcuna prova d'esame[85]. Questo sistema, in comune con Oxford, è stato duramente criticato nel tempo, fino ad essere considerato offensivo verso coloro che devono invece frequentare un ulteriore ciclo di studi per l'MA[86]. Le due università non hanno però espresso il desiderio di cambiare questa contestata tradizione[87].

Esistono infine programmi di scambio che permettono a chi già possieda un diploma da un'università affiliata a Cambridge di ottenere un BA in soli due anni: chi prende parte a questa opportunità è definito un Affiliated student[88]. Cambridge ha anche una forte collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology (MIT) dal 2000, grazie alla quale riesce a godere di scambi studenteschi della durata di un anno fra i due istituti[89].

La Old Court del Peterhouse, il primo collegio dell'università

Ricerca[modifica | modifica sorgente]

L'università possiede diversi laboratori ed ambienti di ricerca nei suoi vari dipartimenti. Cambridge è uno dei membri del Gruppo Russell che riunisce le università britanniche più all'avanguardia nella ricerca, nonché del gruppo di Coimbra. È considerata facente parte del Golden Triangle, un'area di grande concentrazione di prestigiosi istituti di studio superiore all'interno del Regno Unito, e di varie alleanze internazionali come l'International Alliance of Research Universities e la League of European Research Universities. Nel 2009, i gruppi di ricerca hanno attirato 266.9 milioni di sterline in donazioni: molti provengono da consigli nazionali di ricerca e da associazioni di beneficenza[90].

I dottorandi lavorano in genere verso l'ottenimento del PhD, che è offerto da tutti i dipartimenti. Essi fanno parte di uno specifico gruppo entro il quale sono invitati a lavorare indipendentemente per sviluppare nuove teorie o esperimenti. Il completamento del ciclo di studi richiede almeno tre anni, nel corso dei quali gli allievi sono invitati a partecipare attivamente alla vita accademica e sociale del loro dipartimento, aiutando i giovani studenti nelle supervision e offrendo presentazioni e resoconti sul progresso del loro lavoro[91].

Esami pubblici[modifica | modifica sorgente]

L'università è anche responsabile della redazione di diversi esami pubblici nel Regno Unito e di varie altre prove di valutazione distribuite in tutto il mondo. Sono inclusi gli esami dell'OCR (Oxford, Cambridge and RSA Examinations), fra i quali gli A-level e i GCSE[92], gli esami ESOL per l'accertamento del livello di conoscenza della lingua inglese[93] e diversi test richiesti per l'ammissione alle università britanniche, come il BMAT e lo STEP[94]. Esiste un dipartimento specifico per queste mansioni, che prende il nome Cambridge Assessment e fu fondato nel 1858 come associazione no-profit[95].

Processo di ammissione[modifica | modifica sorgente]

Come ogni altra università pubblica britannica, l'ammissione a Cambridge per i corsi di laurea prevede il completamento di una domanda on-line sul sito dell'UCAS (Universities and Colleges Admission Services). La domanda però deve essere fatta in anticipo rispetto al normale (entro il 15 ottobre dell'anno precedente all'entrata), e richiede un processo di selezione aggiuntivo, durante il quale gli studenti vengono chiamati ed ospitati dal collegio prescelto per un certo numero di giorni in modo da eseguire dei test e partecipare ad un colloquio con alcuni professori del collegio. Il colloquio è uno dei fattori determinanti per l'entrata; a coloro che supereranno la prova, verrà fatta un'offerta condizionata al raggiungimento di specifici voti agli A-Level britannici[96]. Vengono accettate anche un numero elevato di qualificazioni internazionali, come il Baccellierato Internazionale o quello europeo[97]. Nel 2006, il 94% dei candidati è riuscito poi a ottenere tutte A agli A-Levels, il risultato più elevato, dimostrando l'abilità di coloro che fanno domanda d'ammissione; nello stesso anno la percentuale degli studenti internazionali è stata quasi del 17%[98].

La cappella dell'Emmanuel College

Per assicurarsi l'ingresso dei migliori studenti esiste la Winter Pool: attraverso questo sistema buoni candidati che abbiano subito una forte competizione nel collegio prescelto vengono raccomandati a quei collegi che hanno invece registrato poche domande per una particolare materia[99]. Il numero totale di domande si aggira intorno a 15000, a fronte di 3400 posti disponibili annualmente; il numero di offerte, che include anche chi fallisce l'obiettivo di ottenere i voti richiesti, è circa 4000, delle quali 800 tramite la Winter Pool[100]. Nel 2009, i corsi con più richieste rispetto alla disponibilità sono stati medicina ed architettura[101].

Dell'ammissione di studenti PhD invece si occupano i singoli dipartimenti, e non i collegi.

Nel Regno Unito il dibattito sulle possibilità di accesso a università prestigiose come Cambridge da parte di studenti provenienti da scuole pubbliche è molto forte: si stima che nel 2009 il 60% circa degli studenti a Cambridge provenisse da una scuola pubblica, a fronte del 93% dei ragazzi inglesi che le frequentano[102]. Negli ultimi anni la proporzione di studenti da scuole private è diminuita, anche a seguito di incentivi da parte dello Stato verso criteri di ammissione più equilibrati[103][104].

Cerimonia di laurea[modifica | modifica sorgente]

La processione dei laureandi all'entrata della Senate House prima della cerimonia

La cerimonia con cui si conferiscono i diplomi di laurea è un'antica tradizione che ha le sue origini fin dagli albori dell'istituzione. La celebrazione, denominata General Admission è definita come una Congregation: tutti i membri della Regent House hanno diritto a prendervi parte e a votare, come in qualunque altro atto formale. È perciò nel loro potere obiettare in qualunque momento della funzione al conferimento della laurea ad un particolare studente[105].

Ogni studente è tenuto a vestirsi secondo dei canoni ben precisi, che variano in dipendenza dal tipo di laurea che si va a ricevere: è obbligatoria la caratteristica toga (simile a una mantella, o a una lunga giacca) che incorpora uno speciale cappuccio[106].

Ogni laureando viene presentato da un Praelector, che gli tiene la mano destra, con una formula precisa. La cerimonia si svolge interamente in latino. Lo studente si inginocchia di fronte al vice-Cancelliere dell'università (o a chi ne fa le veci) che gli stringe le mani mentre recita la frase con cui determina l'ammisione alla laurea, benedicendolo. Il neo-laureato poi esce dalla Senate House, nella quale si svolge la cerimonia al cospetto del pubblico, per ritirare il diploma. Studenti dai diversi collegi vengono presentati in un ordine specifico, con i tre Royal Colleges (King's, Trinity e St. John's) che hanno la precedenza[107].

Reputazione[modifica | modifica sorgente]

Posizione nelle league tables[modifica | modifica sorgente]

L'università ha ottenuto risultati notevoli nelle classifiche delle migliori istituzioni di studio stilate da diversi gruppi, sia a livello nazionale che mondiale. La tabella seguente riassume la posizione raggiunta da Cambridge in alcune League tables nel corso degli anni:

La Great Court del Trinity College
Anno QS World University Rankings (Mondo) Academic Ranking of World Universities (Mondo) The Times (GB) The Guardian (GB) The Sunday Times (GB) The Independent (GB) The Daily Telegraph (GB)
2012       1[108] 1 1  
2011 1[109] 5[6] 2[110] 2[111]   2  
2010 1[109] 5[6] 2[112] 2[113]   2[114]  
2009 2[109] 4[6] 2[115] 2   2[116]  
2008 3[109] 4[6] 2[117] 2[118] 1[119] 1  
2007 2[109] 4[6] 2[120]   1   1[121]
2006 2[109] 2[6] 2[122] 1[123] 1[124]    
2005 3[109] 2[6] 2[125] 2[126] 1[124]    
2004   3[6] 2[127] 1[128] 1    
2003   5[6] 2[129] 1[130] 1   1[131]
2002     2[132] 1[132] 1[132]   1[132]

Classifica dei collegi[modifica | modifica sorgente]

A testimonianza della rivalità fra i college, esiste anche una graduatoria interna che riflette la prestazione negli esami universitari. Essa è denominata Tompkins Table ed è compilata annualmente da Peter Tompkins, un ex-studente del Trinity College, e pubblicata dal giornale The Independent[133]. La classifica tiene conto della percentuale di First Class, il voto più elevato negli esami, ricevuti dagli studenti dei singoli collegi. L'Emmanuel, il Trinity e il Christ's College hanno una forte tradizione negli studi e si contendeno frequentemente il primo posto nella Table[134][135].

Docenti e personaggi illustri[modifica | modifica sorgente]

Scienza[modifica | modifica sorgente]

88 premi Nobel sono stati conseguiti da ricercatori affiliati con l'università; sono state assegnate agli accademici di Cambridge anche 8 medaglie Fields e 2 premi Abel.

Oltre agli scienziati già menzionati, vanno annoverati numerosi matematici come William Oughtred, inventore della scala logaritmica; G. H. Hardy, J. E. Littlewood e A. De Morgan, tre dei più importanti matematici puri del XX secolo; John Wallis, a cui si attribuisce l'introduzione del calcolo infinitesimale; e Srinivasa Ramanujan, un bambino prodigio indiano che contattò dei professori di Cambridge, gli unici che potessero comprendere il suo genio.

Cambridge è anche considerato il luogo dove nacque il moderno computer, dato che il matematico Charles Babbage fu il primo a concepire uno strumento in grado di eseguire calcoli in modo semi-automatico; Alan Turing e Maurice Wilkes svilupparono l'idea iniziale, risalente al XIX secolo. È sempre qui che fu inventata la webcam, piazzata di fronte ad una macchina del caffé come modo per sapere quando fosse il miglior momento per prendere una pausa dal laboratorio[136].

Nella fisica nucleare si contano personaggi del calibro di Ernest Rutherford, considerato il padre della materia, Niels Bohr che sviluppò uno dei più importanti modelli atomici, James Chadwick, scopritore dell'esistenza del neutrone, John Cockcroft e Ernest Walton che per primi ottennero la disintegrazione del nucleo mediante protoni. Robert Oppenheimer, responsabile del Progetto Manhattan per la costruzione della prima bomba atomica fu anch'egli uno studente a Cambridge sotto la supervisione di Rutherford e Thompson.

Gli astronomi John Herschel e Arthur Eddington spesero molto del loro tempo a Cambridge, come Paul Dirac, uno dei pionieri della meccanica quantistica. Stephen Hawking, il primo a studiare le singolarità gravitazionali è stato Professore Lucasiano per ben 30 anni, il termine più lungo in assoluto, ed è un fellow al Gonville and Caius College[137]. Martin Rees, astronomo reale dal 1995 e presidente della Royal Society è anche Master del Trinity College.

Altri scienziati significativi includono Frank Whittle, co-inventore del motore jet, William Fox Talbot, che inventò la macchina fotografica, Alfred North Whitehead, considerato il principale rivale di Albert Einstein poiché propose una teoria della relatività alternativa mai accettata dal mondo scientifico, Jagadish Chandra Bose, pioniere della radio e Georges Lemaître, che per primo teorizzò il Big Bang.

Arti[modifica | modifica sorgente]

Nelle arti, l'insegnamento del greco antico fu introdotto da Erasmo da Rotterdam durante i pochi anni in cui fu professore presso l'università; anche Richard Porson e Richard Bentley insegnarono qui. La collaborazione fra il docente John Chadwick, di Cambridge, e l'architetto Michael Ventris, ebbe successo nel decifrare la scrittura Lineare B nel 1953. Alfred Edward Housman insegnò a Cambridge ed è conosciuto come poeta. Simon Ockley diede grandi contributi agli studi arabi.

John Maynard Keynes, considerato uno dei più grandi economisti del XX secolo, trascorse molta della sua vita all'università di Cambridge

Per l'economia vanno ricordati John Maynard Keynes, Thomas Robert Malthus, Alfred Marshall, Milton Friedman, Joan Robinson, l'italiano Piero Sraffa e il premio Nobel Amartya Sen. Fra i filosofi vanno menzionati Francesco Bacone, Bertrand Russell, Ludwig Wittgenstein, Leo Strauss, George Santayana, Gertrude Elizabeth Margaret Anscombe, Karl Popper, Bernard Williams, Muhammad Iqbal, George Edward Moore e fra gli storici Thomas Babington Macaulay, Frederic William Maitland, Lord Acton, Joseph Needham, Edward Carr, Hugh Trevor-Roper, Edward Palmer Thompson, Eric Hobsbawm, Niall Ferguson e Arthur Schlesinger Jr..

Fra le figure religiose, notevoli sono Rowan Williams, l'arcivescovo di Canterbury; William Tyndale, che tradusse la Bibbia in inglese; Thomas Cranmer, Hugh Latimer e Nicholas Ridley, martiri ad Oxford; Benjamin Whichcote, fondatore della scuola platonica a Cambridge; William Paley; William Wilberforce e Thomas Clarkson, attivisti per l'abolizione della tratta degli schiavi; nonché tre vincitori del premio Templeton[138].

I compositori Ralph Vaughan Williams, Charles Villiers Stanford, Orlando Gibbons e più recentemente Thomas Adès e John Rutter furono tutti a Cambridge. Artisti come Quentin Blake, Roger Fry e il fotografo Cecil Beaton furono undergraduates presso l'università.

Il drammaturgo elisabettiano Christopher Marlowe fu uno dei più importanti scrittori cantabrigensi, affiancato dai suoi contemporanei Thomas Nashe e Robert Greene: insieme sono considerati alcuni dei primi autori per professione e collettivamente soprannominati University wits. Furono a Cambridge anche John Fletcher, che ebbe poi una lunga collaborazione con William Shakespeare nell'ambiente teatrale; Samuel Pepys, autore di un celeberrimo diario che cominciò a scrivere dieci anni dopo la permanenza nella città universitaria; Laurence Sterne, considerato l'autore di una delle opere che più ha influenzato la letteratura moderna europea, il Tristram Shandy; e nel secolo successivo William Makepeace Thackeray, di cui si ricorda il romanzo La fiera della vanità, e Samuel Butler, conosciuto per le opere satiriche Così muore la carne e Erewhon. Fra i modernisti si annoverano Edward Morgan Forster, Vladimir Vladimirovič Nabokov, Christopher Isherwood e Malcolm Lowry. Pur non essendo una studentessa, Virginia Woolf scrisse alcuni dei suoi saggi più prestigiosi, come Una stanza tutta per sé, mentre si trovava al Newnham College. Il noto autore di romanzi per bambini Alan Alexander Milne, il fisico e scrittore Charles Percy Snow, l'autore di romanzi fantascientifici Clive Staples Lewis, lo scrittore di testi teatrali John Boynton Priestley, e i postmoderni Eudora Welty, Kingsley Amis, James Graham Ballard, Iris Murdoch, Patrick White e Montague Rhodes James frequentarono tutti questa istituzione di studi inglese. La lista include anche i più contemporanei Antonia Susan Byatt, Margaret Drabble, Douglas Adams, Salman Rushdie, Nick Hornby, Zadie Smith, Howard Jacobson, Robert Harris, Jin Yong, Michael Crichton, Sebastian Faulks, Julian Fellowes, Michael Frayn, Alan Bennett e Peter Shaffer.

Hugh Laurie è fra i personaggi televisivi che hanno studiato a Cambridge

Fra i poeti, possono essere citati Alfred Edward Housman, Robert Herrick, William Wordsworth, John Donne, Alfred Tennyson, George Gordon Byron, Rupert Brooke, John Dryden, Siegfried Sassoon, Ted Hughes, Sylvia Plath, John Milton, George Herbert, Samuel Taylor Coleridge, Thomas Gray, Edmund Spenser, Cecil Day-Lewis mentre fra i critici letterari Frank Raymond Leavis, William Empson, Lytton Strachey, I. A. Richards, Raymond Williams, Harold Bloom, Terry Eagleton e Stephen Greenblatt.

Anche molti volti noti nel mondo dello spettacolo hanno studiato a Cambridge, fra i quali Ian McKellen, Derek Jacobi, Michael Redgrave, James Mason, Emma Thompson, Stephen Fry, Hugh Laurie, John Cleese, Eric Idle, Graham Chapman, Simon Russell Beale, Tilda Swinton, Thandie Newton, Rachel Weisz, Sacha Baron Cohen, Tom Hiddleston e Eddie Redmayne come pure i registi Mike Newell, Sam Mendes, Stephen Frears, Paul Greengrass e John Madden.

Sport[modifica | modifica sorgente]

L'Università è nota anche per i risultati negli sport, come testimoniano i più di 50 medagliati ai giochi olimpici[139]. Altri atleti noti sono Deng Yaping, sei volte campionessa del mondo di tennis-tavolo; Harold Abrahams, sulle cui imprese è basata la pellicola Momenti di gloria e George Mallory che perse la vita nella prima spedizione al monte Everest e fu forse il primo uomo a conquistarne la vetta.

Inoltre, John Harvard, fondatore della celeberrima università statunitense, studiò a Cambridge, come pure molti dei professori che per primi insegnarono lì.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Infine, va ricordato come Cambridge abbia sfornato ben 15 primi ministri britannici, compreso Robert Walpole, considerato il primo di questi, e 23 fra capi di Stato e di Governo in tutto il mondo[140].

Letteratura e cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

La Old Court del Clare College

L'università, data la sua longevità e fama, è nominata in molte opere:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le fabbriche dei Nobel, la classifica degli atenei che hanno formato i vincitori del premio, Il Sole 24 ORE, 12 ottobre 2009. URL consultato il 3 maggio 2012.
  2. ^ a b c (EN) Early Records, University of Cambridge. URL consultato il 30 aprile 2012.
  3. ^ a b (EN) Student numbers 2009-2010 (PDF), Cambridge University Press. URL consultato il 18 settembre 2011.
  4. ^ a b (EN) Facts and Figures January 2012 (PDF), University of Cambridge. URL consultato il 29 aprile 2012.
  5. ^ Identity Guidelines – Colour (PDF), University of Cambridge Office of External Affairs and Communications. URL consultato il 28 marzo 2008.
  6. ^ a b c d e f g h i j (EN) Performance in Academic Ranking of World Universities, Academic Ranking of World Universities. URL consultato il 30 aprile 2012.
  7. ^ (EN) Top European Universities 2010-2011, The Times. URL consultato il 29 aprile 2012.
  8. ^ Nella classifica delle "eccellenze" Cambridge sorpassa Harvard in La Repubblica, 8 settembre 2010. URL consultato il 29 aprile 2012.
  9. ^ (EN) Nobel Prize Winners, University of Cambridge. URL consultato il 29 aprile 2012.
  10. ^ Leedham-Green, op. cit., p. 3
  11. ^ (EN) J.A. Hammerton, Wonderful Britain: Its Highways, Byways & Historic Places, The Fleetway House, 1925. URL consultato il 29 aprile 2012.
  12. ^ (EN) Hilde De-Ridder Symoens, A History of the University in Europe: Universities in the Middle Ages, Cambridge University Press, 2003, p. 89. ISBN 9780521541138
  13. ^ Hackett, op. cit., pag. 178
  14. ^ (EN) Homerton becomes a full Cambridge College, Universities Guide. URL consultato il 30 aprile 2012.
  15. ^ (EN) The Physical Setting of the University, University of Cambridge. URL consultato il 3 maggio 2012.
  16. ^ (EN) Roger Thompson, Mobility and Migration: East Anglian Founders of New England, 1629-1640, University of Massachusetts Press, 2009. ISBN 9781558497962
  17. ^ Winstanley, op. cit., p. 169.
  18. ^ (EN) Maths prodigy Arran Fernandez is the youngest Cambridge fresher since 1773, The Independent, 6 ottobre 2010. URL consultato il 30 aprile 2012.
  19. ^ (EN) Mathematics at the University of Cambridge, Massachusetts Institute of Technology. URL consultato il 30 aprile 2012.
  20. ^ (EN) Abel Prize 2004 (PDF), The Norwegian Academy of Science and Letters. URL consultato il 29 aprile 2012.
  21. ^ (EN) Abel Prize 2008 goes to Humboldtian, Alexander von Humboldt-Stiftung/Foundation. URL consultato il 29 aprile 2012.
  22. ^ (EN) Fields Medal, Wolfram MathWorld. URL consultato il 18 settembre 2011.
  23. ^ (EN) Cambridge University Act 1856, The National Archives. URL consultato il 2 maggio 2012.
  24. ^ (EN) Biography - The Hon. Richard Fitzwilliam, University of Cambridge. URL consultato il 2 maggio 2012.
  25. ^ Taylor, op. cit., pag. 22
  26. ^ ISBN 9780950734316 Cambridge University Physics Society, A Hundred Years and More of Cambridge Physics, Cambridge University Physics Society, 1995.
  27. ^ (EN) The Revived University of the Nineteenth and Twentieth Centuries, University of Cambridge. URL consultato il 2 maggio 2012.
  28. ^ (EN) The University after 1945, University of Cambridge. URL consultato il 2 maggio 2005.
  29. ^ (EN) At last, a degree of honour for 900 Cambridge women, The Independent, 31 maggio 1998. URL consultato il 30 aprile 2012.
  30. ^ (EN) David Else, Oliver Berry, Great Britain, Lonely Planet, 2005, p. 454. ISBN 9781740599214
  31. ^ (EN) St Hilda's to end 113-year ban on male students, The Daily Telegraph, 8 giugno 2006. URL consultato il 29 aprile 2012.
  32. ^ (EN) Cambridge Mathematical Tripos: Wooden Spoons, University of Cambridge. URL consultato il 3 maggio 2012.
  33. ^ (EN) Choir that sings to the world in BBC News, 24 dicembre 2011. URL consultato il 17 aprile 2012.
  34. ^ (EN) History of the Bridge at Queens', Queens' College Cambridge. URL consultato il 29 aprile 2012.
  35. ^ (EN) Trinity reclaims place as top Cambridge college, The Independent, 14 luglio 2009. URL consultato il 29 aprile 2012.
  36. ^ (EN) History and Aims of Churchill College, Churchill College. URL consultato il 29 aprile 2012.
  37. ^ (EN) The Colleges of the University, University of Cambridge. URL consultato il 1º maggio 2012.
  38. ^ Conosciuto precedentemente con il nome di New Hall
  39. ^ (EN) Westcott House and the University of Cambridge, Westcott House. URL consultato il 1º maggio 2012.
  40. ^ (EN) The Tripos in Theology and Religious Studies, Cambridge Theological Federation. URL consultato il 1º maggio 2012.
  41. ^ (EN) Glossary of Cambridge jargon, Queens' College Cambridge. URL consultato il 24 aprile 2012.
  42. ^ (EN) Cambridge considers end to one-to-one tuition, The Guardian, 25 gennaio 2011. URL consultato il 1º maggio 2012.
  43. ^ (EN) Inside Cambridge: Steampunk, Specimens and Supervisions, The Huffington Post, 20 gennaio 2012. URL consultato il 30 aprile 2012.
  44. ^ (EN) Supervisions and Supervisors, Faculty of Divinity, University of Cambridge. URL consultato il 1º maggio 2012.
  45. ^ (EN) About the Schools, Faculties & Departments, University of Cambridge. URL consultato il 30 aprile 2012.
  46. ^ (EN) University of Cambridge Term dates, University of Cambridge. URL consultato il 29 aprile 2012.
  47. ^ (EN) The Academic Experience of Students in English Universities (2007 report), Higher Education Policy Institute. URL consultato il 29 aprile 2012.
  48. ^ (EN) Vice-Chancellor's Office, University of Cambridge. URL consultato il 3 maggio 2012.
  49. ^ (EN) List of former Chanchellors, University of Cambridge. URL consultato il 25 aprile 2012.
  50. ^ (EN) Constituencies - Cambridge University, The History of Parliament Trust. URL consultato il 3 maggio 2012.
  51. ^ (EN) Cambridge University Reporter, University of Cambridge. URL consultato il 25 aprile 2012.
  52. ^ (EN) Duties of the General Board, University of Cambridge. URL consultato il 25 aprile 2012.
  53. ^ (EN) Cambridge tops university rich list, Financial Times, 15 settembre 2010. URL consultato il 29 aprile 2012.
  54. ^ (EN) The Scholarship: History, The Gates Cambridge Scholarship. URL consultato il 25 aprile 2012.
  55. ^ (EN) Bill Gates, The Honorary Knight, Information Week, 26 gennaio 2004. URL consultato il 25 aprile 2012.
  56. ^ (EN) While the 800th Anniversary Campaign has reached completion, Cambridge's fundraising continues, University of Cambridge Development Office, 10 giugno 2010. URL consultato il 25 aprile 2012.
  57. ^ (EN) Legal Deposit in the British Library, The British Library Board. URL consultato il 30 aprile 2012.
  58. ^ (EN) Parker Library, Corpus Christi College. URL consultato il 29 aprile 2012.
  59. ^ (EN) The Garden, Cambridge University Botanical Garden. URL consultato il 29 aprile 2012.
  60. ^ (EN) Oldest printing and publishing house, Guiness World Records. URL consultato il 29 aprile 2012.
  61. ^ (EN) Population Estimates for UK, England and Wales, Scotland and Northern Ireland, Mid-2010, Office for National Statistics, 2010. URL consultato il 23 aprile 2012.
  62. ^ (EN) A brief history of punting, Cambridge River Tour. URL consultato il 23 aprile 2012.
  63. ^ (EN) Official map, University of Cambridge. URL consultato il 23 aprile 2012.
  64. ^ (EN) History of the School, School of Clinical Medicine, University of Cambridge. URL consultato il 23 aprile 2012.
  65. ^ (EN) West Cambridge Site, University of Cambridge. URL consultato il 23 aprile 2012.
  66. ^ (EN) What makes Cambridge a model cycling city? in The Guardian, 17 agosto 2011. URL consultato il 23 aprile 2012.
  67. ^ (EN) Alexandra Shepard, Phil Withington, Communities in Early Modern England: Networks, Place, Rhetoric, Manchester University Press, 2000, pp. 216-234. ISBN 9780719054778
  68. ^ (EN) Is Town v Gown a thing of the past?, Cambridge News, 7 ottobre 2008. URL consultato il 2 maggio 2012.
  69. ^ (EN) What is the Cambridge Phenomenon?, Cambridge Phenomenon. URL consultato il 3 maggio 2012.
  70. ^ (EN) A brief history of CUSU, Cambridge University Students' Union, 12 aprile 2012. URL consultato il 18 aprile 2012.
  71. ^ (EN) Societies at Cambridge University, Cambridge University Students' Union, 4 marzo 2012. URL consultato il 18 aprile 2012.
  72. ^ (EN) Societies directory, Cambridge University Students' Union, 12 gennaio 2010. URL consultato il 18 aprile 2012.
  73. ^ (EN) An Introduction to the Bumps, First and Third Trinity Boat Club. URL consultato il 18 aprile 2012.
  74. ^ (EN) Origins of the Cambridge Blue, Hawks' Club. URL consultato il 27 aprile 2012.
  75. ^ (EN) History of Cam FM, Cam FM. URL consultato il 20 aprile 2012.
  76. ^ (EN) Cambridge University Musical Society: Introduction. URL consultato il 20 aprile 2012.
  77. ^ (EN) About Varsity, Varsity Publications ltd.. URL consultato il 20 aprile 2012.
  78. ^ (EN) About The Cambridge Student, The Cambridge Student. URL consultato il 20 aprile 2012.
  79. ^ (EN) About Us, Tab Publications. URL consultato il 20 aprile 2012.
  80. ^ (EN) Information for JCRs, MCRs and other Student Associations, Cambridge University Student's Union, 12 gennaio 2010. URL consultato il 24 aprile 2012.
  81. ^ (EN) Inside Cambridge: Fizz, Fellows and Formal Hall, The Huffington Post, 5 gennaio 2012. URL consultato il 25 aprile 2012.
  82. ^ (EN) Living in Cambridge, Catalog. URL consultato il 25 aprile 2012.
  83. ^ (EN) The structure of undergraduate courses at the University of Cambridge, University of Cambridge. URL consultato il 25 aprile 2012.
  84. ^ (EN) University of Cambridge, Statutes and Ordinances of the University of Cambridge 2009, Cambridge University Press, 2009, pp. 179-180. URL consultato il 25 aprile 2012. ISBN 9780521137454
  85. ^ (EN) The Cambridge MA, University of Cambridge. URL consultato il 25 aprile 2012.
  86. ^ (EN) Oxbridge masters degrees 'offensive', says Cambridge don in The Daily Telegraph, 27 maggio 2010. URL consultato il 25 aprile 2012.
  87. ^ (EN) Tradition of Oxbridge 'free' Masters degrees under fire in The Daily Telegraph, 23 ottobre 2011. URL consultato il 25 aprile 2012.
  88. ^ (EN) Mature and affiliated students - Affiliated students, University of Cambridge. URL consultato il 26 aprile 2012.
  89. ^ (EN) Cambridge-MIT Exchange (CME), Massachusetts Institute of Technology. URL consultato il 26 aprile 2012.
  90. ^ (EN) Income - Research, University of Cambridge, 23 marzo 2011. URL consultato il 26 aprile 2012.
  91. ^ (EN) Glossary of Awards, University of Cambridge. URL consultato il 26 aprile 2012.
  92. ^ (EN) About OCR, OCR. URL consultato il 1º maggio 2012.
  93. ^ University of Cambridge ESOL Examinations, ESOL. URL consultato il 1º maggio 2012.
  94. ^ (EN) Cambridge Assessment Admissions Tests, British Council. URL consultato il 1º maggio 2012.
  95. ^ (EN) The University of Cambridge and Cambridge Assessment, Cambridge Assessment. URL consultato il 1º maggio 2012.
  96. ^ (EN) Undergraduate Study - Applying, University of Cambridge. URL consultato il 27 aprile 2012.
  97. ^ (EN) Undergraduate Study - Entrance Requirements, University of Cambridge. URL consultato il 27 aprile 2012.
  98. ^ (EN) Cambridge figures show rise in overseas students in The Guardian, 28 febbraio 2006. URL consultato il 27 aprile 2012.
  99. ^ (EN) Publications Downloads: Guide to the Winter Pool, University of Cambridge. URL consultato il 1º maggio 2012.
  100. ^ (EN) University application statistics, University of Cambridge. URL consultato il 1º maggio 2012.
  101. ^ (EN) Cambridge University reports record number of applications, The Daily Telegraph, 27 ottobre 2008. URL consultato il 1º maggio 2012.
  102. ^ (EN) State school participation rate in BBC News, 4 giugno 2009. URL consultato il 18 settembre 2011.
  103. ^ (EN) State school participation rate in BBC News, 4 giugno 2009. URL consultato il 27 aprile 2012.
  104. ^ (EN) Fair enough - Good and bad incentives for universities to broaden their intake in The Economist, 25 febbraio 2012. URL consultato il 27 aprile 2012.
  105. ^ (EN) Degree Cerimonies, University of Cambridge. URL consultato il 23 aprile 2012.
  106. ^ (EN) Academical dress, University of Cambridge. URL consultato il 24 aprile 2012.
  107. ^ (EN) The Ceremony, University of Cambridge. URL consultato il 24 aprile 2012.
  108. ^ (EN) University Guide 2012: Cambridge tops the Guardian league table, The Guardian, 16 maggio 2011. URL consultato il 17 aprile 2012.
  109. ^ a b c d e f g (EN) QS World University Rankings, Quacquarelli Symonds Limited. URL consultato il 30 aprile 2012.
  110. ^ (EN) John O'Leary, Patrick Kennedy; Nicki Horseman, The Times Good University Guide 2011, HarperCollins UK, 2010. ISBN 9780007356140
  111. ^ (EN) University guide 2011: University league table, The Guardian, 8 giugno 2012. URL consultato il 30 aprile 2012.
  112. ^ (EN) John O'Leary, Patrick Kennedy; Nicki Horseman, The Times Good University Guide 2010, HarperCollins UK, 2009.
  113. ^ University guide 2010: University league table, The Guardian, 12 maggio 2009. URL consultato l'8 agosto 2009.
  114. ^ (EN) The main league table 2010, The Independent. URL consultato il 30 aprile 2012.
  115. ^ (EN) John O'Leary, Patrick Kennedy; Nicki Horseman, The Times Good University Guide 2009, Times Books, 16 giugno 2008. ISBN 9780007273539
  116. ^ (EN) The main league table 2009, The Independent, 24 aprile 2008. URL consultato il 30 aprile 2012.
  117. ^ The Times Good University Guide 2008 in The Times. URL consultato il 3 novembre 2007.
  118. ^ (EN) Oxford tops Guardian university league tables, The Guardian, 1º maggio 2007. URL consultato il 30 aprile 2012.
  119. ^ The Sunday Times Good University Guide League Tables in The Sunday Times. URL consultato il 3 novembre 2007.
  120. ^ (EN) John O'Leary, Bernard Kingston; Andrew Hindmarsh, The Times Good University Guide 2007, Times Books, 5 giugno 2006. ISBN 9780007231485
  121. ^ University league table in The Daily Telegraph, 30 luglio 2007. URL consultato il 29 ottobre 2007.
  122. ^ (EN) John O'Leary, The Times Good University Guide 2006, Times Books, 6 giugno 2005. ISBN 9780007203031
  123. ^ University ranking by institution in The Guardian. URL consultato il 29 ottobre 2007.
  124. ^ a b The Sunday Times University League Table (PDF) in The Sunday Times. URL consultato il 3 novembre 2007.
  125. ^ (EN) John O'Leary, Andrew Hindmarsh, The Times Good University Guide 2005, HarperCollins, 2004. ISBN 9780007165247
  126. ^ University ranking by institution in The Guardian. URL consultato il 29 ottobre 2007.
  127. ^ (EN) Andrew Hindmarsh, Bernard Kingston; John O'Leary, The Times Good University Guide 2004, Times Books, 2 giugno 2003. ISBN 9780007151851
  128. ^ (EN) The Guardian League Table 2004, The Guardian. URL consultato il 30 aprile 2012.
  129. ^ (EN) Andrew Hindmarsh, Bernard Kingston; John O'Leary, The Times Good University Guide 2003, Times Books, 3 giugno 2002. ISBN 9780007126484
  130. ^ (EN) Oxbridge tops Guardian college league tables, The Guardian, 20 maggio 2003. URL consultato il 30 aprile 2012.
  131. ^ (EN) Who really is top of the league?, The Daily Telegraph, 25 giugno 2003. URL consultato il 30 aprile 2012.
  132. ^ a b c d (EN) Academic Statistics 2002, Università di Warwick. URL consultato il 1º maggio 2012.
  133. ^ (EN) First-class arts and humanities students help Trinity to top place in Cambridge league table in The Independent, 18 luglio 2011. URL consultato il 24 aprile 2012.
  134. ^ (EN) Matt Mayer, Tompkins Table 2000-2007. URL consultato il 24 aprile 2012.
  135. ^ (EN) Trinity keeps top spot in Cambridge league table in The Independent, 1º settembre 1998. URL consultato il 24 aprile 2012.
  136. ^ (EN) Quentin Stafford-Fraser, The Life and Times of the First Web Cam in Communications of the ACM, luglio 2001. URL consultato il 17 aprile 2012.
  137. ^ (EN) Hawking, Stephen — Mathematics, Gonville & Caius College, Cambridge. URL consultato il 19 aprile 2012.
  138. ^ (EN) Templeton Prize, John Templeton Foundation. URL consultato il 22 aprile 2012.
  139. ^ (EN) Cambridge University Sports, Cambridge.net. URL consultato il 22 aprile 2012.
  140. ^ (EN) Why Cambridge?, Cambridge Judge Business School. URL consultato il 22 aprile 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Anonimo, A Concise and Accurate Description of the University, Town and County of Cambridge: Containing a Particular History of the Colleges and Public Buildings, Cambridge University Press, 2009, ISBN 978-1-108-00065-9.
  • (EN) Charles Benstead, Portrait of Cambridge, Londra, Hale, 1968, ISBN 0-7091-0112-0.
  • (EN) William Combe, A History of the University of Cambridge, Its Colleges, Halls and Public Buildings, Ackermann, 1815.
  • (EN) Charles Henry Cooper, Memorials of Cambridge, Cambridge University Press, 2012, ISBN 978-1-108-04395-3.
  • (EN) G. R. Evans, The University of Cambridge: A New History, I.B. Tauris, 2009, ISBN 1-84885-115-4.
  • (EN) Martin Garrett, Cambridge: A Cultural and Literary History, Signal Books, 2004, ISBN 978-1-902669-79-3.
  • (EN) M.B. Hackett, The Original Statutes of Cambridge University: The Text and Its History, Cambridge University Press, 1970, ISBN 978-0-521-07076-8. URL consultato il 29 aprile 2012.
  • (EN) Michael Hall, Ernest Frankl, Cambridge, 5ª ed., Pevensey Press, 1993, ISBN 978-0-907115-63-2.
  • (EN) Peter Michael Harman, Simon Mitton, Cambridge Scientific Minds, Cambridge University Press, 2002, ISBN 978-0-521-78612-6.
  • (EN) Kevin C. Knox, Richard Noakes, From Newton to Hawking: A History of Cambridge University's Lucasian Professors of Mathematics, Cambridge University Press, 2003, ISBN 978-0-521-66310-6.
  • (EN) Damien Leader, Christopher Nugent Lawrence Brooke, A history of the University of Cambridge: The University to 1546, Cambridge, Cambridge University Press, 1988, ISBN 978-0-521-32882-1.
  • (EN) Elisabeth Leedham-Green, A concise history of the University of Cambridge, Cambridge, Cambridge University Press, 1996, ISBN 978-0-521-43978-7.
  • (EN) Rita McWilliams Tullberg, Women at Cambridge, Cambridge University Press, 1998, ISBN 978-0-521-64464-8.
  • (EN) Victor Morgan, A History of the University of Cambridge: Volume 2, Cambridge University Press, 2004, ISBN 978-0-521-35059-4.
  • (EN) Heather Peek, Catherine Hall, The Archives of the University of Cambridge: An Historical Introduction, Cambridge University Press, 1962, ISBN 978-0-521-05936-7.
  • (EN) Walter William Rouse Ball, A History of the Study of Mathematics at Cambridge, BiblioBazaar, 2009, ISBN 978-1-116-14987-6.
  • (EN) Jonathan Smith, Christopher Stray, Teaching and Learning in Nineteenth-Century Cambridge, Boydel Press, 2001, ISBN 978-0-85115-783-2.
  • (EN) Frank H. Stubbings, Bedders, Bulldogs, and Bedells: A Cambridge Glossary, Cambridge University Press, 1995, ISBN 978-0-521-47978-3.
  • (EN) Kevin Taylor, Central Cambridge: A Guide to the University and Colleges, Cambridge University Press, 1994, ISBN 978-0-521-45913-6.
  • (EN) University of Cambridge, Statutes and Ordinances of the University of Cambridge 2009, Cambridge University Press, 2009, ISBN 978-0-521-13745-4.
  • (EN) Kim Wallis, Andrew Pearce, Cambridge: A photographic collection, Fotogenix Publishing, 2004, ISBN 0-9547355-0-1.
  • (EN) Helena Webster, Cambridge: an architectural guide, Ellipsis, 2000, ISBN 978-1-899858-78-1.
  • (EN) Robert Willis, John Willis Clark, The Architectural history of the University of Cambridge and of the colleges of Cambridge and Eton, Cambridge University Press, 1998, ISBN 978-0-521-35851-4.
  • (EN) Denys Arthur Winstanley, Early Victorian Cambridge, Ayer Publishing, 1977, ISBN 978-0-10-510024-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]