Ian McEwan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ian McEwan

Ian McEwan (Aldershot, 21 giugno 1948) è uno scrittore inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È nato nel 1948 ad Aldershot e vive ad Oxford. È autore di due raccolte di racconti e di dieci romanzi. Tutti i suoi libri vengono pubblicati in Italia da Einaudi.

La sua prima pubblicazione è la collezione di brevi racconti Primo amore, ultimi riti nel 1975. Nel 1998 fa discutere la sua premiazione al Booker Prize per il romanzo Amsterdam. Il libro del 1997 L'amore fatale, su una persona affetta dalla Sindrome di de Clerambault, viene da molti considerato un capolavoro, ma anche il suo romanzo Espiazione, ha ricevuto critiche egualmente favorevoli.

Nel marzo e nell'aprile 2004, solo qualche mese dopo che il governo britannico lo aveva invitato a presenziare a una cena in onore della First Lady Laura Bush, a McEwan è stato negato l'ingresso negli Stati Uniti dal Dipartimento per la Homeland Security non essendo provvisto del visto corretto per un soggiorno di lavoro (lo scrittore si accingeva a tenere una serie di lezioni dietro compenso). Solo dopo diversi giorni di esposizione del caso sulla stampa britannica a McEwan è stato concesso l'ingresso, a ragione del fatto che, come illustrato da un funzionario di frontiera, «siamo ancora dell'avviso che lei non dovrebbe entrare, ma il suo caso ci sta procurando un danno di immagine.»

Sposato due volte, dalla prima moglie ha avuto due figli lungamente contesi; nel 2002 scoprì di avere un fratellastro maggiore che la madre aveva dato in adozione durante la II Guerra Mondiale nella quale era morto il primo marito.[1].

Per due volte è stato accusato di plagio: la prima per il suo romanzo d'esordio "Il giardino di cemento"[2] e la seconda per "Espiazione".[3][4]

Il suo romanzo Chesil Beach, è stato pubblicato il 6 novembre 2007 dalla casa editrice torinese Einaudi, che ha in catalogo tutti i suoi libri, per la traduzione di Susanna Basso.

È soprannominato "Ian Macabre" per i toni cupi di molte delle sue narrazioni.[5]

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

Narrativa per bambini[modifica | modifica sorgente]

Trasposizioni cinematografiche[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiature[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 2000

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alan Cowell, Ian McEwan's life takes twist with discovery of a brother in International Herald Tribune, 17 gennaio 2007. URL consultato il 23 marzo 2007.
  2. ^ Alan Cowell, Eyebrows Are Raised Over Passages in a Best Seller by Ian McEwan in The New York Times, 28 novembre 2006. URL consultato il 7 luglio 2010.
  3. ^ Alan Cowell, Eyebrows Are Raised Over Passages in a Best Seller by Ian McEwan in The New York Times, 28 novembre 2006.
  4. ^ Julia Langdon, Ian McEwan accused of stealing ideas from romance novelist in The Daily Mail (London), 25 novembre 2006. URL consultato il 7 luglio 2010.
  5. ^ "Ian McEwan: Here's the twist", [1].

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 109587997 LCCN: n79008865