Louise Lehzen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disegno della baronessa Luisa Lehzen (1784-1870), governante della regina Vittoria del Regno Unito

Baronessa Luise (nome tedesco, non inglese) Lehzen (Coburgo, 3 ottobre 1784Germania, 9 settembre 1870) fu la governante, ed in seguito consigliere e compagna alla regina Vittoria del Regno Unito.

Precettore della Principessa Vittoria[modifica | modifica wikitesto]

Louise Lehzen nacque a Coburgo in Baviera figlia di un Pastore Luterano. Faceva parte del seguito della Principessa Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld e e servì come bambinaia della Principessa Feodora di Leiningen, figlia della principessa nata dal suo primo matrimonio con il Principe di Leiningen. La Principessa Vittoria sposò in seguito il Principe Edoardo Augusto, Duca di Kent e Strathearn, che a quel tempo era quarto in linea al Trono Britannico. La famiglia intera si trasferì in Inghilterra nel 1819 in modo che il bambino della nuova duchessa di Kent potesse nascere lì, il rafforzando il diritto del bambino al trono. Il neaonato era una bambina, battezzata Alessandrina Vittoria in onore di sua madre e del suo padrino lo Zar Alessandro I di Russia. Sarebbe cresciuta diventando la Regina Vittoria.

Il Duca di Kent morì improvvisamente nel 1820, seguito rapidamente da suo padre Re Giorgio III. Lo zio di Vittoria, il Principe Reggente, salì al trono con il nome di Giorgio IV. Vittoria era ora terza in linea al trono dopo i suoi zii, il Duca di York e il Duca di Clarence, entrambi dei quali erano ben oltre la mezza età, e nessuno dei due aveva eredi legittimi. In quanto probabile erede, Vittoria doveva essere educata di conseguenza. Sfortunatamente per lei, la Duchessa di Kent era vicino alla bancarotta, dopo essersi arrogata tutti i debiti di suo marito, e non poteva permettersi di assumere una nuova governante. Fedora aveva 14 anni, e non aveva più bisogno dei servizi di una governante. Fu così che Louise Lehzen venne a guadagnare un così notevole ascendente sulla giovane principessa. Diventò governante della Principessa Vittoria nel 1824 e continuò ad instruire e curare Vittoria persino dopo che la Duchessa di Northumberland fu formalmente designata Governante. "La Cara e Buona Lehzen" venne ad occupare un posto nel cuore di Vittoria che superò tutti gli altri, persino la sua stessa madre, la Duchessa di Kent.

L'educazione che Vittoria ricevette da questa donna fu rudimentale ma solida. Imparò a parlare francese, tedesco ed inglese, ebbe una buona padronanza di storia e geografia e divenne esperto in materia religiosa. Tuttavia, la sua educazione fu quasi completamente carente nelle materie da studiare adatte per un futuro monarca, come la letteratura classica, la filosofia e la politica estera. La Lehzen aveva scarsa conoscenza di queste materie.

Confidente della Regina del Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1827, il Duca di York morì rendendo il Duca di Clarence erede presuntivo. Giorgio IV morì nel 1830 e gli successe suo fratello che diventò Re Guglielmo IV. Guglielmo riconobbe Vittoria come sua erede e creò la Lehzen una Baronossa di Hannover. In quel periodo ebbe luogo la famosa scena in cui la Lehzen fece scivolare fuori una copia della genealogia del Casato di Hannover da uno dei libri di lezione della Principessa. Dopo aver riflettuto per qualche tempo, Vittoria notò che suo padre sarebbe stato il prossimo in linea al trono dopo il Re, e che la Regina Adelaide non aveva figli. Quella fu la prima volta che Vittoria realizzò il destino che era stato assunto da molti fin dalla sua nascita; che sarebbe diventata la prossima regina inglese. Dopo una pausa, Vittoria avrebbe detto "Io sarò buono."

Quando Vittoria salì al trono nel 1837, dopo la morte di suo zio Re Guglielmo IV, la Lehzen si insediò a Buckingham Palace come una sorta di segretario privato non ufficiale. A quel punto la Lehzen aveva totalmente rimpiazzato la madre di Vittoria sia negli affetti che nell'influenza; gli appartamenti della Lehzen confinavano con quelli della Regina, mentre la Duchessa di Kent fu sistemata in una serie di stanze lontane da quelle di Vittoria. Per i primi anni di regno di Vittoria, e specialmente prima del suo matrimonio con il Principe Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha nel 1840, la Lehzen ebbe un'influenza molto forte sulle vedute della regina sia in ambito politico che nelle questioni personali, nonostante il fatto che lei non fosse apertamente coinvolta negli affari di Stato.

Soppiantata da Alberto, Principe consorte[modifica | modifica wikitesto]

L'arrivo di Alberto, il principe consorte, cambiò le cose. Alberto era ben educato; aveva appena completato un tour in Europa, preceduto da anni presso l'Università di Bonn. La corte inglese fu inoltre sbigottita dalla sua sensibilità puritana tedesca.

Alberto fece notare alla moglie gli sprechi e le inefficienze che la circondavano, ma la cura della famiglia era la mansione speciale della baronessa Lehzen, e Vittoria la difese. La Lehzen, nonostante la crescente devozione di Vittoria verso suo marito, non esitò a tramare contro quest'ultimo, ricordando a Vittoria che lei era la Regina ed Alberto un semplice consorte: in altre parole, lei doveva dare gli ordini e lui doveva obbedire.

Quando il primo figlio di Vittoria, la Principessa Vittoria, nacque il 22 novembre del 1840, Vittoria affidò alla Lehzen la gestione del personale e degli appartamenti della bambina, la quale a sua volta affidò il compito nelle mani di Mrs. Southey e Sir James Clark, il medico reale, contro le obiezioni di Alberto che riteneva Clark era del tutto inadeguato all'impiego, dopo che aveva screditato sé stesso durante la vicenda di Lady Flora Hastings un anno prima.

In seguito la Principessa Reale si ammalò, ma Clarck diagnosticò che si trattava di una colica di nessuna importanza e non vi era motivo per preoccuparsi. Le condizioni della giovane principessa si aggravarono seriamente. Alberto, che era devoto alla sua primogenita, affrontò Vittoria sulla scelta del personale selezionato dalla Baronessa. Ci fu una lite, dopo di che Alberto dichiarò che avrebbe lasciato la vicenda in mano regale, e la responsabilità sarebbe stata sua se la bambina fosse morta. Dopo questa discussione, Vittoria si affidò a lui, e licenziò la Lehzen.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Quando la Lehzen fu licenziata dalla corte nel 1842 ritornò nella sua nativa Germania. Visse con la pensione che Vittoria le spediva, e tappezzò le pareti della sua casa con qualsiasi ritratto della regina che riusciva a trovare o ritagliare dai giornali. Continuò a considerare Vittoria con affettuosa commozione e spesso scriveva alla regina, che di tanto in tanto rispondeva al suo perduto mentore. La baronessa Lehzen morì nel 1870.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]