Martino I di Aragona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martino I
Martino I il Vecchio o l'Umano; (Monastero di Santa Maria di Poblet, 1400);
Martino I il Vecchio o l'Umano;
(Monastero di Santa Maria di Poblet, 1400);
Re della Corona d'Aragona
In carica 1396 - 1410
Predecessore Giovanni I il Cacciatore
Successore Ferdinando I
Nome completo Martín
Altri titoli Re di Valencia, di Sardegna, di Corsica e di Maiorca, Conte di Barcellona e delle altre contee catalane e anche di Sicilia
Nascita Girona, 29 luglio 1356
Morte Barcellona, 31 maggio 1410
Casa reale casato di Barcellona
Padre Pietro IV il Cerimonioso
Madre Eleonora di Sicilia
Consorte Maria de Luna
Margherita di Prades
Figli Martino il Giovane
Giacomo
Giovanni e
Margherita, di primo letto

Martino di Aragona, detto l'Umano (l'Humà) o l'Ecclesiastico (Girona, 29 luglio 1356Barcellona, 31 maggio 1410), fu re di Aragona, Valencia, Sardegna e Maiorca, re titolare di Corsica, conte di Barcellona, Rossiglione, Cerdagna ed Empúries dal 1396 al 1410, primo duca di Montblanc dal 1387 al 1396. Fu anche re di Sicilia (come Martino II di Sicilia, anche Martino II di Trinacria o Martino il Vecchio) dal 1409 al 1410. Fu l'ultimo discendente del casato di Barcellona, la linea maschile legittima dei "conti-re" discendenti da Goffredo il Villoso, a regnare sull'Aragona.

Corona d'Aragona
Casa di Barcellona
Arms of Aragonese Monarchs (13th-15 centuries).svg

Alfonso II (1164 - 1196)
Pietro II (1196 - 1213)
Figli
Giacomo I (1213 - 1276)
Pietro III (I di Valencia) (1276 - 1285)
Alfonso III (I di Valencia)
Giacomo II (I di Sicilia)
Alfonso IV (II di Valencia)
Pietro IV (II di Valencia)
Figli
Giovanni I
Martino I (II di Sicilia)
Figli

Origini familiari[modifica | modifica wikitesto]

Figlio secondogenito del re di Aragona, di Valencia, di Maiorca,di Sardegna e di Corsica e Conte di Barcellona e delle altre contee catalane Pietro IV il Cerimonioso[1], e della sua terza moglie, Eleonora di Sicilia.[2][3][4][5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il re Martino il Vecchio
Firma di Martino il Vecchio
Piazza del Re a Barcellona, la residenza dei conti di Barcellona dal secolo XIII. Questa torre è detta di Martino I

Martino nacque nel 1356, a Girona o forse a Perpignan. Il padre lo designò conte di Besalù[3].
Nel 1368, fu nominato Siniscalco della Catalogna.

Il 13 giugno 1372, a Barcellona, Martino sposò Maria de Luna, figlia del conte de Luna e signore di Segorbe (Castellón), don Lope, e di Brianda d'Agaout.

Nel 1378 il padre lo nominò signore e reggente della Sicilia, la cui regina, Maria di Sicilia, cugina di Martino, era ancora in minor età (il padre di Maria, Federico IV di Sicilia, era morto nel 1377).
Dato che il fratello maggiore di Martino ed erede al trono, Giovanni era rimasto vedovo, in quello stesso 1378, il padre, Pietro IV, che aveva l'obiettivo di estendere i domini della Corona d'Aragona anche sulla Sicilia, spinse Giovanni a sposare la regina di Trinacria, Maria di Sicilia, affinché non sposasse il duca di Milano, Giangaleazzo Visconti, con cui i notabili siciliani erano in contatto; ma Giovanni rifiutò[3], obbligando Pietro IV a intervenire in Sicilia.

Il testamento della sorellastra Giovanna, contessa di Empúries (Infantissa Johanna…Petri…Regis Aragonum filia, consorsque…domini Johannis comitis Impuriarum) datato 12 agosto 1384, dove chiede di essere sepolta nel Monastero di Santa Maria di Poblet (in Monasterio Poupuleti) nomina esecutori Martino col padre ed il fratello Giovanni (Dominum Regem patrem nostrum…infantem Johannem ducem Gerunde et comitem Cervarie fratrem nostrum et…infantem Martinum fratrem nostrum)[3].

In quanto principe cadetto della famiglia reale aragonese, a Martino fu assegnato il Ducato di Monblanch, dal fratello salito sul trono di Aragona come Giovanni I, molto probabilmente, nel 1388, dopo la morte, di Giacomo, l'unico figlio maschio ancora in vita di Giovanni I[3].

Il figlio di Martino, Martino il Giovane, di circa diciassette anni, nel 1391, fu fatto sposare con la non più giovane regina di Sicilia. La Sicilia (o regno di Trinacria) era perciò destinata a perdere l'indipendenza e divenire un feudo dei discendenti di Martino. Martino il Giovane, unico figlio ancora in vita di Martino il Vecchio, infatti, dopo il matrimonio, lasciò l'Aragona e arrivato a Palermo, fu incoronato, assieme a Maria, re di Sicilia e divenne Martino I di Sicilia.
I siciliani non gradivano troppo il matrimonio aragonese (anche perché il matrimonio era stato celebrato dall'antipapa Clemente VII, ed i siciliani erano sostenitori di papa Urbano VI e poi di papa papa Bonifacio IX) e guidati dalla famiglia Alagona, si ribellarono già, nel 1392, e da quella data si opposero alla autorità aragonese.
Martino il Vecchio, nello stesso 1392, fu inviato in Sicilia a capo di una spedizione (che era stata organizzata per intervenire in Sardegna[6], ma durante il viaggio fu dirottata in Sicilia) per aiutare il figlio, Martino il Giovane e la regina, Maria. L'arrivo di Martino il Vecchio in Sicilia portò alla conquista di Trapani e Palermo, ma non riuscì a sconfiggere gli oppositori, che resistettero sino al 1398, anno in cui ritornò la pace e il figlio e la nuora poterono governare nuovamente tutta l'isola[3].

Nel 1396, Martino successe al fratello maggiore Giovanni I (morto senza figli maschi viventi) sul trono di Aragona[3]. Al momento della successione Martino si trovava in Sicilia[3], a causa della rivolta della nobiltà, e sua moglie, Maria di Luna, aveva reclamato il trono in suo nome, ed aveva agito quale sua rappresentante[3], in attesa del suo ritorno. Martino il Vecchio poté rientrare in Aragona solo nel 1397, ciò nonostante, il suo arrivo ritardato fu all'origine di tensioni e problemi per la stabilità del regno.
Il suo diritto al trono venne infatti contestato, dal conte di Foix, Matteo (1363-1398), a nome di sua moglie Giovanna, figlia maggiore di Giovanni I di Aragona. Matteo, approfittando dell'assenza di Martino, nel 1396, tentò di invadere l'Aragona, ma Maria con l'aiuto del conte di Urgell, Pietro II riuscì a frenare l'attacco[3], che fu fermato e respinto e l'invasione del regno fu un insuccesso e, dopo il suo arrivo, Martino I convocò Giovanna e Matteo in un'assemblea a Barcellona e confiscò loro tutti i domini del conte di Foix[3], ossia la contea di Foix e le viscontee di Béarn e di Castellbó.
Dopo la morte, senza figli, di Giovanna (1407), fu la sorellastra, l'altra figlia di Giovanni I, ancora in vita, Iolanda di Aragona, che, nel 1404, aveva sposato Luigi II d'Angiò, conte di Provenza e Re titolare di Napoli, a reclamare il trono dallo zio, e lo stesso poi fecero i suoi figli[3].

Il 13 ottobre del 1397, Martino il Vecchio, a Saragozza, giurò sui fueros, come era stato stabilito da suo padre, Pietro IV, ed il 13 aprile del 1399, nella stessa città, fu incoronato re.

Martino promosse crociate contro i Mori in Nordafrica nel 1398 e nel 1399.

Alla morte del conte di Empúries, Pietro d'Aragona (ca. 1380- ca. 1402), che, nel 1401, la contea di Empúries fu incamerata nella Corona d'Aragona, da Martino I il Vecchio o l'Umanista[3].

Perdurando nella chiesa cattolica il grande scisma, Martino e la corona d'Aragona, assieme a Castiglia, Navarra e Scozia, furono i più calorosi sostenitori del nuovo antipapa Benedetto XIII, Pedro Martínez de Luna, parente di sua moglie che era stato eletto papa il 28 settembre 1394; quando abbandonato dai francesi, il papa de Luna era praticamente assediato nel suo palazzo di Avignone, Martino con le sue truppe, nel 1403, lo andò a liberare e lo condusse sano e salvo nel palazzo dei de Luna a Peñíscola (Valencia).

Gli Aragonesi avevano cercato di sottomettere la Sardegna fin dal regno di Giacomo II, e, alleati col Giudicato d'Arborea, avevano gradualmente conquistato parte dell'isola. Ma negli anni Ottanta del '300, durante il regno di Pietro IV e poi di Giovanni I il Giudicato di Arborea ruppe l'alleanza e mosse guerra alla corona d'Aragona, sotto la guida dei sovrani Mariano IV di Arborea e poi dei figli, Ugone III de Bas-Serra ed Eleonora d'Arborea reggente per i propri figli, Federico e Mariano Doria-Bas; dopo un conflitto lungo e sanguinoso, gli arborensi riuscirono ad unire sotto la propria bandiera tutta l'Isola, lasciando in mano ai regnicoli solamente il porto di Cagliari e quello di Alghero, allo stremo della loro resistenza.
Re Martino il Vecchio, dopo la morte di Eleonora e cinque anni dopo quella del giovane erede al trono Mariano V, approfittando della grave crisi di successione aperta tra i pretendenti al trono, chiese al figlio Martino il Giovane di riconquistare l'Isola. Martino il Giovane arrivò sull'isola, nell'ottobre del 1408. Nello stesso tempo nel mese di dicembre fu chiamato in Sardegna dalla corona de logu il duca di Narbona, Guglielmo III, figlio di Beatrice de Bas-Serra, terzogenita di Mariano IV e sposa di Amerigo VI visconte di Narbona, il quale fu incoronato giudice il 13 gennaio a Oristano.
Falliti i tentativi di raggiungere un accordo diplomatico con Guglielmo III, il conflitto si riaccese violentemente e il 30 giugno del 1409, nelle campagne vicino al borgo fortificato di Sanluri fu combattuta una cruenta battaglia ricordata come la battaglia di Sanluri. Martino il Giovane, il 4 luglio 1409, vinse lo scontro e gli arborensi furono costretti a cedere anche Villa di Chiesa. Venticinque giorni dopo la battaglia, però, Martino il Giovane moriva di malaria, a Cagliari.

Quindi, nel 1409, Martino I di Aragona, alla morte del figlio, Martino il Giovane (Martino I di Sicilia), che era vedovo di Maria di Sicilia (con la morte di Maria di Sicilia si ebbe l'estinzione della linea diretta della casa di Aragona-Sicilia), divenne il primo pretendente al trono di Sicilia, in quanto figlio di Eleonora di Sicilia (Leonora di Trinacria), che era la zia di Maria, ossia la sorella di suo padre.
martino il Vecchio divenne quindi anche re di Sicilia, col nome di Martino II di Sicilia.
Con la morte di Martino I il Giovane (1409), re di Sicilia o di Trinacria, la Sicilia, entrando a far parte della corona di Aragona, perse definitivamente l'indipendenza politica, e, unificato de facto e poi anche de jure col regno di Napoli, seguirà le sorti politiche del resto dell'Italia Meridionale per poi giungere all'Unità d'Italia nel 1861.

Dopo la morte del figlio legittimo, re Martino nominò il marito di sua sorellastra Isabella, il conte di Urgell, Giacomo II[7], discendente in linea maschile da Alfonso IV il Benigno, e quindi il più prossimo della Casa Reale di Aragona, governatore generale di tutti i domini della corona d'Aragona[3], posizione che apparteneva tradizionalmente al presunto erede al trono.

Regno di Sicilia
Casa di Barcellona
Arms of the Aragonese Kings of Sicily.svg

Pietro I (Pietro III d'Aragona)
Giacomo I (Giacomo II d'Aragona)
Federico III
Figli
Pietro II
Ludovico
Figli
  • Antonio
  • Luigi
Federico IV
Figli
Maria
Figli
  • Pietro
Martino il giovane
Figli
Martino il vecchio
Figli
Modifica

Inoltre sempre, nello stesso anno Martino si sposò, in seconde nozze, con Margherita di Prades (1395-1422), figlia di Pietro di Prades, barone di Entença (discendente diretto di Giacomo II il Giusto) e di Giovanna di Cabrera.

Complessivamente, la Corona d'Aragona godette della pace esterna durante il regno di Martino ed egli lavorò per sedare le lotte interne causate dalle rivolte dei nobili e dal banditismo.

Quando Martino morì a Barcellona, nel 1410, i suoi discendenti legittimi (nati dal matrimonio con la regina Maria) erano già tutti deceduti, egli non aveva avuto nessun figlio dalla seconda moglie, Margherita di Prades, aveva revocato, per le pressioni del vescovo di Saragozza, il titolo di governatore a Giacomo II di Urgell e non aveva ancora portato a termine la pratica di riconoscimento di suo nipote Federico di Luna, conte di Luna, figlio illegittimo di Martino il Giovane e della sua amante Tarsia Rizzari di Catania; seguì perciò un periodo di incertezza detto l'interregno, che durò due anni e che, essendo l'opinione pubblica molto divisa tra i vari pretendenti (cinque: oltre ai due su menzionati vi erano Alfonso d'Aragona, duca de Gandia, nipote, per linea maschile, di Giacomo II il Giusto; Luigi III d'Angiò, duca di Calabria, nipote, attraverso sua madre, Iolanda di Aragona, di Giovanni I di Aragona e Ferdinando di Trastamara, el de Antequera, figlio di Eleonora d'Aragona, sorella di Martino il Vecchio), portò l'Aragona sull'orlo della guerra civile.
Le cortes di Catalogna, di Valencia e d'Aragona decisero per un arbitrato, nominarono tre rappresentanti per regno, trascurando però di invitare i rappresentanti di Maiorca, Sicilia e Sardegna: i nove delegati scelsero tra i cinque pretendenti e, col (Compromesso di Caspe), del 1412, decisero che sarebbe stato sovrano della corona d'Aragona e re di Sicilia Ferdinando el de Antequera, infante del castigliano casato di Trastamara.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Compromesso di Caspe.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Martino da Maria di Luna ebbe quattro figli:[3][4][8]

mentre non ebbe figli da Margherita di Prades.[3][4][8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pietro IV il Cerimonioso era il figlio maschio secondogenito del re d'Aragona, di Valencia e di Sardegna, conte di Barcellona, di Urgell, di Empúries e delle altre contee catalane, Alfonso il Benigno e della sua prima moglie, la contessa di Urgell, Teresa di Entenza, figlia di Gombaldo, barone di Entença e signore di Alcolea, e di Costanza d'Antillón, erede della contea di Urgell
  2. ^ Eleonora di Sicilia era la figlia terzogenita del re di Trinacria, Pietro II, quarto re della dinastia aragonese e di Elisabetta di Carinzia, figlia di Ottone III del Tirolo e di Eufemia di Slesia-Liegnitz.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Reali di Aragona
  4. ^ a b c (EN) Casa di Barcellona- genealogy
  5. ^ (DE) Pietro IV di Aragona genealogie mittelalter
  6. ^ Durante gli ultimi anni di regno del fratello Giovanni I si ebbero problemi anche in Sardegna, che faceva parte della corona d'Aragona, a partire dal regno di Giacomo II; la rivolta era guidata dalla giudicessa, Eleonora d'Arborea e dal marito Brancaleone Doria, che dal loro Regno cercavano di scacciare gli aragonesi dall'isola.
  7. ^ Giacomo II di Urgell era il figlio terzogenito (maschio primogenito) del conte di Urgel, visconte di Ager, barone di Entenza e Antillón, Pietro II, a sua volta figlio primogenito del conte di Urgel, visconte di Ager, barone di Entenza e Antillón, Giacomo I (figlio maschio terzogenito del re d'Aragona, di Valencia e di Sardegna, conte di Barcellona, di Urgell, di Empúries e delle altre contee catalane), Alfonso il Benigno
  8. ^ a b (DE) Martino I di Aragona genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guillaume Mollat, I papi di Avignone il grande scisma, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 531–568.
  • Rafael Altamira, Spagna, 1412-1516, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 546–575.
  • (CA) José Antonio Peña Martínez. Martí I l'Humà, un rei sense hereu: L'últim monarca català enterrat a Poblet. Vimbodí: Publicacions de l'Abadia de Poblet, 2010. ISBN 978-84-922583-8-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore:
Giovanni I
Stendardo del re d'Aragona.png
Re di Aragona, Valencia,
Sardegna e Maiorca
Conte di Barcellona

1396-1410
Successore:
Ferdinando I
Predecessore:
Martino I
Blason Sicile Insulaire.png
re di Trinacria

1409-1410



Controllo di autorità VIAF: 15574550 LCCN: n94088838