E quindi uscimmo a riveder le stelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Doré: E quindi uscimmo ...

E quindi uscimmo a riveder le stelle (Inferno XXXIV, 139), è l'ultimo verso dell'Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri. Dopo aver faticosamente attraversato la natural burella che collega l'Inferno alla spiaggia dell'Antipurgatorio, Dante e Virgilio alla fine contemplano lo stellato cielo notturno dell'altro emisfero: è un presagio del nuovo cammino di luce e di speranza dopo le tenebre precedenti, "come pura felicità dello sguardo".[1]

Le stelle, osservava Attilio Momigliano,[2] sono la meta di Dante e per questo motivo ricorrono nel verso finale di ogni cantica della Commedia: una rispondenza che «non è pura simmetria, ma espressione del motivo ideale che corre attraverso il poema e lo innalza costantemente verso la meta»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bianca Garavelli, in D. Alighieri, Inferno, Milano, Bompiani, 1993, p. 501.
  2. ^ Inferno, Firenze 1976.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura