Costanza di Staufen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Costanza di Svevia" rimanda qui. Se stai cercando l'omonima nipote, figlia di Manfredi di Sicilia e moglie di Pietro III d'Aragona, vedi Costanza di Hohenstaufen.
Regno di Sicilia
Hohenstaufen

King Manfred of Sicily Arms.svg

Costanza di Staufen, anche detta Anna di Sicilia (1230Valencia, aprile 1307), è stata un'imperatrice bizantina figlia di Federico II di Svevia e di Bianca Lancia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1244, a soli quattordici anni, andò in sposa al cinquantenne Giovanni III Ducas Vatatze (1221-1254) imperatore di Nicea, mutando il proprio nome in quello bizantino di Anna. Al matrimonio fu contrario papa Innocenzo IV, tanto che fece parte delle ragioni per la scomunica dell'imperatore Federico II nel 1245.

Morto Giovanni il 3 novembre 1254, a succedergli fu dapprima il figlio, Teodoro II Lascaris, e quindi, nel 1261, Michele VIII Paleologo che tentò di impalmare l'imperatrice vedova, divorziando dalla legittima moglie. Si opposero però a tale decisione sia il Consiglio di stato che il patriarca di Costantinopoli e Costanza da allora visse relegata a palazzo quasi come un ostaggio.

In seguito alla caduta della casata sveva dopo la battaglia di Benevento (1266), si rifugiò presso l'omonima nipote, figlia del fratello Manfredi e moglie di Pietro III d'Aragona. Stabilitasi a Valencia, nel monastero di Santa Barbara, vi morì anziana nell'aprile 1307.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]