Beatrice di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
dettaglio del matrimonio tra Beatrice di Borgogna e Federico Barbarossa

Beatrice di Borgogna-Ivrea (1145Besançon, 15 novembre 1184) fu contessa della Franca Contea di Borgogna-Ivrea e imperatrice del Sacro Romano Impero.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Nacque nel 1143, figlia unica, dal conte di Borgogna Rinaldo III e da Beatrice di Lorena, figlia di Simone I di Lorena.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Matrimonio di Beatrice di Borgogna e Federico Barbarossa
Giovanni Battista Tiepolo, 1751.

Nel 1148, alla morte del padre, gli successe nel titolo di contessa di Borgogna, all'età di 3 anni, sotto la tutela dello zio Guglielmo III di Mâcon o Guglielmo IV di Borgogna, conte di MâconReal Casa d´Ivrea, di Vienne e d'Auxonne, che governò in sua vece.

Lo zio Guglielmo non si accontentò della reggenza ma cercando di appropriarsi dei beni e dei titoli di Beatrice e tenendola praticamente prigioniera, tentò di spodestare la nipote.
L'imperatore Federico Barbarossa, nel 1152, dopo aver confermato, Rettore di Borgogna, Bertoldo IV di Zähringen, al posto del padre, Corrado I di Zähringen, morto in quello stesso anno, gli diede l'incarico di contrastare le brame di Guglielmo, ma pare senza grande successo.

Nel 1153, la corte del regno di Arles o delle due Borgogne, presieduta da Federico in persona, fu convocata a Besançon per imporre la propria autorità sul regno, ma sembra che non furono presi provvedimenti contro Guglielmo per il possesso della contea di Borgogna.

Nel 1156, il giorno di Pentecoste (17 giugno), a Würzburg Federico Barbarossa, che tre anni prima aveva divorziato dalla prima moglie, Adelaide di Vohburg, sposò Beatrice, che gli portò in dote la contea di Borgogna, vanificando così i tentativi di Guglielmo. Guglielmo comunque continuò a governare la contea di Borgogna sino alla sua morte, che avvenne nel 1157. Solo allora il nuovo conte consorte di Borgogna, Federico giunse a Besançon, dove tenne una dieta, con tutta la magnificenza imperiale, in cui tutti i nobili ed i vescovi della contea di Borgogna si affrettarono ad andare a rendergli omaggio.

Nel frattempo l'imperatore aveva iniziato con papa Alessandro III una lotta per imporre l'autorità imperiale alla chiesa ed in questa lotta Federico Barbarossa, che governava la contea in nome della moglie, ebbe l'appoggio della nobiltà non solo di Borgogna ma di tutto il regno di Arles, ad eccezione del conte di Moriana e Savoia, Umberto III.
Dopo la sconfitta subita a Legnano, nel 1176, gli appoggi alla sua politica declinarono[1] e per potersi ritirare dall'Italia si dovette comprare l'appoggio del conte di Moriana, Umberto III.

Nel 1177, dopo aver fatto la pace con Alessandro III, Federico e Beatrice si recarono ad Arles dove, dal metropolita di Arles, vennero incoronati[2], in pompa magna, re di Arles (o re delle due Borgogne), alla presenza di moltissimi ecclesiastici e nobili del regno tra cui spiccava Raimondo V di Saint-Gilles, conte di Tolosa e marchese di Provenza. In questa circostanza furono concessi parecchi privilegi, soprattutto agli ecclesiastici, in particolare ai vescovi di Ginevra e Sion, in lotta con il conte Umberto III, e a quelli di Valence e Die in lotta con i conti di Valentinois.

Beatrice morì all'età di trentotto anni, a Besançon, il 15 novembre del 1184, lasciando erede il marito Federico Barbarossa.
Beatrice riposa nella cripta della cattedrale di Spira, assieme alle spoglie della figlia Agnese, morta in quello stesso anno; mentre il suo cuore dovrebbe essere conservato nella vecchia abbazia benedettina di Jouhe-lès-Dole.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Beatrice e Federico ebbero 12 figli: *Sofia di Hohenstaufen (1161 - 1187.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il conte di Provenza, Raimondo Berengario II, che era divenuto fautore dell'imperatore dopo la sua vittoria sulla lega Lombarda, del 1162, nel 1176, gli voltò le spalle.
  2. ^ Federico Barbarossa fu reincoronato re di Arles, dall'arcivescovo di Vienne, il 27 aprile 1186, a Milano, in occasione del matrimonio di suo figlio Enrico con Costanza d'Altavilla (1154 - 27 novembre 1198).
Predecessore Contessa di Borgogna Successore
Rinaldo III 1148–1184 Federico Barbarossa

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Federico A. Rossi di Marignano, "Federico Barbarossa e Beatrice di Borgogna. Re e regina d'Italia", Oscar Mondadori 2009.
  • Austin Lane Poole, "Federico Barbarossa e la Germania", cap. XXIII, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 823-858.
  • Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", cap. XI, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 383-410.

Controllo di autorità VIAF: 52483022