Guglielmo I di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo ritratto in un dipinto della cattedrale di Saint Jean di Besançon

Guglielmo I di Borgogna, detto il Grande o l'Ardito, in francese Guillaume Ier de Bourgogne dit Guillaume le Grand ou Tête Hardie (1020Besançon, 1087), fu conte di Borgogna, conte di Mâcon e conte di Vienne.

Era figlio del conte di Borgogna, Rinaldo I e di Alice di Normandia, figlia del duca di Normandia, Riccardo II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1049 divenne conte di Vienne sposandone la terza contessa Stefania di Vienne (10351088), figlia di Gerardo di Vienne, che gli diede 13 figli, che riuscì a sistemare molto bene con un'ottima politica matrimoniale.

Nel 1057, alla morte del padre, gli subentrò nel titolo di conte di Borgogna.

Nel 1076 l'imperatore Enrico IV si oppose al potere del papa Gregorio VII, che lo scomunicò, screditandolo di fronte a tanti suoi vassalli e dando così inizio ad un periodo di lotta, tra il papato e l'impero, che portò profonde divisioni nella cristianità.

Nel 1078 il conte Guido II di Mâcon si fece monaco nell'abbazia di Cluny e cedette il titolo e tutte le terre al cugino, Guglielmo I di Borgogna.

Nel 1085, alla morte dell'arcivescovo di Besançon Ugo II di Salins, successore di Ugo I di Salins, Guglielmo I si affermò completamente, riuscendo a far eleggere arcivescovo, con il nome di Ugo III, il proprio figlio Ugo di Borgogna e contemporaneamente amministratore della diocesi l'altro figlio Guido di Borgogna (il futuro Papa Callisto II).

Durante il suo governo la famiglia divenne una delle più importanti e potenti d'Europa.

Alla sua morte, nel 1087, la salma fu inumata nella Cattedrale di San Giovanni a Besançon.

Gli succedettero nei titoli i figli Rinaldo II e Stefano I che morirono precocemente in Terra Santa, fatto che causò una notevole perdita di potere alla famiglia.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo I e Stefania ebbero 13 figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dove era morto il predecessore, papa Gelasio II (lì rifugiatosi per sfuggire all'antipapa Gregorio VIII)


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Louis Halphen, "Il regno di Borgogna", cap. XXV, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 807-821.
  • Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", cap. XI, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 383-410.
Predecessore Conte di Borgogna Successore
Rinaldo I 1057–1087 Rinaldo II e Stefano I
Predecessore Conte di Mâcon Successore
Guido II 1078–1087 Rinaldo II e Stefano I
Predecessore Conte di Vienne Successore
Stefania 1049–1087 Stefania