Berta di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Berta di Borgogna, da un manoscritto del XII secolo

Berta di Borgogna, Berthe in francese (Borgogna, tra il 963 e il 967[1][2][3][4]16 gennaio tra il 1010 e il 1016[1][2][3][4]), è stata contessa consorte della contea di Blois e poi regina consorte di Francia.

Origini famigliari[modifica | modifica sorgente]

Era la figlia secondogenita del re di Arles Corrado III di Borgogna[5] e della sua seconda moglie, Matilde di Francia (943-980), figlia del re di Francia Luigi IV e di Gerberga di Sassonia (913-984), e nipote di Enrico I l'Uccellatore[6].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo il Liber Modernorum Regum Francorum, Berta (Berta filia Conradi regis Burgundiæ) era la moglie del conte di Chartres, Oddone I[7] (Odone comite Carnotensium), sposato tra il 978 e il 980. Da un documento del 3 maggio 983, Oddone e Berta risulterebbero già sposati e con prole (Odo comes... Berte comitisse uxoris eius, majoris filii eius Teutboldi, minoris filii eius Odonis adhuc in cunabulo quiescentis)[1].

Berta di Borgogna, in un disegno di Charles Jauslin, pittore di argomenti storici
La scomunica di Roberto il Pio di Jean-Paul Laurens (1875) ritrae Berta e Roberto (Museo d'Orsay, Parigi)

Il monaco e cronista del XIII secolo Richer di Lorena riporta che il re di Francia, Roberto II il Pio[8] sposò Berta la moglie di Oddone (Berta Odonis uxor)[1]. Roberto si era invaghito di Berta e avrebbe desiderato sposarla: l'occasione si presentò allorquando quest'ultima, nel marzo del 996, rimase vedova di Oddone. Roberto, però, non solo era già sposato[9], ma era cugino di terzo grado di Berta ed era anche il padrino di uno dei suoi figli, due motivi per cui la loro unione era considerata un incesto: il matrimonio era perciò avversato dalla chiesa ed ostacolato dal padre di lui, Ugo Capeto.

Nel 996, alla morte del padre, Roberto rimase unico re di Francia: entro la fine di quello stesso anno o all'inizio del successivo, con la complicità dell'arcivescovo di Tours, Arcibaldo, sposò, in seconde nozze, la cugina Berta[1], nonostante l'opposizione di molti altri membri della chiesa, tra cui il papa Gregorio V. Fu così che nel 997 il Papa inflisse ai due coniugi sette anni di penitenza e, l'anno successivo, con la minaccia della scomunica (che poi fu comminata) e l'interdetto al regno di Francia, intimò a Roberto di ripudiare Berta a causa della loro consanguineità[1].

Nel 999 venne eletto Papa, col nome di Silvestro II, Gerberto di Aurillac, già insegnante di Roberto a Reims. I rapporti tra Roberto e Silvestro II erano decisamente migliori, ma la richiesta di ripudiare Berta fu ribadita nel 1001. Dato che i due non si separavano, la scomunica venne loro comminata[1]. Berta, d'altro canto, non era riuscita a dare figli a Roberto (se non uno, nato morto). Il re dovette così accettare, nel settembre del 1001[1], l'annullamento del matrimonio e fu costretto a separarsi da Berta.

Nel 1003, dopo che la prima moglie, Rosala, era morta, Roberto si sposò in terze nozze con Costanza d'Arles[10] (986-luglio 1034).

Anche se allontanata dalla Corte, Berta continuò a fregiarsi del titolo di Regina Francorum, come si vede in una donazione del 1004, fatta assieme al figlio, Oddone (Bertæ reginæ, Odonis comitis filii eius)[1], e in un'altra del 1005, fatta sempre assieme al figlio e alla nuora (Odonis comitis, Ermengardis uxoris eius, Bertæ reginæ)[1].


Il re, Roberto II, nel 1008, in reazione all'assassinio del suo favorito, il conte Ugo di Beauvais, che aveva servito la regina Berta, si recò a Roma nel tentativo, fallito, di ottenere il divorzio dalla terza moglie (Costanza d'Arles era ritenuta la mandante dell'omicidio) e riprendere in tal modo Berta[1], la quale, a seconda delle fonti, morì tra il 1010 ed il 1016.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Berta diede ad Arduino d'Ivrea, re d'Italia, marchese d'Ivrea:

A Roberto II di Francia diede solo un figlio nato morto, nel 999[11].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Reali di Borgogna
  2. ^ a b (EN) Casato dei Guelfi- genealogy
  3. ^ a b (EN) Berta di Borgogna -pedigree
  4. ^ a b (DE) Corrado I di Arles genealogie mittelalter
  5. ^ Corrado III di Borgogna era nato da Rodolfo II di Borgogna, primo re di Arles, e da Berta di Sassonia (907-966), detta la Filandina, figlia del duca di Svevia e di Sassonia Burcardo II.
  6. ^ Gerberga di Sassonia era infatti figlia di Enrico e di Matilde di Ringelheim.
  7. ^ Oddone era figlio di Tebaldo I di Blois e di Liutgarda di Vermandois, a sua volta figlia di Erberto II di Vermandois.
  8. ^ Nel dicembre del 987, il padre Ugo Capeto aveva associato al trono, mediante incoronazione, il figlio Roberto II per evitare che, alla sua morte, la successione potesse subire contestazioni.
  9. ^ Nel 988, Roberto II, sotto la pressione del padre aveva sposato Rosala, figlia del re di Italia, Berengario II e vedova del conte di Fiandra Arnolfo II. Di vent'anni più vecchia di lui, nel 992 era stata ripudiata da Roberto perché vecchia e sterile.
  10. ^ Costanza d'Arles era figlia del conte di Provenza Guglielmo I (ca.950-993) e di Adelaide d'Angiò (ca. 947-1026).
  11. ^ (EN) Capetingi- genealogy

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Louis Halphen, "Francia:gli ultimi Carolingi e l'ascesa di Ugo Capeto (888-987)", in Storia del mondo medievale, vol. II, Garzanti, 1999, pagg. 636-661.
  • Louis Halphen, "La Francia dell'XI secolo", cap. XXIV del vol. II della Storia del Mondo Medievale, ed. cit., pagg. 770-806.
  • Louis Halphen, "Il regno di Borgogna", cap. XXV del vol. II della Storia del Mondo Medievale, ed. cit., pagg. 807-821.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina di Francia Successore
Rosala d'Italia 996 - 1001 Costanza d'Arles