Rinaldo II di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rinaldo II di Borgogna, in francese Renaud II de Bourgogne (dicembre 1056 circa – 1097), fu conte di Borgogna e di Mâcon.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 1056 dal conte Guglielmo I di Borgogna e da Stefania di Vienne, figlia di Gerardo di Vienne. Era il fratello di Guido di Borgogna (1050-1124), futuro papa con il nome di Callisto II e di Raimondo di Borgogna (circa 10621107), futuro conte di Galizia e di Coimbra e futuro padre del re Alfonso VII di Castiglia che sarà detto l'imperatore di Spagna.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si sposò, molto giovane, con la contessa Regina d'Oltingen, figlia ed erede del conte Conone d'Oltingen (contea della regione di Basilea, nell'attuale Svizzera tedesca).

Nel 1087, alla morte del padre, gli succedette nel titolo di conte di Borgogna e, con il fratello Stefano I di Borgogna, nel titolo di conte di Mâcon.

Nel 1088 il fratello, Guido di Borgogna (1050-1124), divenne vescovo di Vienne (sarà eletto papa, con il nome di Callisto II, nel 1119).

Resse la contea in un periodo reso molto delicato a seguito della controversia, nota come Lotta per le investiture, sorta tra papa Gregorio VII e l'imperatore del Sacro Romano Impero Enrico IV, che era anche re di Arles o delle due Borgogne, a cui Rinaldo si mantenne leale.

Nel 1096, rispose alla chiamata di papa Urbano II e partì con i nobili della prima crociata (1096-1099), ma, nel 1097, fu uno dei primi crociati a morire in Anatolia, senza poter arrivare in Terra Santa. Gli succedette l'unico figlio Guglielmo il Tedesco, che divise i titoli di conte di Borgogna e conte di Mâcon, con lo zio Stefano e poi con il cugino Rinaldo III di Borgogna.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Rinaldo II e Regina ebbero un unico figlio:

Predecessore Conte di Borgogna Successore
Guglielmo I 1087–1097 Guglielmo II
Predecessore Conte di Mâcon Successore
Guglielmo I 1087–1097 Guglielmo II e Stefano I

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William B. Stevenson, "La prima crociata", cap. XX, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 718–756.
  • Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", cap. XI, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 383–410.