Gunnora di Normandia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gunnora di Normandia (950 circa – 1031 circa) fu la moglie di Riccardo I di Normandia.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Tutto quello che si sa della famiglia d'origine di Gunnora è che si stabilirono, in un momento imprecisato, nel Pais de Caux[1] e se lo scrittore Roberto di Torigni afferma che era figlia di un uomo originario di quelle parti Dudo di Saint-Quentin le attribuisce delle origini danesi[2]. Gunnora nacque probabilmente attorno al 950[2] e pare che la sua famiglia fosse fra le più preminenti della Normandia occidentale ed ella stessa era probabilmente piuttosto ricca[3]. Il matrimonio che Gunnora contrasse con Riccardo I di Normandia fu sicuramente conveniente per entrambi, in quel modo Riccardo si andava a legare a una delle più influenti famiglie del Cotentin e anche per i parenti di lei[3]. Il fratello di Gunnora fu il fondatore di un'influente famiglia normanana e le sue sorelle e nipoti contrassero matrimoni altrettanto vantaggiosi[3]. Roberto di Torigni fornisce il resoconto di come sarebbe avvenuto il primo incontro fra Gunnora e Riccardo. Ella era ospite della sorella Seinfreda e Riccardo si trovava a cacciare nei boschi in quei pressi quando sentì parlare della bellezza della moglie del guardaboschi locale. A quel punto egli ordinò alla donna di andare alla sua presenza, ma Seinfreda mandò invece Gunnora che era ancora nubile, si dice che Riccardo non si sia adirato per questo sotterfugio, che permise a Seinfreda di non commettere adulterio, e decise quindi di sposare Gunnora con la quale ebbe tre maschi e tre femmine[2]. A differenza che in altri ducati la Normandia riconosceva i matrimoni secondo il costume More danico, tuttavia quando a Riccardo venne vietato di nominare il secondogenito Robert Arcivescovo di Rouen egli affermò che lui e la moglie erano sposati secondo i costumi della chiesa di Roma[2], cosa che rendeva legittimi i loro figli. Gunnora appare nei documenti ducali fino alla fine del decennio del 1020 e da questi si evince che era una donna versata nelle lingue e, si dice, dotata di eccellente memoria[2]. Gunnora fu anche una delle più importanti fonti di informazioni sulla storia normanna per il cronacotecario Dudo di Saint-Quentin[2] e come vedova di Riccardo accompagnò diverse volte i figli nei loro viaggi[2]. I documenti attestano anche che suo marito fece spesso affidamento su di lei, come reggente per il ducato, mediatore, giudice e, tipico ruolo della madre medioevale, quale arbitro fra lui e il figlio maggiore Riccardo[2]. Gunnora fu anche una delle fondatrici e delle sostenitrici della Cattedrale di Coutances e posò la sua prima pietra[2]. Ella morì attorno al 1031.

I figli[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio di Gunnora e Riccardo nacquero:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francois Neveux, A Brief History of the Normans (London: Constable and Robinson, Ltd., 2008)
  2. ^ a b c d e f g h i Elisabeth Van Houts, The Normans in Europe (Manchester: Manchester University Press, 2008)
  3. ^ a b c David Crouch, The Normans; the History of a Dynasty (London, New York: Hambledon Continuum, 2007)
Predecessore Duchessa di Normandia Successore
Emma di Parigi 989-996 Judith di Bretagna