Duchi di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera del Ducato di Borgogna

Il ducato di Borgogna ebbe origine in una piccola parte delle terre dell'antico regno dei Burgundi, nella zona situata ad ovest del fiume Saona, terre che nel 843 furono assegnate in vassallaggio al Regno franco occidentale di Carlo il Calvo (la futura Francia). Nei secoli successivi, mentre il resto dei territori dell'antico Regno di Borgogna si suddivisero in altri principati, assumendo altri nomi, a questa regione di confine rimase il nome di Borgogna, in ricordo delle terre proprie dei Burgundi (e tuttora le terre che appartennero propriamente a questo ducato, corrispondono a grandi linee con la odierna regione francese della Borgogna). Successivamente i re di Francia nominarono i governatori di questa provincia con il titolo di Duca, e questa in poco tempo divenne una carica ereditaria.

Segue l'elenco dei Duchi di Borgogna, (francese: Duc de Bourgogne), un titolo della nobiltà francese.

Bosonidi[modifica | modifica sorgente]

1004: il Ducato di Borgogna viene annesso alla corona di Francia

Dinastia capetingia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capetingi.

Ducato annesso direttamente al regno di Francia[modifica | modifica sorgente]

1032: il ducato di Borgogna, a seguito della rivolta ispirata dalla regina madre, Costanza d'Arles, venne ceduto dal re di Francia, Enrico I al proprio fratello, Roberto, riacquistando così la propria autonomia dalla corona

Primo casato capetingio di Borgogna[modifica | modifica sorgente]

Ducato annesso direttamente al regno di Francia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni I (1361-1364) (Giovanni II il Buono come re di Francia, Giovanni I come duca di Borgogna)

Secondo casato capetingio di Valois-Borgogna[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Valois.

Il ducato di Borgogna venne separato nuovamente dai domini reali francesi nel 1363, quando il re di Francia Giovanni II di Francia, concesso al figlio Filippo II, l'Ardito quelle terre in appannaggio.[1] In seguito i discendenti di Filippo l'Ardito estesero molto i loro domini, venendo a comprendere anche la Franca Contea, la Fiandra, l'Olanda, il Brabante, il Namur e il Lussemburgo.

Nella seconda metà del secolo XV, contro i tentativi espansionistici del duca di Borgogna Carlo il Temerario si formò un'ampia coalizione, di cui facevano parte la Francia e i Cantoni svizzeri, che lo sconfisse nella battaglia di Nancy, in cui perì lo stesso duca. Nel 1477, il territorio del Ducato di Borgogna fu annesso nuovamente ai domini reali diretti dei re di Francia, secondo la legge salica che escludeva le eredi femminili. Però, nello stesso anno, Maria di Borgogna, l'unica figlia ed erede di Carlo, sposò l'Arciduca Massimiliano d'Austria, consegnando al controllo asburgico la parte rimanente dell'eredità della Burgundia, che poteva essere trasmessa in linea femminile. Anche se il ducato di Borgogna in sé rimase nelle mani della Francia, agli Asburgo rimase il controllo dell'altra eredità burgunda, e spesso usarono il termine Burgundia nel riferirsi a essa, fino al tardo XVIII secolo.


Casato degli Asburgo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Asburgo.

Gli Asburgo per eredità dinastica da Maria di Borgogna, avrebbero avuto il diritto di ereditare l'intero territorio borgognone, ma in pratica a loro restarono solo la Franca Contea, il Chiablese ed i Paesi Bassi, mentre il Ducato di Borgogna vero e proprio venne annesso direttamente ai domini reali francesi. Nonostante questo gli Asburgo continuarono ugualmente a fregiarsi del titolo di Duchi di Borgogna.

Casato dei Borbone[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Borbone.

Casato degli Asburgo[modifica | modifica sorgente]

Duchi solo nominali.

Allo stesso tempo, anche vari membri della famiglia reale francese, tra cui il più importante Luigi di Borbone, padre di Luigi XV di Francia, si fregiarono del titolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Franco Cardini e Marina Montesano, Storia Medievale, Firenze, Le Monnier Università/Storia, 2006, pag. 371 "Il ducato di Borgogna era nato nel 1363, nel momento di massima disgregazione del regno di Francia: quando re Giovanni II aveva concesso al figlio Filippo l'Ardito (1363-1404) quella florida terra del sud-est francese in appannaggio."

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]