Antipapa Anacleto II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Pierleoni
cardinale di Santa Romana Chiesa
Kardinalcoa.png
Nato 1090 circa
Creato cardinale nel 1106 da papa Pasquale II
Deceduto 1138

Anacleto II, nato Pietro Pierleoni (Roma, 1090 circa – Roma, 25 gennaio 1138), fu un benedettino italiano, che divenne cardinale nel 1106 e che fu eletto papa nel 1130, in contrapposizione a papa Innocenzo II, ed è considerato antipapa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Pietro Pierleoni nacque a Roma intorno al 1090 ed apparteneva alla nobile e potente famiglia romana dei Pierleoni; suo padre Pietro Leoni fu anche Console di Roma. La famiglia, di origini ebraiche e residente nel quartiere dove dal 1555 sarebbe stato istituito il Ghetto ebraico sotto papa Paolo IV, si era convertita al cattolicesimo quasi un secolo prima e, grazie all'enorme ricchezza accumulata con operazioni mercantili e di commercio del denaro, aveva acquisito una posizione di assoluto prestigio fra le famiglie patrizie romane.

La casata era stata fondata dal converso Leone di Benedetto, che aveva ricevuto il proprio nome cristiano in omaggio a Papa Leone IX, da cui era stato battezzato tra il 1049 e il 1054. Altre fonti fanno invece risalire la fondazione e la conversione sotto Leone IX al padre di Leone di Benedetto, tale Benedetto Cristiano (da cui il cognome del figlio, "di Benedetto", secondo l'usanza del tempo di usare, per cognome, il patronimico). Già allora la famiglia disponeva di notevolissime risorse economiche, a cui probabilmente non era estraneo l'esercizio dell'usura o prestito ad interesse, che all'epoca la Chiesa si sforzava di proibire ai Cristiani. Il figlio di Leone fu Pietro di Leone, da cui il nome della famiglia "Pierleoni" per Pietro Junior e gli altri esponenti.

Dimora principale della famiglia era una casa-torre in Trastevere, ma i Pierleoni possedevano anche vari castelli; in uno dei quali morì nel 1099, loro ospite, Papa Urbano II; possedevano inoltre il Teatro di Marcello, l'intera Isola Tiberina, oltre naturalmente ad abitazioni, magazzini e botteghe. Tra i fratelli del futuro Anacleto, uno fu per breve tempo nominato Prefetto di Roma, ed un altro capo (patrizio) del Comune nel 1144, durante l'insurrezione che portò alla breve esperienza della Repubblica Romana.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Incoraggiato e sostenuto dal padre, collaboratore di Papa Gregorio VII, il giovane Pietro Pierleoni si dedicò agli studi ecclesiastici. Trascorse un periodo a Parigi, studiando sotto la guida del grande Abelardo e divenendo amico del principe Luigi futuro re Luigi VI di Francia; entrò inoltre nell'ordine monastico cluniacense. Richiamato a Roma, ricoprì vari incarichi, fino ad essere nominato nel 1116 Cardinale diacono da Papa Pasquale II, sembra su richiesta del padre. Partecipò alle due successive elezioni papali nel 1118 di papa Gelasio II e del 1119 di papa Callisto II. Quest'ultima svoltasi nell'Abbazia di Cluny dove rimase per alcuni mesi con Callisto II. Nel dicembre 1120 fu nominato cardinale prete con il titolo di Santa Maria in Trastevere. Poco tempo dopo fu Legato pontificio in Francia e in Inghilterra, in Scozia dove pare abbia vissuto con grande sfarzo alla corte di Enrico I; secondo William di Malmesbury, ritornò a Roma così carico di regali da parte del Re da suscitare lo stupore dei suoi colleghi. Del resto nei suoi anni di cardinalato il popolo commentava il suo stile di vita abbastanza sfarzoso. Forse anche per questo all'interno del collegio cardinalizio alcuni non lo ritenevano adatto al ruolo di pontefice. Non partecipò all'elezione pontificia del 1124 che elesse papa Onorio II, in quanto legato in Francia, ma sostenne, seppur a distanza, il cardinale Teobaldo Boccapecora. Il suo candidato, però, dopo esser stato eletto, fu costretto a dimettersi dai Frangipane prima che avesse termine la consacrazione. Senza consacrazione e intronazione, il suo candidato non poté divenire papa. Sei anni dopo, la sua famiglia cercò la rivincita.

Elezione[modifica | modifica sorgente]

Nel febbraio 1130, le condizioni di salute di Papa Onorio II erano peggiorate drammaticamente. Pietro Pierleoni, il più potente tra i cardinali, aveva già pensato al pontificato da tempo. Dalla sua parte aveva un discreto anche se non maggioritario sostegno nel sacro collegio e inoltre godeva di notevole prestigio presso molte famiglie aristocratiche, e soprattutto presso il popolo, in virtù della sua notevole ricchezza e liberalità. Tentò in tutti i modi di conquistare la successione. A questi piani si opponeva fortemente il partito ildebrandino, capeggiato dalla potente famiglia dei Frangipane.

Gli avvenimenti si svolsero concitatamente. Il cardinale Aimerico de la Chatre, cancelliere della curia, consapevole delle intenzioni dei Pierleoni, tentò al contrario di ostacolare l'eventuale elezione del cardinale Pierleoni. Il pontefice approssimandosi la morte, chiese di poter terminare i suoi giorni presso il monastero di Sant'Andrea, a lui fortemente caro, che si trovava presso il Celio, in territorio dei Frangipane. Il partito dei Pierleoni invece accusò il cardinale Aimerico di aver portato il papa in quel luogo, per ritardare l'annuncio della sua morte ed avere il tempo di organizzare accordi contro Pierleoni.

L'11 febbraio 1130 Aimerico convocò presso lo stesso monastero i cardinali di cui riteneva di potersi fidare per preparare la nuova elezione. Il resto della Curia rispose invocando l'anatema su tutti coloro che si accingessero all'elezione prima della morte di Onorio, secondo il decreto di Papa Nicola II del 1059 che regolava le elezioni papali, e nominando una commissione di otto cardinali elettori, in rappresentanza di ambo le parti, che avrebbero dovuto incontrarsi nella chiesa di Sant'Adriano solo dopo la sepoltura del Papa.

La scelta del luogo era stata fatta dai Pierleoni per evitare di essere alla mercé dei Frangipane in Sant'Andrea. In tutta risposta il cardinale cancelliere Aimerico inviò delle guardie a presidiare anche Sant'Adriano. I cardinali fedeli ai Pierleoni, si ritirarono allora nella chiesa di San Marco.

Il 13 febbraio si diffuse per Roma la voce della morte di Onorio. La folla inferocita si recò a Sant'Andrea, ma si disperse dopo che il Papa, tremante e delirante, si affacciò dalla balconata. Onorio, per cui forse lo sforzo dovuto alla sua ultima apparizione pubblica era stato eccessivo, morì durante la notte.

Secondo le disposizioni vigenti, il corpo del Pontefice defunto sarebbe dovuto rimanere esposto ai fedeli per tre giorni, e poi sepolto, prima che si potesse procedere all'elezione di un successore. Aimerico però accelerò i tempi. Espletate le funzioni liturgiche, fece trasportare la salma del pontefice in Laterano. Di buon mattino lo stesso Aimarico e i 16 cardinali del partito ildebrandino si riunirono ed elessero un cardinale famoso per il suo zelo religioso, il cardinale Gregorio Papareschi, diacono di Sant'Angelo. I Cardinali quindi si portarono in Laterano, dove il nuovo papa prese il nome di Innocenzo II, e quindi si ritirarono nella chiesa di Santa Maria in Palladio al sicuro, nuovamente in territorio controllato dai Frangipane.

Quando la notizia raggiunse San Marco, dove erano radunati i restanti quattordici cardinali, l'elezione di Innocenzo fu immediatamente dichiarata non canonica e si decise di eleggere papa il cardinale Pierleoni, che scelse il nome di Anacleto II. Si dava così inizio ad uno scisma destinato a durare fino al 1138, anno della morte di Anacleto. Pochi giorni dopo alcuni cardinali, che avevano eletto Innocenzo, decisero di approvare l'elezione di Anacleto, il quale finì per avere la maggioranza del collegio cardinalizio, oltre che il consenso dei rappresentanti del popolo e di quasi tutta la nobiltà romana.

Nessuno dei due papi decise però di rinunciare e scelsero lo stesso giorno per la consacrazione 23 febbraio: Innocenzo in Laterano con poca folla ed in fretta, per tornare a rifugiarsi nella fortezza dei Frangipane sul Palatino; Anacleto in San Pietro, con gli onori e l'appoggio del popolo e dell'amministrazione della città in mano ai Pierleoni.

Regno[modifica | modifica sorgente]

Anacleto avendo la maggioranza della popolazione dalla sua parte, il 15 febbraio ottenne il controllo del Laterano, e il 16 febbraio prese anche San Pietro, mentre Innocenzo perdeva progressivamente terreno. Sembra che Anacleto, disponendo di molte ricchezze, comprasse la fedeltà di molti Romani a suon dell'oro ottenuto, secondo i suoi avversari, almeno in parte dalla spoliazione di alcune chiese; comunque la sua famiglia era tra le più ricche di Roma, e riuscì a reclutare fra i suoi partigiani anche personaggi appartenenti alla opposta fazione dei Frangipane, loro storici antagonisti. Da qui anche le accuse di simonia che Anacleto ebbe successivamente, riportate storicamente. Ai primi di maggio Innocenzo lasciò Roma, avendo compreso di non avere molte possibilità di successo non avendo dalla sua il popolo romano.

Anacleto rimase il solo papa nella capitale. Politicamente, si trattò però di una decisione non fortunata: mentre Anacleto regnava a Roma, Innocenzo si recava dapprima a Pisa, quindi a Genova, poi in Francia ed in Inghilterra; infine alla corte dell'Imperatore Lotario III; da tutti ottenne il riconoscimento ufficiale della propria elezione, grazie anche allo schierarsi dalla sua parte dell'ecclesiastico più influente nell'Europa del tempo, Bernardo di Chiaravalle. Al contrario, Anacleto riuscì a guadagnare l'appoggio del solo Ruggero II, sempre con lo scambio di favori, cioè in cambio della corona, promessa, del Regno di Sicilia.

Per guadagnarsi il supporto di Lotario, Anacleto scomunicò il rivale di questi nell'aspirare al titolo imperiale, Corrado di Hohenstaufen, inimicandosi così la fazione che lo appoggiava. Lotario tuttavia non si lasciò influenzare, e nell'ottobre del 1130 indisse a Würzburg un sinodo di 16 vescovi tedeschi che al termine si pronunciò a favore di Innocenzo, seguendo la linea tracciata dal sinodo francese di Étampes di alcune settimane prima.

Rapporti con Ruggero II Altavilla[modifica | modifica sorgente]

Nel 1130 Anacleto indisse il concilio di Melfi, ovviamente poi non considerato valido dalla Chiesa Cattolica perché organizzato da un "Antipapa"; esso fu un Sinodo molto importante per gli aspetti politici. Il 5 novembre 1130, infatti, Anacleto istituì per la prima volta il titolo di Re di Sicilia (Rex Siciliae), in un periodo in cui mancava totalmente un potere centrale nel sud dell'Italia e il Ducato Normanno era in una profonda crisi. Anacleto, pertanto, elevò da Ducato a Regno il territorio posseduto dalla casata di Altavilla ed incoronò a Melfi Ruggero II d'Altavilla. L’Antipapa riconobbe e confermò a Ruggero anche i titoli, già concessi, di Duca di Calabria e di Puglia e Prìncipe di Capua. L'incoronazione ufficiale fu definitivamente celebrata, alla presenza di un delegato pontificio di Anacleto come investitore, nel Natale del 1130 a Palermo.

La vita politica di Anacleto si venne così a trovare legata a doppio filo a quella di Ruggero: insieme i due si videro costretti a fronteggiare due distinte "spedizioni punitive" imperiali, durante la prima delle quali Innocenzo, al seguito di Lotario, giunse a Roma e, mentre Anacleto si rinchiudeva in San Pietro, incoronò formalmente l'Imperatore in Laterano il 4 giugno 1133. Questo momento segnò il punto di massimo declino subito da Anacleto. Tuttavia, in entrambi i casi, Ruggero riuscì rapidamente a ripristinare il controllo su Roma e sul suo territorio, dopo l'inevitabile partenza delle truppe imperiali; Innocenzo fu allora costretto a fuggire nuovamente da Roma e a tornare a Pisa.

Nondimeno, era ormai chiaro che Anacleto non avrebbe potuto ottenere il riconoscimento delle maggiori potenze europee né dei più importanti ordini monastici: anche i cluniacensi, l'ordine a cui apparteneva, erano schierati a favore di Innocenzo. Lo stesso Ruggero II, ottenuta e consolidata la corona, non aveva particolari motivi per metterla a repentaglio continuando ad appoggiare Anacleto. Si tentò la conciliazione diplomatica e nel 1137 venne convocato un incontro a Salerno, a cui ciascuno dei due Papi inviò tre rappresentanti per sostenere la propria causa. L'esito fu tuttavia inconcludente: Anacleto mantenne l'appoggio di Ruggero, ma perse quello di Pietro da Pisa, il proprio Cancelliere e capo delegazione, che venne convinto da Bernardo di Chiaravalle, che non faceva formalmente parte della delegazione di Innocenzo, ma si trovava a Salerno come osservatore, ad abbandonare Anacleto e riconoscere come papa Innocenzo. L'abbandono da parte del proprio Cancelliere, inviato per sostenere le ragioni della propria legittimità, ebbe grande risonanza e fu un colpo durissimo al prestigio di Anacleto, dal quale quest'ultimo non si riprese più.

Deposizione al Concilio di Melfi V[modifica | modifica sorgente]

Il legittimo Papa Innocenzo II e l'Imperatore Lotario II di Supplinburgo, concentrarono nel maggio 1137 le proprie armate nei pressi del castello di Lagopesole, assediarono la città di Melfi e costrinsero Ruggero II Altavilla alla fuga, quindi riuscirono a conquistare la sua ex capitale, Melfi il 29 giugno. Il Pontefice tenne il Concilio di Melfi V nel castello del Vulture nello stesso anno 1137: la più probabile data va dal 29 giugno al 4 luglio. I Padri conciliari decisero la deposizione definitiva dell’antipapa Anacleto II.

È significativo rilevare come Innocenzo volle dimostrare, in questa sede, al rivale che la deposizione solenne avvenisse nello stesso luogo, il castello di Melfi, e con lo stesso strumento, un concilio, dove Anacleto aveva istituito un titolo di Sovrano e lo aveva concesso alla casata Altavilla.

Il 4 luglio Innocenzo II, insieme all’Imperatore Lotario di Supplinburgo delegittimò anche Ruggero II di Sicilia della Casata degli Altavilla, in favore di Rainulfo di Alife, della Casata Drengot, nuovo Duca di Puglia.

Verso la fine del 1137, Anacleto cominciò a perdere il controllo su Roma. Già a novembre, Innocenzo datava le sue lettere con Romae, anziché con l'ambigua locuzione in territorio Romano che aveva usato in precedenza. All'inizio dell'anno successivo, Anacleto controllava solo il Vaticano e Castel Sant'Angelo. Il 25 gennaio 1138, appena in tempo per evitare una disfatta totale, Anacleto moriva. La sua tomba non fu mai ritrovata.

Conclavi[modifica | modifica sorgente]

Durante il suo periodo di regolare cardinalato, il Pierleoni partecipò ai seguenti conclavi

Non partecipò invece al conclave del 1124, che elesse papa Onorio II, in quanto partecipante ad una legazione pontificia in Francia.

Dopo la morte di Anacleto II[modifica | modifica sorgente]

La morte di Anacleto pose fine allo scisma durato ben otto anni, e nonostante il tentativo da parte dei Pierleoni di fare eleggere un ulteriore antipapa nella persona del cardinale Gregorio Conti, Innocenzo rientrò a Roma e governò senza opposizione, convocando nell'aprile 1139 il Secondo Concilio Lateranense dove si condannò Anacleto, si scomunicò Ruggero (col quale, poi, Innocenzo si riconcilierà dopo esser stato sconfitto militarmente) e si ribadirono alcuni temi della dottrina cattolica che avevano interessato direttamente o indirettamente lo scisma, cioè l'usura e la simonia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • John Julius Norwich, The Normans in Sicily, Penguin Books, 1992 (raccoglie The Normans in the South, 1967, e The Kingdom in the Sun, 1970, dello stesso autore)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Cardinale diacono dei Santi Cosma e Damiano Successore Kardinalpallium.png
Gionata seniore
1099 - 1106
1106 - 1120 Guido da Vico
11301150
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore Kardinalpallium.png
Pietro
1112 - 1120
1120 - 1130 vacante
fino al 1140

Controllo di autorità VIAF: 47555522