Antipapa Filippo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo (... – ...) fu antipapa per un solo giorno, il 31 luglio 768.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Oggetto delle trame altrui, più che attivo per proprio conto, fu cappellano del convento di San Vito sull'Esquilino. Il cancelliere papale del tempo, Cristoforo, aveva cercato l'aiuto dei Longobardi per deporre Costantino II, che era il candidato della fazione militare romana. Quando Costantino fu fatto prigioniero, Valdiperto, inviato del re dei Longobardi Desiderio, accompagnò Sergio, fratello di Cristoforo, nel suo attacco a Roma ponendo così fine al papato di Costantino. Valdiperto installò quindi Filippo come papa. Cristoforo, essendo venuto a conoscenza di ciò, dichiarò che non sarebbe entrato in Roma finché Filippo non fosse stato rimosso. Filippo fu così costretto a ritornare al proprio monastero. Cristoforo entrò a Roma e fece in modo di far eleggere papa Stefano III.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, I papi - Storia e segreti, Vol. I, Roma, Newton & Compton, 1983

Controllo di autorità VIAF: 32352643