Sovrani longobardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I re longobardi furono i primi a fregiarsi abitualmente del titolo di Re d'Italia.[1]

Successione dei re longobardi
Inizio regno Fine regno Re Dinastia note
Ibor e Aio sovrani mitici
fine IV secolo-inizio V secolo Agilmondo
inizio V secolo Lamissone
V secolo Leti Letingi
seconda metà V secolo Ildeoc Letingi
seconda metà V secolo Godeoc Letingi
fine V secolo Claffone Letingi
500 510 Tatone Letingi
510 540 Vacone Letingi
540 547 Valtari Letingi reggenza di Audoino
547 560 Audoino Gausi
560 572 Alboino Gausi
572 574 Clefi Beleos
574 584 Periodo dei Duchi, detto dell'anarchia
584 590 Autari Beleos dal 589 Teodolinda regina
591 616 Agilulfo Teodolinda regina
dal 604 Adaloaldo associato al trono
616 625 Adaloaldo Bavarese reggenza di Teodolinda
626 636 Arioaldo Gundeperga regina
636: interregno di Gundeperga (dieci mesi)
636 652 Rotari Arodingi Gundeperga regina
652 653 Rodoaldo Arodingi
653 661 Ariperto I Bavarese
661 662 Pertarito e Godeperto Bavarese divisione del regno in due parti con capitali Pavia e Milano
662 671 Grimoaldo
671 671 Garibaldo
671 688 Pertarito Bavarese dal 680 Cuniperto associato al trono
688 700 Cuniperto Bavarese Ermelinda regina
688 - 689: usurpazione di Alachis
700 701 Liutperto Bavarese reggenza di Ansprando
701 701 Ragimperto Bavarese Ariperto II associato al trono
701 702 Liutperto Bavarese
702 712 Ariperto II Bavarese 702: Rotarit antiré
712 712 Ansprando Liutprando associato al trono
712 744 Liutprando dal 737 Ildebrando associato al trono
744 744 Ildebrando
744 749 Rachis Tassia regina
749 756 Astolfo
756 757 Rachis trono conteso da Desiderio
756 774 Desiderio Ansa regina
dal 759 Adelchi associato al trono

A partire dal 774, anno della vittoria dei Franchi su Desiderio, i titoli di re d'Italia[senza fonte] e di re dei Longobardi furono assunti da Carlo Magno e dai suoi successori.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si veda ad esempio Del regno d'Italia sotto i barbari: epitome di Emanuele Tesauro o Dei re d'Italia, inaugurati o no con la corona ferrea, da Odoacre fino al regnante augusto imperatore Ferdinando I di Francesco Antolini

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Sergio Rovagnati, I Longobardi (Xenia, Milano 2003)
longobardi Portale Longobardi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di longobardi