Widsith

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Widsith
Autore sconosciuto
1ª ed. originale IX secolo
Genere poema
Lingua originale antico inglese

Il Widsith è un poema in antico inglese, composta da 144 versi, datato intorno al IX secolo e considerato la trasposizione di una più antica tradizione orale anglosassone. Ci è stato tramandato da un'unica fonte manoscritta, il Codice di Exeter redatto alla fine del X secolo.

Il poema si compone per la maggior parte di un elenco dei popoli, dei re e degli eroi nordeuropei dell'Età germanica del ferro. Escludendo la presentazione dello scop (It. bardo) Widsith. la conclusione ed alcuni brevi commenti sparsi nel testo, il poema si divide in tre cataloghi, chiamati in antico inglese þulas.

  • Il primo þula cita una lista di famosi re, sia dell'epoca che più antichi, secondo lo schema (Nome del re) regnò sui (Nome della tribù).
  • Il secondo þula contiene i nomi dei popoli visitati dal narratore, secondo lo schema Stetti con i (Nome della tribù), e anche con i (Nome di un'altra tribù).
  • Il terzo þula contiene l'elenco degli eroi dei miti e delle leggende di sua conoscenza secondo lo schema (Nome dell'eroe) ho cercato, e anche (Nome di un secondo eroe) e (Nome di un terzo eroe).

Il poema contiene la prima menzione storica del nome dei Vichinghi (versi 47, 59, 80). Si conclude con un breve commento sull'importanza e la fama che poeti come Widsith offrono, con molte allusioni alla munifica generosità nei confronti dei bardi da parte dei signori mecenati "che ne capiscono di canti".

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Anglo-Saxon poetry: an anthology of Old English poems tr. S. A. J. Bradley. Londra: Dent, 1982.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]